Trasparenza Rifiuti Gambettola

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Gambettola

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Gambettola

Logo Anutel

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’odine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

Per inoltro di segnalazioni, reclami e richiesta di informazioni: 

Comune di Gambettola - Servizio Lavori Pubblici

Gruppo Hera

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione

Calendario ed orario di raccolta.


Zona dove è partito il porta a porta con un modello di raccolta differenziato misto.

Carta, Plastica, Vetro e Potature sono rimasti in strada e Organico e Indifferenziato sono porta a porta, i giorni del ritiro sono:

dal 15.05 al 30.09 Organico il Lunedì, Mercoledì e Venerdì - Indifferenziato il Giovedì

dal 01.10 al 14,05 Organico il Lunedì e Venerdì - Indifferenziato il Giovedì



Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso

Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Abitazione con 2 occupanti
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Abitazione con 5 occupanti
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
BAR PASTICCERIA
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
AUTORIMESSE
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:

REGOLE PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE 

L’art. 1, comma 651, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, prevede che:
“Il comune nella commisurazione della tariffa tenga conto dei criteri determinati con il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158”.

In ordine alla determinazione della tariffa il citato DPR 158/99  dispone che la stessa è composta da:

  • una parte fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio

  • una parte variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti prodotti

La tariffa inoltre è articolata nelle fasce di utenza domestica e non domestica. Alla tariffa viene aggiunto sempre il 5% relativo all’addizionale Provinciale che l’Ente riscuote per conto della Amministrazione Provinciale.


UTENZA DOMESTICA

La tariffa dell’utenza domestica si applica sia alle superfici adibite a civile abitazione sia alle relative pertinenze e si calcola come somma di: :

  • la quota fissa: calcolata moltiplicando la superficie dell’alloggio sommata a quella delle relative pertinenze per la tariffa unitaria corrispondente al numero degli occupanti dell’utenza stessa

  • la quota variabile: costituita da un valore assoluto, ossia un importo rapportato al numero degli occupanti che non va moltiplicato per i metri quadrati dell’utenza e va sommato come tale alla quota fissa.


UTENZA NON DOMESTICA

Anche per le utenze non domestiche la tariffa sui rifiuti si compone di una quota fissa e di una quota variabile, per il calcolo delle quali bisogna tener conto dei metri quadrati dell'immobile occupato e della tipologia di attività che viene svolta all'interno dello stesso. 


Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 6.628,40 t
Cluster: Comuni con elevata densità abitativa, bassa età media e localizzazione prevalente nel centro-sud - € 45,224617
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 45,08%
Fattori di contesto del comune: € 61,743454
Economie e diseconomie di scala: € 0,181245
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 9
Impianti di trattamento meccanico biologico: 9
Discariche: 9
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 25,654 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 38,86%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 20,97%
Rifiuti smaltiti in discarica: 17,39%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste
Le riduzioni e le agevolazioni sono contemplate nel Titolo IV del vigente regolamento
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
Utilizzando i seguenti codici: - 3944: Tari - tassa sui rifiuti - 3945: interessi su Tari-tassa sui rifiuti - 3946: sanzioni su Tari – tassa sui rifiuti.
Addebiti diretti SDD
Costi dipendenti dalla propria banca creditrice
Previa autorizzazione all'addebito
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
30/06/2020
33,33%
2° rata
30/09/2020
33,33%
3° rata
16/12/2020
33,34%

SCADENZE PER IL PAGAMENTO

La tassa è liquidata in tre rate, comprensive del tributo provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell’ambiente, di cui all’articolo 19 del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504, con scadenza 30 aprile, 31 luglio e 30 novembre, oltre ad un conguaglio da emettersi in corrispondenza con la prima rata dell’anno successivo, a quello di competenza, con computo separato. 

Per l'anno 2020, con deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 30/04/2020, si è stabilito:

- di differire il termine per il pagamento della prima rata dal 30 aprile 2020 al 30 giugno 2020 per tutte le utenza;

- di rideterminare le scadenze di pagamento delle rate successive: 2° rata 30 settembre 2020 - 3° rata 16 dicembre 2020.


La prima rata è calcolata in base alle tariffe 2019 e in base alle dichiarazioni presentate dall’intestatario dell’utenza.


Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

SANZIONI

In caso di mancato versamento di una o più rate alle date stabilite dal presente regolamento, il Comune provvede a notificare al contribuente, anche a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento, un sollecito di pagamento, dando un termine non inferiore a 30 giorni per effettuare il versamento della tassa non versata, degli interessi legali e delle spese di notifica. Decorso inutilmente tale termine, il Comune provvede a notificare atto di accertamento per omesso o insufficiente versamento del tributo, con applicazione della sanzione pari al 30 per cento dell’importo non versato o tardivamente versato. 

Per le utenze non domestiche alle quali sia stato inviato, ai sensi dell’articolo 18, comma 2, la comunicazione relativa agli importi dovuti tramite posta elettronica certificata, il Comune provvede a notificare atto di accertamento per omesso o insufficiente versamento del tributo, con applicazione della sanzione pari al 30 per cento dell’importo non versato o tardivamente versato, omettendo l’invio del sollecito di pagamento di cui al comma 5 del presente articolo. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione di cui al periodo precedente è ridotta ad un importo pari ad un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo. 

In caso di omesso o insufficiente versamento della TARI risultante dalla dichiarazione, si applica l'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471. 

In caso di omessa presentazione della dichiarazione, si applica la sanzione dal 100 per cento al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. 9) In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. 

In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario di cui al comma 3, entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione da euro 100 a euro 500. 

Le sanzioni sono ridotte ad un terzo se, entro il termine per la proposizione del ricorso, interviene acquiescenza del contribuente, con pagamento del tributo, se dovuto, della sanzione e degli interessi. 

Non si procede all’emissione dell’atto di accertamento qualora l’ammontare dovuto, comprensivo di imposta, sanzioni ed interessi, non sia superiore all’importo di euro 12, con riferimento ad ogni periodo d’imposta, salvo che il credito derivi da ripetuta violazione degli obblighi di versamento del tributo. 


INTERESSI

La misura annua degli interessi è pari al tasso di interesse legale di cui all'art. 1284 Codice Civile. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili.


RISCOSSIONE COATTIVA 

Le somme liquidate o accertate dal Comune, se non versate entro i termini prescritti, salvo che sia emesso provvedimento di sospensione, sono riscosse coattivamente secondo le disposizioni normative vigenti.


Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

SEGNALAZIONE ERRORI IMPORTI

Nel caso in cui riscontrasse errori che incidono sul calcolo del tributo può utilizzare i recapiti mail e telefonici indicati nella seguente Area Tematica dei Tributi.


RICHIESTA RIMBORSI

La cessazione dà diritto al rimborso della tassa a decorrere dalla data nella quale questa è avvenuta. Se la dichiarazione di cessazione è stata presentata tardivamente, si prende a riferimento la data della sua presentazione, fatto salvo il diritto dell’interessato di provare l’insussistenza del presupposto impositivo per i periodi precedenti. 

Il contribuente può richiedere al Comune il rimborso delle somme versate e non dovute, entro il termine di 5 anni dal giorno del pagamento ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione. 

Le istanze di rimborso non danno automaticamente al contribuente il diritto di differire o sospendere i pagamenti.

Il Comune provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell’istanza di rimborso. Sulle somme da rimborsare è corrisposto l’interesse pari al tasso legale. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dalla data di pagamento. 

Le somme da rimborsare possono su richiesta del contribuente, avanzata nell’istanza di rimborso, essere compensate con gli importi dovuti dal contribuente al Comune stesso a titolo di TARI. La compensazione è subordinata alla notifica del provvedimento di accoglimento del rimborso. 


SOMME DI MODESTO AMMONTARE

Ai sensi dell’art. 1, comma 168, della Legge 27 dicembre 2006, n° 296, non si procede al versamento in via ordinaria per somme inferiori a € 2,07 euro per anno di imposta. 


Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

DOCUMENTI DI RISCOSSIONE ON LINE

Possibilità di consultazione della propria posizione con visualizzazione dei documenti unitamente al Mod. F24 accedendo al Portale Tributario On-Line” 

E’ possibile accedere al portale tramite SPID (Sistema Pubblico Identità Digitale), CIE (Carta di Identità Elettronica), CNS o FedERa.