Trasparenza Rifiuti Riva Ligure

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Riva Ligure

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Riva Ligure

Logo Anutel

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’odine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio/Spazzamento strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti

AMAIE ENERGIA E SERVIZI SRL 

- Info-point e distribuzione presso Palafiori Sanremo


dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 13:30
il sabato dalle 9:00 alle 13:00

- Servizio call center



Numero Verde: 800 310 042
Cell.: 3371413084 (è attivo anche il servizio Whatsapp)
dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 13:30


portaaporta@amaie-energia.it

comunicazione@amaie-energia.it


UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI RIVA LIGURE


ORARIO
Lunedì: CHIUSO
Martedì: 09:30 - 12:00
Mercoledì: CHIUSO
Giovedì: 09:30 - 12:00
Venerdì: CHIUSO
Sabato: CHIUSO
Domenica: CHIUSO
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

Per informazioni o segnalazioni ci si può rivolgere a  

AMAIE ENERGIA E SERVIZI SRL 

numero verde 800 310 042 

oppure collegandosi al sito della AMAIE ENERGIA E SERVIZI SRattraverso il link indicato in calce.

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
FREQUENZA RACCOLTA RIFIUTI UTENZE DOMESTICHE (FUORI CENTRO STORICO) - PERIODO STANDARD
lunedì:
SECCO
martedì:
PLASTICA
mercoledì:
ORGANICO
giovedì:
CARTA
sabato:
ORGANICO
REQUENZA RACCOLTA RIFIUTI UTENZE DOMESTICHE (FUORI CENTRO STORICO) - ALTA STAGIONE
lunedì:
SECCO; ORGANICO
martedì:
PLASTICA
mercoledì:
ORGANICO
giovedì:
CARTA
venerdì:
SECCO
sabato:
ORGANICO; PLASTICA

GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 

La raccolta viene effettuata solo nel territorio comunale ed è destinata alle utenze domestiche e non domestiche.

Per le utenze domestiche è previsto il rilascio di apposita tessera, con la quale accedere a servizi dedicati, come ad esempio il conferimento degli ingombranti presso il Centro di Raccolta ed il ritiro dei sacchetti per il conferimento dei rifiuti dal distributore automatico presso la sede comunale. Si ricorda che: la tessera viene rilasciata gratuitamente all'atto della denuncia TARI presso l'Ufficio Tributi, mentre i duplicati sono soggetti al versamento di €10,00 per diritti di segreteria (il pagamento può essere effettuato attraverso il portale PagoPa), previa compilazione del modulo di autocertificazione allegato.

IL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE DI VIA ORTASSI IN SANTO STEFANO AL MARE OSSERVA I SEGUENTI ORARI CON I SEGUENTI ORARI:

LUNEDì      

DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 12.00

MARTEDì     

DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 12.00

DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00

MERCOLEDì

DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 12.00

GIOVEDì      

DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 12.00

VENERDì     

DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 11.00

DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00

SABATO       

DALLE ORE 13.00 ALLE ORE 19.00

DOMENICA   

DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00




Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Per informazioni ci si può rivolgere a:

AMAIE ENERGIA E SERVIZI SRL DI SANREMO 

numero verde: 800 310 042  

cell.: 3371413084 (è attivo anche il servizio whatsapp) 

dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.30

mail: portaaporta@amaie-energia.it oppure comunicazione@amaie-energia.it 



Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Il servizio promuove e supporta gli utenti nella gestione del compostaggio domestico, si invitano gli utenti a consultare il Regolamento comunale sul Compostaggio Domestico.

Qualora si voglia effettuare il compostaggio domestico, è necessario compilare la RICHIESTA DI ADESIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DELLA FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI allegata.

INDIFFERENZIATO 

Va conferito in un sacchetto grigio ben chiuso. RICORDA: Se avrai fatto bene la raccolta, il tuo sacchetto sarà sempre più piccolo e leggero!

COSA DIFFERENZIARE:

SI : assorbenti e pannolini; biro; carta da forno; candele; cassette audio/video; cosmetici; cerotti; chewing gum; collant; dischi; dvd; dentifrici; foto; guanti in gomma; lampadine a incandescenza; mozziconi di sigarette; palloni; pennarelli; pennelli; pettini e spazzole; piastrine per zanzare; preservativi; radiografie; rasoi usa e getta; sacchetti di aspirapolvere; scontrini; siringhe; spazzolini e spugne.

NOapparecchiature elettriche ed elettroniche*; farmaci scaduti*; file*; rifiuti voluminosi e ingombranti*;rifiuti riciclabili (carta, plastica, vetro, metalli, scarti alimentari e organici).

*vanno conferiti agli Ecocentri.

PLASTICA E ALLUMINIO

La carta ed il cartone devono essere ridotti di volume e conferiti nell'apposito contenitore BLU senza sacco o all'interno di sacchetti di carta o scatole di cartone; NON è ammesso il sacchetto di plastica e neanche quello biodegradabile.

ORGANICO

L’organico (scarto di preparazione o consumo dei cibi, misto anche a carta da cucina a base cellulosica) deve essere conferito solo nei sacchetti biodegradabili/compostabili forniti dal gestore nell'apposito contenitore marrone. Non è ammesso l’uso di sacchetti di plastica. Si ricorda che il ritiro del KIT per la raccolta differenziata può essere effettuato previa prenotazione presso l'Ufficio Tributi Comunale, preferibilmente tramite posta elettronica all'indirizzo: ufficiotributi@comunedirivaligure.it

VETRO

Il vetro deve essere conferito vuoto direttamente nel contenitore verde, senza utilizzare alcun sacco; NON è ammesso il sacchetto di plastica e neanche quello biodegradabile.

RIFIUTI INGOMBRANTI, SPECIALI O PERICOLOSI

Tutti i rifiuti diversi da quelli sopra citati, come ad esempio ingombranti, materassi, arredi, elettrodomestici, vernici, toner, pile, ecc. devono essere portati agli Ecocentri.

ATTENZIONE! I rifiuti ingombranti possono essere gratuitamente conferiti presso il Centro di Raccolta gestito dalla società Amaie Energia e Servizi Srl di Via Ortassi nel Comune di Santo Stefano al Mare oppure richiedendo il ritiro al domicilio al numero verde 800 310 042, con pagamento di un contributo.

Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
LE INFORMAZIONI PRESENTI IN QUESTA SEZIONE VENGONO ACQUISITE AUTOMATICAMENTE DAL CATASTO NAZIONALE DEI RIFIUTI ISPRA.
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
ABITAZIONE CON DUE OCCUPANTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
ABITAZIONE 4 OCCUPANTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
BAR, CAFFè, PASTICCERIA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
CARROZZERIA, AUTOFFICINA, ELETTRAUTO
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 1.866,39 t
Cluster: Comuni a forte vocazione turistica con alto livello di benessere, bassa densità abitativa e con localizzazione prevalente in zone montane o litoranee - € 78,941238
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 45,29%
Fattori di contesto del comune: € 89,847908
Economie e diseconomie di scala: € 0,733146
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 0
Impianti di trattamento meccanico biologico: 4
Discariche: 4
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 13,29 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 0%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 9,01%
Rifiuti smaltiti in discarica: 34,03%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

IL REGOLAMENTO TARI PREVEDE LE SEGUENTI RIDUZIONI

-> Riduzioni della tassa sui rifiuti per livelli inferiori di prestazione del servizio (articolo 11 Regolamento TARI)
Per le utenze ubicate fuori dal perimetro di raccolta, come definito dal vigente regolamento comunale per la gestione del servizio dei rifiuti urbani ed assimilati, la tassa è dovuta, sia per la parte fissa sia per quella variabile, nella misura del 40 per cento. La tassa è dovuta, sia per la parte fissa sia per quella variabile, nella misura del 20 per cento della tariffa in caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento nonché di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall'autorità sanitaria di danno o di pericolo di danno alle persone o all'ambiente. La riduzione di cui al comma precedente si applica limitatamente al periodo dell’anno per il quale è stato accertato il verificarsi delle situazioni ivi descritte.


-> Riduzioni della tassa sui rifiuti per particolari condizioni d’uso (articolo 12 Regolamento TARI)
La tariffa, sia per la parte fissa sia per quella variabile, è ridotta per le seguenti fattispecie:
a) una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso: riduzione del 66,66%. Le predette condizioni a presupposto della riduzione devono risultare da idonea documentazione prodotta preventivamente al Comune;
b) locali, diversi da abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o non continuativo, ma ricorrente, comunque non superiore a 183 giorni nel corso dello stesso anno solare, a condizione che ciò risulti da idonea documentazione: riduzione del 30 per cento.

-> Riduzione della tassa sui rifiuti per il compostaggio (articolo 13 Regolamento TARI)
La tariffa del tributo è ridotta alle utenze domestiche che abbiano avviato il compostaggio dei propri scarti organici ai fini dell'utilizzo in sito del materiale prodotto.
In tal caso si applica una riduzione del 5% della parte variabile della tariffa del tributo. La riduzione è subordinata alla ammissione, da parte del Comune, dell’istanza da presentarsi, entro il 31 dicembre dell'anno precedente, ai sensi dell’art. 5 del vigente Regolamento comunale per il servizio di auto compostaggio domestico. Il Comune si riserva la facoltà di procedere in qualsiasi momento a controlli sull'effettiva attivazione del compostaggio domestico. Il contribuente è tenuto a dichiarare il venir meno delle condizioni che danno diritto alla loro applicazione entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione di variazione. Le riduzioni/esenzioni cessano comunque alla data in cui vengono meno le condizioni per la loro fruizione, anche se non dichiarate.
Per le utenze non domestiche che effettuano il compostaggio aerobico individuale per residui costituiti da sostanze naturali, non pericolose, prodotti nell'ambito delle attività agricole svolte in forma imprenditoriale ai sensi dell’art. 2135 c.c. e vivaistiche, è prevista la riduzione della quota variabile della tariffa nella misura del 10%. Le predette utenze non domestiche che intendono praticare il compostaggio aerobico, devono farne richiesta all'amministrazione comunale che provvede a darne comunicazione al gestore.


-> Agevolazione per l’avvio al riciclo dei rifiuti assimilati (articolo 14 Regolamento TARI)
Le utenze non domestiche hanno diritto ad una riduzione della quota variabile della tariffa sulla base delle quantità di rifiuti che il produttore dimostri di aver avviato al riciclo mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di riciclo dei rifiuti stessi. Le attestazioni, corredate di idonea documentazione giustificativa, sono soggette a valutazione tecnica di congruità da parte degli uffici comunali preposti.
Per “riciclo” si intende, ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lettera u), del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, qualsiasi operazione di recupero attraverso cui i rifiuti sono trattati per ottenere prodotti, materiali o sostanze da utilizzare per la loro funzione originaria o per altri fini. Include il trattamento di materiale organico ma non il recupero di energia né il ritrattamento per ottenere materiali da utilizzare quali combustibili o in operazioni di riempimento. La riduzione di cui al comma precedente viene calcolata proporzionalmente sulla quota variabile con percentuale pari al rapporto tra il quantitativo di rifiuti urbani o assimilati, avviati al riciclo nel corso dell’anno solare, e la produzione annua stimata in base ai coefficienti medi di potenziale produzione per ogni categoria di attività – deducibili dalla tabella 3° del D.P.R. 158/1999 .
Le riduzioni saranno applicate sulla base della documentazione prodotta entro il termine del 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, pena la decadenza dal beneficio.
Le riduzioni 
sono calcolate per ciascun anno a consuntivo con compensazione con il tributo dovuto per l’anno successivo o rimborso d’ufficio dell’eventuale eccedenza pagata, nel caso di incapienza.


-> Altre agevolazioni della tassa sui rifiuti  (articolo 15 Regolamento TARI - per le condizioni, modalità di applicazione e periodo di applicazione di si invita l'utenza a consultare il Regolamento TARI)
Il tributo è ridotto nelle seguenti casistiche secondo le specifiche condizioni e modalità:
Riduzioni per le utenze domestiche

a. 30% della parte variabile della tariffa per le abitazioni in cui sono residenti portatori di handicap, con invalidità non inferiore al 74 per cento (articolo 9 del decreto legislativo 23 novembre 1988, n. 509 - riconosciuta in sede di visita medica presso la competente Commissione sanitaria), ed il cui indicatore ISEE del nucleo familiare non sia superiore ad € 15.000,00.

b. Riduzione per partecipazione a tutte le iniziative organizzate nel corso dell’anno solare dal Comune nell’ambito delle campagne formative a favore della tutela ambientale:
- 5% della parte variabile della tariffa.
c. PER IL SOLO ANNO 2020: Riconoscimento bonus € 10,00 per ciascuna utenza domestica a titolo di ristoro mancato ritiro sacchi per la raccolta differenziata durante il periodo di emergenza sanitaria per la diffusione del virus COVID-19

d. PER IL SOLO ANNO 2020: Riduzione 10% della parte variabile per le utenze domestiche di soggetti il cui nucleo familiare anagrafico comprenda personale medico e/o infermieristico e/o operatori sanitari - impiegato durante il periodo di emergenza sanitaria per COVID-19 - presso ospedali sia pubblici che privati o case di riposo.

Riduzioni per le utenze non domestiche

a. 30% della quota variabile del tributo per conferimento di tutte le tipologie di rifiuti solidi urbani ed assimilati al Centro di Raccolta comunale effettuato dagli occupanti, detentori, possessori di locali iscritti nelle seguenti categorie TARI:
- 11 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze;
- 16 Ristoranti, trattorie osterie, pizzerie;
- 17 Bar, caffè, pasticceria;
- 18 Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi;
- 20 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante.
b. PER IL SOLO ANNO 2020: 50% della quota variabile del tributo per utenze non domestiche di contribuenti, con partita IVA (attività produttive), la cui attività È STATA SOSPESA dalla normativa inerente le misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19;

c. PER IL SOLO ANNO 2020: 10% della quota variabile del tributo per di utenze non domestiche di contribuenti con partita IVA (attività produttive), la cui attività NON è stata sospesa dalla normativa inerente le misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
Modelli precompilati inviati insieme all’invito al pagamento
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
16/09/2020
25,00%
2° rata
16/10/2020
25,00%
3° rata
16/11/2020
25,00%
4° rata
16/12/2020
25,00%

Per l'anno 2020 sono state stabilite le seguenti scadenze:


  • a titolo di acconto: 16 SETTEMBRE; 16 OTTOBRE; 16 NOVEMBRE;
  • a titolo di saldo: 16 DICEMBRE.


A partire dall'anno 2021 le scadenze saranno le seguenti:

  • a titolo di acconto: 16 MARZO; 16 GIUGNO; 16 SETTEMBRE.

  • a titolo di saldo: 16 DICEMBRE.


Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

Le SANZIONI e gli INTERESSI sono disciplinati dall'articolo 29 del Regolamento TARI che stabilisce: 

  1. in caso di omesso o insufficiente versamento: si applica la sanzione amministrativa del 30 per cento dell’importo non tempestivamente versato. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a novanta giorni, la sanzione di cui al primo periodo è ridotta alla metà. Salva l’applicazione dell’articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione di cui al secondo periodo è ulteriormente ridotta a un importo pari a un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo. La sanzione non si applica se i versamenti sono stati tempestivamente eseguiti ad Ente diverso da quello competente;
  2. in caso di omessa presentazione della dichiarazione: si applica la sanzione amministrativa dal 100 per cento al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di euro 50,00. In caso di presentazione di una dichiarazione entro trenta giorni dalla scadenza del relativo termine, la sanzione di cui al primo periodo è ridotta della metà;
  3. in caso di infedele dichiarazione: si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del tributo non versato, con un minimo di euro 50,00;
  4. in caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario,  entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso: si applica la sanzione da euro 100,00 ad euro 500,00. La contestazione della violazione deve avvenire, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione.

Le sanzioni applicate nei casi di cui ai punti 2, 3 e 4 sono ridotte ad un terzo se, entro il termine per la proposizione del ricorso, interviene l’acquiescenza del contribuente, con il pagamento del tributo, se dovuto, della sanzione ridotta e degli interessi maturati.

Attenzione! Per quanto non specificamente disposto dal Regolamento TARI si applica la disciplina prevista per le sanzioni amministrative per la violazione di norme tributarie di cui al decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.


Sulle somme dovute a seguito di inadempimento si applicano gli interessi al saggio legale aumentato di 3 punti percentuali. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili. Gli interessi, nella medesima misura e con la stessa modalità di calcolo, spettano al contribuente per le somme ad esso dovute a decorrere dalla data dell’eseguito versamento.

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

DICHIARAZIONE TARI

ai sensi dell'articolo 21 del Regolamento TARI:

I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione di inizio, di variazione o di cessazione del possesso, della occupazione o della detenzione dei locali e delle aree scoperte entro il termine del 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si è verificato l’evento. La dichiarazione, debitamente sottoscritta, deve essere redatta su apposito modello messo a disposizione dal Comune e consegnata secondo le modalità ivi previste. Il modello deve contenere anche l’indicazione degli identificativi catastali, del numero civico di ubicazione dell’immobile e del numero di interno.

In caso di mancata presentazione della dichiarazione per l'anno di cessazione, il tributo non è dovuto per le annualità successive se il contribuente dimostri di non aver continuato l'occupazione, la detenzione o il possesso dei locali ed aree ovvero se il tributo sia stato assolto dal contribuente subentrante.

Nel caso di occupazione, detenzione o possesso in comune di un immobile, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti, detentori o possessori.
La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati cui consegua un diverso ammontare della tassa. In caso di modificazioni la dichiarazione, limitatamente all'immobile variato, deve essere presentata entro i termini di cui al precedente comma 1.
La dichiarazione non è dovuta, in assenza di variazione, per le superfici già dichiarate o accertate ai fini dell’applicazione dei precedenti prelievi comunali sui rifiuti.

Gli uffici comunali, in occasione di richiesta di residenza, rilascio di licenze, autorizzazioni o concessioni, devono invitare il contribuente a presentare la dichiarazione nel termine previsto; resta fermo l’obbligo del contribuente di presentare la dichiarazione anche in assenza del predetto invito.



RIMBORSI

ai sensi dell'articolo 31 del Regolamento TARI: il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente al Comune entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione. Il rimborso deve essere effettuato entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell’istanza.

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione