Trasparenza Rifiuti San Gregorio nelle Alpi
Trasparenza Rifiuti San Gregorio nelle Alpi

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di San Gregorio nelle Alpi

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di San Gregorio nelle Alpi

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti San Gregorio nelle Alpi
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti - Raccolta e trasporto rifiuti
Raccolta e trasporto rifiuti
Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Tariffe e rapporti con gli utenti - Raccolta e trasporto rifiuti
Raccolta e trasporto rifiuti

- SERVIZIO TARIFFE E RAPPORTI CON GLI UTENTI: sportello aperto presso il comune di San Gregorio nelle Alpi il giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 - tel. 0437/800018 - email barbara.depaoli@feltrino.bl.it

- SERVIZIO LAVAGGIO E SPAZZAMENTO STRADE: Ufficio Tecnico Comune: aperto il Lunedì 15.00-17.00 - tel. 0437/800018 - mail: tecnico.sgregorio@feltrino.bl.it

- SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI:

PER PRENOTAZIONE DI BIDONCINI E SACCHETTI: Bellunum srl - numero verde 800284482 - dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 13.30 - email: ecosportello@bellunum.com

PER RITIRO DI BIDONCINI E SACCHETTI PRENOTATI: sportello di Bellunum aperto presso la sede del comune il GIOVEDI' dalle 10 alle 12


Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

- PER RECLAMI IN MERITO AL SERVIZIO DI RACCOLTA:

Bellunum srl - numero verde 800284482 - dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 13.30 - email: ecosportello@bellunum.com

- PER RECLAMI IN MERITO AGLI AVVISI DI PAGAMENTO:

sportello aperto presso il comune di San Gregorio nelle Alpi il giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 - tel. 0437/800018 - email barbara.depaoli@feltrino.bl.it

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all’articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Carta servizi Bellunum srl
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta

Il servizio di spazzamento stradale viene eseguito a seguito del taglio delle erbe e degli infestati lungo i cigli stradali effettuato con mezzi e personale comunale e nella stagione autunnale a seguito della caduta delle foglie sulla sede stradale.



Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili

APPLICAZIONE TARIFFA

Le tariffe si compongono di una quota determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio di gestione dei rifiuti, riferite in particolare agli investimenti per le opere ed ai relativi ammortamenti (quota fissa), e da una quota rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito ed all’entità dei costi di gestione (quota variabile):

1) utenze domestiche residenti: - parte fissa per edificio - parte variabile in base ai componenti della famiglia 

2) utenze domestiche non residenti: - parte fissa per edificio

3) utenze non domestiche: - parte fissa per edificio - parte variabile a metro quadro

Per tutte le utenze nella tariffa base applicata sono compresi n. 12 svuotamenti annui del bidoncino per la raccolta porta a porta del secco; l’eccedenza per gli svuotamenti effettuati oltre tale soglia viene recuperata nella bolletta dell’anno successivo.


RIDUZIONI/ESENZIONI UTENZE NON DOMESTICHE:

1. Nella determinazione della superficie imponibile non si tiene conto di quella parte di essa, ove, per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione, si formano di regola rifiuti speciali non assimilati, pericolosi o non pericolosi, allo smaltimento dei quali sono tenuti a provvedere a proprie spese i produttori stessi, in base alle norme vigenti.

2. Nell’ipotesi in cui vi siano obiettive difficoltà nel delimitare le superfici ove si formano di regola i rifiuti speciali non assimilati agli urbani, l’individuazione di queste ultime è effettuata in maniera forfettaria applicando all’intera superficie su cui l’attività viene svolta una riduzione del 20%.

3. L’esenzione o la riduzione di cui ai commi 1 e 2 viene riconosciuta solo ai contribuenti che provvedano ad indicare le superfici produttive di rifiuti speciali non assimilati nella dichiarazione di cui al successivo art. 22 ed a fornire idonea documentazione comprovante l’ordinaria produzione dei predetti rifiuti ed il loro trattamento in conformità delle disposizioni vigenti. In caso di mancata indicazione in denuncia delle superfici produttive di rifiuti speciali, l’esenzione o la riduzione di cui al comma 1 e 2 non potrà avere effetto fino a quando non verrà presentata la relativa indicazione nella dichiarazione.

4. La TARI non è dovuta in relazione alle quantità di rifiuti assimilati agli urbani che il produttore dimostri di aver avviato al recupero. La riduzione fruibile, in ogni caso non può essere superiore al totale della parte variabile della tariffa. La riduzione viene calcolata in base al rapporto tra il quantitativo di rifiuti assimilati agli urbani avviati al recupero nel corso dell’anno civile e la produzione complessiva di rifiuti assimilati agli urbani prodotti dall’utenza nel corso del medesimo anno.

5. Sono esclusi dall’applicazione della riduzione di cui al comma precedente i locali adibiti ad uffici, servizi, mense e qualsiasi altro locale non destinato ad attività produttiva e a magazzino.

6. Il titolare dell’attività che provvede al recupero dei rifiuti prodotti deve presentare preventivamente una comunicazione nella quale dovranno essere indicati:

  • i locali dove si produce il rifiuto che viene avviato a recupero;
  • i codici dei rifiuti avviati a recupero;
  • il periodo di avvio a recupero

7. La tassa relativa alle utenze non domestiche, qualora non venga iniziata l’attività od essa venga a cessare, ed i locali, pur mantenendo la stessa destinazione, non siano utilizzati, è dovuta solo nella misura corrispondente alla tariffa prevista per la parte fissa stabilita per ciascuna categoria;

8. esenzione completa dei locali che risultano in obiettive condizioni di non utilizzo nel corso dell’anno o parte di esso, purché non siano adibiti ad uso alcuno e non risultino allacciati ai servizi di rete (servizio idrico, dell’energia elettrica, gas) o siano privi di arredamento.


ZONE NON SERVITE:

Per le utenze ubicate fuori dalla zona servita il tributo da applicare è ridotto in misura del 60% della tariffa se la distanza dell’utenza dal più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita è superiore o pari a 400 metri lineari (calcolati su strada carrozzabile).


MANCATO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO:

In caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti o di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonché di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall’autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all’ambiente, il tributo è dovuto dai contribuenti coinvolti in misura del 20 % del totale.


RIDUZIONI/ESENZIONI UTENZE NON DOMESTICHE:

1. Per le utenze domestiche che provvedono a smaltire in proprio gli scarti compostabili mediante compostaggio domestico (tramite composter, fossa, concimaia) viene applicata unariduzione determinata annualmente, contestualmente alla determinazione delle tariffe,con effetto dal semestre successivoa quello di sottoscrizione di apposita convenzione nella quale si attesta che verrà praticato il compostaggio domestico in modo continuativo;

2.La TARI è ridotta a favore delle famiglie con bambini da 0 a 3 anni, che utilizzano pannolini riciclabili e quindi non chiedono la chiavetta per il conferimento negli appositi contenitori; si applica una riduzione annua della tariffa variabile per tre anni. Tale riduzione è determinata contestualmente alla fissazione delle tariffe annue in ragione della minore spesa sostenuta dal Comune per lo smaltimento. La riduzione è applicata su domanda;

3. La tassa è limitata alla sola quota fissa per l'abitazione non utilizzata a seguito del ricovero dell’utilizzatore proprietario in una struttura protetta, o appartenente a ex residenti con utilizzo del tutto saltuario, o appartenente a deceduti;

4.esenzione completa dei locali che risultano in obiettive condizioni di non utilizzo nel corso dell’anno o parte di esso, purché non siano adibiti ad uso alcuno e non risultino allacciati ai servizi di rete (servizio idrico, dell’energia elettrica, gas) o siano privi di arredamento.






Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2017)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 549,92 t
Cluster: Comuni montani localizzati prevalentemente lungo l’arco appenninico del centro-sud - € 53,91790567
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 92,54%
Fattori di contesto del comune: € 49,36948877
Economie e diseconomie di scala: € 2,7192
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 3
Impianti di trattamento meccanico biologico: 5
Discariche: 10
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 50,764 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 13,39%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 55,83%
Rifiuti smaltiti in discarica: 14,73%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Sono esenti dalla tassa le abitazioni occupate da persone, sole o riunite in nuclei familiari, nullatenenti ed in condizioni di accertata indigenza, assistite in modo permanente dal Comune, a seguito diapposita relazione annuale dei servizi sociali.

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita

Il pagamento viene effettuato tramite F24; per gli utenti impossibilitati a ciò (es. residenti estero) è prevista la possibilità di versare con bonifico o altre modalità previste dalla normativa

Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
Unica
16/06/2022
100,00%
Rata
Entro il
%
1° rata
16/06/2022
50,00%
2° rata
16/12/2022
50,00%
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto
In caso di ritardato o omesso pagamento della tassa, è applicabile da parte dell’utente il ravvedimento operoso, così come previsto dalla normativa vigente, al tasso legale attualmente in vigore; il comune procede ad un primo invio di sollecito bonario invitando al pagamento; successivamente è avviata la fare della riscossione coattiva (accertamento, ingiunzione, intimazione, forme di riscossione coatta come pignoramento dello stipendio, fermo amministrativo di veicolo, ecc..) con applicazione di interessi, sanzioni e addebito all'utente di tutte le spese di procedura
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.

Errori o variazioni negli importi o variazioni nei dati dell'utenza possono essere segnalati utilizzando i seguenti recapiti:

telefono: 0439/317576 – fax 0439/317575 pec: cmfeltrina.bl@cert.ip-veneto.net - email: barbara.depaoli@feltrino.bl.it 

SPORTELLO APERTO PRESSO IL COMUNE DI SAN GREGORIO NELLE ALPI il GIOVEDI' dalle 9 alle 12 - telefono 0437/800018

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

E’ possibile richiedere l’invio elettronico della bolletta contattando l’ufficio ai seguenti recapiti:


telefono: 0439/317576 – fax 0439/317575 pec: cmfeltrina.bl@cert.ip-veneto.net - email: barbara.depaoli@feltrino.bl.it 

SPORTELLO APERTO PRESSO IL COMUNE DI SAN GREGORIO NELLE ALPI il GIOVEDI' dalle 9 alle 12 - telefono 0437/800018


Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell’Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti