Trasparenza Rifiuti San Vito
Trasparenza Rifiuti San Vito

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di San Vito

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di San Vito

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti San Vito

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti

    Immagini Stock - Il Lavoratore Raccoglie Spazzatura In Un Camion Di Rifiuti Per Portarlo Fuori Dalla Città. Pulizia Della Città. Rifiuti Domestici, Riciclaggio. Riciclaggio Di Rifiuti Industriali. Illustrazione Vettoriale Isolato In Stile                  

Ruolo del gestore: Raccolta e trasporto rifiuti

Ragione sociale di chi eroga il servizio:

DITTA  GIOVANNI PILI

- Partita IVA: 00951550912

VIA LA MARMORA 6

08040 GAIRO (NU)

TELEFONO_0782 73325

cell. 3713364378

PEC. DITTAPILIGIOVANNI@PEC.IT




    File:San Vito (Italia)-Stemma.png - Wikipedia                        


Ruolo del gestore: Tariffe e rapporti con gli utenti

Ragione sociale di chi eroga il servizio: COMUNE DI SAN VITO

Sito internet: www.comune.sanvito.ca.it/it



 





Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti

Ruolo del gestore: Raccolta e trasporto rifiuti

DITTA PILI GIOVANNI

PRENOTAZIONI RITIRO INGOMBRANTI  NUMERO DI SERVIZIO 371.3364378 





Ruolo del gestore: Tariffe e rapporti con gli utenti

Indirizzo: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI SAN VITO

              PIAZZA MUNICIPIO 3

              09040 SAN VITO (SU)

Telefono : 0709928946

Mail       : marco.pisu@comune.sanvito.ca.it

 PEC. ufficio.protocollo@pec.comune.sanvito.ca.it

Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
SI INFORMANO I CONTRIBUENTI CHE IL SERVIZIO DI SPAZZAMENTO E PULIZIA STRADE VIENE EFFETTUATO DAL SOGGETTO GESTORE DEL SERVIZIO RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI NEI GIORNI E SEGUENDO IL CALENDARIO SETTIMANALE ALLEGATO QUI SOTTO.
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
UTENZA DOMESTICA - DUE OCCUPANTI
Per un'utenza domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 227,98, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 0,58
Tariffa variabile: € 167,47
Quota fissa: € 0,58 * 100 * (365/365) = € 58,00
Quota variabile: € 167,47 * (365/365) = € 167,47
Totale imposta: € 58,00 + € 167,47 = € 225,47
Totale: € 225,47 + 5 % = € 236,74
UTENZA NON DOMESTICA - BAR CAFFE' PASTICCERIE
Per un'utenza non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 668,85, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 2,00
Tariffa variabile: € 4,81
Quota fissa: € 2,00 * 100 * (365/365) = € 200,00
Quota variabile: € 4,81 * 100 * (365/365) = € 481,00
Totale imposta: € 200,00 + € 481,00 = € 681,00
Totale: € 681,00 + 5 % = € 715,05

Regole di calcolo della tariffa

Per calcolare la TARI dovrai calcolare la quota fissa e la quota variabile, distinguendo se si tratta di un immobile ad uso domestico o non domestico.

Gli elementi utili per il calcolo TARI sono i seguenti:

1.   superficie in metri quadri

2.   periodo di riferimento

3.   nucleo familiare

4.   quota fissa

5.   quota variabile

6.   quota provinciale 5% dell’imponibile

 

Per utenze domestiche

La quota fissa della TARI si ottiene moltiplicando la superficie in metri quadri dell’immobile per la relativa tariffa fissa (determinata dal Comune di residenza in base al numero di persone che occupano l’immobile) secondo la formula
METRI QUADRATI X TARIFFA FISSA.

La quota variabile della TARI è, invece, determinata dal Comune di San Vito in base al numero di persone che occupano l’immobile.

Le due quote vengono sommate e, al risultato ottenuto, viene applicato il tributo provinciale pari al 5% dell’imponibile.

Esempio

Consideriamo un nucleo composto da 3 componenti e abitazione di 100 m² su base annua (365 gg)

Ipotizziamo che il Comune abbia deliberato le seguenti tariffe:

·          tariffa parte fissa: 0,43 euro

·          tariffa parte variabile (considerando 3 componenti): 253,61 euro

·          quota provinciale: 5%

Secondo la modalità corretta di calcolo si ottiene:

Parte fissa TARI

0,43 € x 100 m²

43,00 €

Parte variabile TARI

x 3 Componenti

253,61 €

Quota Provinciale

0,05 x (43,00 + 253,61)

14,83 €

Totale TARI

43,00 + 253,61 + 14,83

311,44 €

Totale Arrotondato

311,00 €

Per utenze non domestiche

La quota fissa della TARI si ottiene moltiplicando la superficie in metri quadri dell’immobile per la relativa tariffa fissa (determinata dal Comune di residenza in base alla relativa categoria di appartenenza) secondo la formula
METRI QUADRATI X TARIFFA FISSA.

La quota variabile della TARI si ottiene moltiplicando la superficie in metri quadri dell’immobile per la relativa tariffa variabile (determinata dal Comune di residenza in base alla propria categoria di appartenenza) secondo la formula
METRI QUADRATI X TARIFFA VARIABILE.

Le due quote vengono sommate e, al risultato ottenuto, viene applicato il tributo provinciale pari al 5% dell’imponibile.

Esempio

Consideriamo un negozio di abbigliamento di 100 m², categoria di appartenenza 10 su base annua (365 gg)

Ipotizziamo che il Comune abbia deliberato le seguenti tariffe:

·          tariffa parte fissa: 0,54 euro

·          tariffa parte variabile (considerando la categoria di appartenenza): 2,13 euro

·          quota provinciale: 5%

Secondo la modalità corretta di calcolo si ottiene:

Parte fissa TARI

0,54 € x 100 m²

54,00 €

Parte variabile TARI

2,13 € x 100 m²

213,00 €

Quota Provinciale

0,05 x (54,00 + 213,00)

13,35 €

Totale TARI

54,00 + 213,00 + 13,35

280,35 €

Totale Arrotondato

280,00 €

 

Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2017)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: t
Cluster: - €
Tariffa nazionale di base:
Raccolta differenziata: %
Fattori di contesto del comune:
Economie e diseconomie di scala:
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento:
Impianti di trattamento meccanico biologico:
Discariche:
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: %
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: %
Rifiuti smaltiti in discarica: %
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Per eventuali riduzioni (ad es. abitazioni per uso stagionale) è possibile consultare l'articolo 21 pagina 14 del Regolamento per la disciplina
della Tassa sui Rifiuti (TARI) approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 11/03/2021.


Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita


Codici tributo per il  ritardato pagamento. In caso di ritardato pagamento saranno dovuti, oltre alla tassa, anche le sanzioni e gli interessi.


Il versamento dovrà essere effettuato utilizzando i seguenti codici:
3944: Tari - tassa sui rifiuti;
3945: interessi su Tari-tassa sui rifiuti;
3946: sanzioni su Tari – tassa sui rifiuti.

Per gli Enti Pubblici, il versamento del tributo può essere effettuato:

1. tramite il modello F24 EP, utilizzando i seguenti codici tributo:
365E: Tari -tassa sui rifiuti;
366E: interessi su Tari-tassa sui rifiuti;
367E: sanzioni su Tari – tassa sui rifiuti






Bonifico estero


MODALITA’ DI PAGAMENTO DALL’ESTERO

Il pagamento dall’Estero può essere effettuato tramite bonifico bancario;

Le coordinate sono le seguenti:

IBAN: IT 74 U 01015 86160 000000010041

BIC: BPMOIT22XXX

CAUSALE: PAGAMENTO TARI ANNO.....ESEGUITO DA......PER IL FABBRICATO SITO IN VIA..........


Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
MODALITA' DI PAGAMENTO

il presente avviso di Pagamento Tari, relativo all'anno 2021, è suddiviso in 4 rate con possibilità di

pagamento in un'unica soluzione.

- 1° RATA SCADENZA IL 31/07/2021;

- 2° RATA SCADENZA IL 31/08/2021;

- 3° SCADENZA IL 30/10/2021;

- 4° RATA SCADENZA IL 10/12/2021;

- UNICA RATA SCADENZA IL 12/12/2021;



MODAITA' DI PAGAMENTO DALL'ESTERO
Il pagamento dall’Estero può essere effettuato tramite bonifico bancario indicante Nome, Cognome e data di
nascita del titolare dell’utenza Tari, l’anno di riferimento del tributo e l’indirizzo dove si trova il fabbricato.
Le coordinate sono le seguenti:
IBAN: IT 74 U 01015 86160 000000010041
BIC: BPMOIT22XXX
CAUSALE: PAGAMENTO TARI 2020......
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto


  • In caso di omesso o insufficiente o tardivo versamento del tributo, si applica la sanzione del 30% dell’imposta dovuta, ovvero della differenza d’imposta dovuta, ovvero dell’imposta tardivamente versata.
  • E’ consentita la regolarizzazione degli omessi o parziali versamenti della TARI oltre il termine di un anno dalla scadenza, a condizione che il pagamento del tributo sia effettuato contestualmente al pagamento della sanzione del 10% e non risulti già accertato. Le somme dovute a titolo d’imposta, vanno maggiorate degli interessi calcolati al tasso legale, con maturazione giorno per giorno.
  • Il versamento deve essere effettuato dal contribuente utilizzando il modello di pagamento F24, riportando gli appositi codici tributo, distinti per tassa, sanzioni e interessi. La decorrenza per gli interessi è fissata alla data di scadenza della rata in un’unica soluzione per l’annualità di competenza.
In caso di omessa presentazione della dichiarazione originaria o di variazione si applica, sul primo anno d'imposta, la sanzione amministrativa del:
  • 100% DEL TRIBUTO DOVUTO;


RAVVEDIMENTO OPEROSO

 Con la conversione in Legge del Decreto Fiscale 2020 viene esteso ai tributi locali il ravvedimento lungo oltre l'anno dopo la scadenza. Quindi oltre il normale ravvedimento operoso, adesso è possibile effettuare versamenti per imposte dopo un anno (e fino a due anni) con una sanzione pari al 4,29% (1/7 della sanzione) e dopo due anni con una sanzione del 5% (1/6 della sanzione).




Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile


RIESAME IN SEDE DI AUTOTUTELA
Qualora venissero riscontrati errori o circostanze rilevanti agli effetti del riesame del presente atto (es. pagamento effettuato, errore nella titolarità del
provvedimento, etc.), si invita la S.V. a presentare tempestiva e documentata segnalazione presso l’Ufficio Tributi in Piazza Municipio, n. 3 CAP 09040,
San Vito (SU). La richiesta di riesame deve essere presentata in carta semplice con consegna diretta presso l’Ufficio predetto oppure a mezzo posta al
medesimo indirizzo, nonché per posta elettronica certificata all'indirizzo: ufficio.protocollo@pec.comune.sanvito.ca.it;
Ai sensi dell’art. 8 della Legge n. 241/1990, si rende noto che il responsabile del procedimento è il Sig. Marco Pisu dell’ufficio tributi; chiarimenti sull’
istruttoria possono essere richiesti contattando il numero di Tel: 070/9928946 o mediante e-mail: marco.pisu@comune.sanvito.ca.it, al fine di ottenere
informazioni complete in merito all’atto notificato;

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione