Trasparenza Rifiuti Santa Maria a Monte
Trasparenza Rifiuti Santa Maria a Monte

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Santa Maria a Monte

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Santa Maria a Monte

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Santa Maria a Monte
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti


Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).

 

TARIFFE E RAPPORTI CON GLI UTENTI
COMUNE DI SANTAMARIA A MONTE
0587/261611
Piazza della Vittoria 47
RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI
TARIFFE E RAPPORTI CON GLI UTENTI

0587/261621 - 625

info@comune.santamariaamonte.pi

PIAZZA DELLA VITTORIA 47 - 56020 SANTA MARIA A MONTE

COMUNICARE CON L'UFFICIO TRIBUTI

  

L’Ufficio tributi effettuerà il proprio servizio di consulenza e assistenza ai cittadini nei giorni dal Martedì al Venerdì mattina dalle ore 09,00 alle ore 12,30 il Martedì e Giovedì pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 17,00

Telefono 0587/261621 - 265

L’indirizzo di posta elettronica a cui inviare invece tutte le comunicazioni o richieste relative ai tributi comunali è l.spinelli@comune.santamariaamonte.pi.it, indicando necessariamente un proprio recapito telefonico dove poter essere ricontattati.

Modulistica per l'invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

MODALITA' INVIO SEGNALAZIONI 

E' possibile inviare segnalazioni al Comune di Santa Maria a Monte accedendo direttamente alla sezione dedicata sulla home page del comune reperibile al seguente indirizzo: https://www.comune.santamariaamonte.pi.it/modulistica-e-documenti/urp-ufficio-relazioni-con-il-pubblico/5712

Altrimenti, se la segnalazione o reclamo riguarda esclusivamente la modalità di tassazione, si può compilare il modulo allegato ritornando poi lo stesso a: l.spinelli@comune.santamariaamonte.pi.it

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
RACCOLTA INDIFFERENZIATO

MARTEDI' IL 2° E 4° MARTEDI' DI OGNI MESE:

pomeriggio

RACCOLTA ORGANICO
LUNEDI':
pomeriggio
VENERDI':
pomeriggio
RACCOLTA CARTA
MERCOLEDI':
mattina
RACCOLTA MULTIMATERIALE LEGGERO
GIOVEDI':
pomeriggio

I dati aggiornati sono presenti anche sul sito del Comune alla voce Ambiente:

http://www.comune.santamariaamonte.pi.it/servizi/ambiente

Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto

Carta, imballaggi in plastica e metallo, secco e umido sono raccolti “porta a porta” direttamente sulla strada davanti alle abitazioni. I rifiuti devono essere conferiti esclusivamente negli appositi sacchetti /mastelli, di diverso colore (sacco CODIFICATO (kit rilasciato dall'ente)  per indifferenziato, sacco blu per multimateriale, mastello marrone per organico, mastello bianco per la carta).

Il vetro viene raccolto attraverso le apposite campane stradali.

Per la corretta effettuazione della raccolta differenziata vedi l'allegato.

Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Orari e calendario relativi allo spazzamento sono reperibile presso l'ufficio zero rifiuti negli orari dal martedì al venerdì dalle ore 8:30 alle 13:00.
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
UTENZA DOMESTICA 1 OCCUPANTE
Per un'utenza domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 122,48, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 70,455
Tariffa variabile: € 0,462
Quota variabile: € 0,462 * 100 * (365/365) = € 46,20
Quota fisse: € 70,455 * (365/365) = € 70,455
Totale imposta: € 46,20 + € 70,455 = € 116,65
Totale: € 116,65 + 5 % = € 122,48
UTENZA DOMESTICA 4 OCCUPANTI
Per un'utenza domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 288,29, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 215,775
Tariffa variabile: € 0,588
Quota variabile: € 0,588 * 100 * (365/365) = € 58,80
Quota fissa: € 215,775 * (365/365) = € 215,77
Totale imposta: € 215,77 + € 58,80 = € 274,57
Totale: € 274,57 + 5 % = € 288,29
UTENZA NON DOMESTICA- CAT 17 ATTIVITA' ARTIGIANALI
Per un'utenza non domestica di 50mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 339,57, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 1,88
Tariffa variabile: € 4,588
Quota fissa: € 1,88 * 50 * (365/365) = € 94,00
Quota variabile: € 4,588 * 50 * (365/365) = € 229,40
Totale imposta: € 94,00 + € 229,40 = € 323,40
Totale: € 323,40 + 5 % = € 339,57
UTENZA NON DOMESTICA - CAT 24 BAR,PASTICCERIE
Per un'utenza domestica di 50mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 741,87, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 4,105
Tariffa variabile: € 10,026
Quota fissa: € 4,105 * 50 * (365/365) = € 205,25
Quota variabile: € 10,026 * 50 * (365/365) = € 501,30
Totale imposta: € 205,25 + € 501,30 = € 706,55
Totale: € 706,55 + 5 % = € 741,87

TARI MODALITA’ DI CALCOLO

La TARI, come la TARES, si compone di una parte fissa ed una parte variabile senza applicazione diretta dell’iva al contribuente.

- La parte fissa è determinata tenendo conto delle componenti del costo del servizio di igiene urbana (investimenti e relativi ammortamenti, spazzamento strade ecc.);

- La parte variabile copre i costi del servizio rifiuti integrato (raccolta, trasporto, trattamento, riciclo, smaltimento) ed è rapportata alla quantità di rifiuti presumibilmente prodotta).

MODALITÀ DI CALCOLO PER LE UTENZE DOMESTICHE

Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali (ovvero i metri quadrati netti misurati al filo interno delle murature) per la tariffa fissa unitaria,  poi si aggiunge la tariffa variabile che è determinata in relazione al numero degli occupanti:

- Tributo:

Es: abitazione di 284 mq con 4 persone residenti posseduta per l’intero anno:

(MQ * TARIFFA FISSA) + TARIFFA VARIABILE = TRIBUTO ANNUALE AL NETTO  DEL TRIBUTO PROVINCIALE

All'importo del Tributo occorre aggiungere:

- (5 %) per TRIBUTO PROVINCIALE per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale, previsto dall’articolo 19 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.


MODALITÀ DI CALCOLO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE (classificate in base alle 30 categorie merceologiche previste dal D.P.R. 158/99)

Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali (ovvero i metri quadrati netti misurati al filo interno delle murature) per la tariffa fissa unitaria della categoria di appartenenza e si aggiunge il prodotto tra la superficie dei locali e la tariffa variabile della categoria di appartenenza:

 (TARIFFA FISSA * MQ) + (TARIFFA VARIABILE * MQ) = TRIBUTO ANNUALE AL NETTO  DEL TRIBUTO PROVINCIALE

All'importo del Tributo occorre aggiungere:

- (5 %) per TRIBUTO PROVINCIALE per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale, previsto dall’articolo 19 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2018)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 5.530,45 t
Cluster: Comuni con medio-alto livello di benessere e attrazione economica localizzati nelle zone pianeggianti del nord-est - € 0,913016624
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 75,11%
Fattori di contesto del comune: € 39,84270131
Economie e diseconomie di scala: € 0,25212
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 6
Impianti di trattamento meccanico biologico: 15
Discariche: 7
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 18,117 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 10,67%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 13,86%
Rifiuti smaltiti in discarica: 33,3%
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Agevolazioni Tariffarie


1) Per le utenze domestiche sono previste le agevolazioni per reddito, di seguito indicate:

- del 50% nei confronti dei pensionati ultrasessantacinquenni (se maschi) o ultrasessantenni (se femmine), residenti nel Comune, che vivono in coppia, con o senza vincoli di parentela, senza coabitare con altre persone, a condizione che il valore dell’ISEE, calcolato ai sensi della vigente normativa, non sia superiore ad Euro 9.200,00.

- del 100% nei confronti di pensionati singoli ultrasessantacinquenni (se maschi) o ultrasessantenni (se femmine), residenti nel Comune, che vivono da soli, senza coabitare con altre persone, a condizione che il valore dell’ISEE, calcolato ai sensi della vigente normativa, non sia superiore ad Euro 8.200,00. 

- del 50% nei confronti dei nuclei familiari monoreddito composti da quattro o più persone residenti nel Comune, a condizione che il valore dell’ISEE, calcolato ai sensi della vigente normativa, non sia superiore ad Euro 12.500,00. Si considera monoreddito il nucleo familiare che, per la maggior parte dell’anno, percepisce il proprio reddito da un’unica fonte, con esclusione, in ogni caso, del reddito dell’abitazione principale e relative pertinenze;

- del 50% nei confronti dei nuclei familiari dei quali facciano parte soggetti portatori di handicap ai sensi della L. 104/92, in condizioni di assoluta non autosufficienza permanente certificata dal servizio sanitario dell’ASL, purché tali soggetti non siano tenuti presso strutture pubbliche e private, con valore dell’ISEE, calcolato ai sensi della vigente normativa, non superiore ad Euro 12.500,00.

Le agevolazioni di cui sopra vengono concesse su istanza dell’utente, da presentarsi ogni anno, entro il termine del 30 settembre, corredata dalla relativa documentazione e ISEE con redditi riferiti all’anno precedente, e valgono per l’intero anno di riferimento.

Ai fine della determinazione dell’agevolazione nel nucleo familiare non vengono computati i collaboratori domestici, le badanti e simili.

L’agevolazione viene concessa purchè il contribuente sia in regola con il pagamento del tributo relativo all’anno precedente.

Regolamento TARI o regolamento per l'applicazione di una tariffa di natura corrispettiva
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita
Modello Semplificato F24 - Gratuito
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso

SCADENZA RATE  TARI - ANNO 2022

 

 

1°rata ACCONTO 30/04/2022

2°rata ACCONTO 30/05/2022

3°rata ACCONTO 30/06/2022

1° rata SALDO 30/09/2022

2° rata SALDO 31/10/2022

3° rata SALDO 30/11/2022

4° rata SALDO 31/12/2022

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto

Per chi, per vari motivi, non ha potuto pagare le rate della TARI entro le scadenze stabilite, è possibile ovviare a tale ritardo utilizzando l'istituto giuridico del Ravvedimento Operoso.

Il Ravvedimento operoso consente al contribuente di pagare l'imposta dovuta con una piccola sanzione, ridotta rispetto alla sanzione normale. A seconda del ritardo il contribuente potrà pagare sanzioni ridotte ed interessi sulla base del numero di giorni di ritardo.

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'Articolo 13 del decreto legislativo 472/97.

Il ravvedimento operoso è utilizzabile solo se la violazione non sia stata già contestata e comunque non siano iniziate attività amministrative di accertamento delle quali il contribuente abbia avuto formale informativa.

In caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi vanno versati sommandoli all'imposta e quindi con lo stesso codice tributo.

Ci sono quattro tipologie di ravvedimento (il "Ravvedimento Medio" è stato introdotto dalla Legge di Stabilità 2015) di cui le prime tre modificate nell'entità della sanzione dal DLgs 158/2015:

  1. Ravvedimento Sprint: prevede la possibilità di sanare la propria situazione versando l'imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza con una sanzione dello 0,1% giornaliero (in precedenza era 0,2%) del valore dell'imposta più interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.
  2. Ravvedimento Breveapplicabile dal 15° al 30° giorno di ritardo, prevede una sanzione fissa del 1,5% (in precedenza era 3%) dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.
  3. Ravvedimento Medio: è applicabile dopo il 30° giorno di ritardo fino al 90° giorno, e prevede una sanzione fissa del 1,67% (in precedenza era 3,33% - sanzione minima ridotta ad 1/9) dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale (Comma 637 Legge di Stabilità 2015).
  4. Ravvedimento Lungo: è applicabile dopo il 90° giorno di ritardo, ma comunque entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione. In mancanza di Dichiarazione, nei casi in cui non c'è nuova dichiarazione (*), la data di riferimento è quella della scadenza del versamento.
    Prevede una sanzione fissa del 3,75% dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.


AGENZIA DELLE ENTRATE - RISCOSSIONE


Si rende noto che il Comune di Santa Maria a Monte, per gli importi messi a ruolo si avvale del servizio dell'Agenzia Delle Entrate - Riscossione con sede VIA DARSENA N.1 A PISA.  Eventuali informazioni riguardanti l'ente di riscossione, possono essere consultate accedendo al seguente indirizzo web  https://agenziaentrateriscossione.gov.it/it/ Dalla pagina web evidenziata sarà possibile scegliere e trovare lo sportello più vicino.




Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.

SEGNALAZIONE ERRORI

Eventuali errori contenuti nella bollettazione TARI, devono essere comunicati al seguente indirizzo @mail: l.spinelli@comune.santamariaamonte.pi.it allegando alla stessa il prospetto ricevuto con segnalato o evidenziato il tipo di errore.

Qualsiasi anomalia o incongruenza riscontrasse nei dati potrà essere segnalata nei seguenti giorni ed orari a:


Ø   UFFICIO TRIBUTI:


dal Martedì al Venerdì mattina dalle ore 09,00 alle ore 12,30

il Martedì e Giovedì pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 17,00


       Tel. 0587/261653 – 261625 – 261645

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Il Comune di Santa Maria a Monte per l'annualità 2023 sta elaborando l'attivazione del servizio Tari On-Line. La possibilità da parte del contribuente di scegliere la possibilità di ricevere l'avviso di pagamento TARI tramite posta elettronica e l'eventuale pagamento tramite domiciliazione bancaria
Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.

E' possibile contattare direttamente il Gestore tramite il sito web www.geofor.it oppure scaricare l'APP RCICLO.


Contattare il numero di telefono 0587/261880 o 800/959095

Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Santa Maria a Monte è collocato all'interno dello Schema regolatore
Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.
Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.

Dilazione del versamento

            Per tutte le entrate di titolarità dell’ente, in sede di emissione di avviso di accertamento, in casi di obiettiva e temporanea difficoltà economica che non consentano l’assolvimento di un obbligazione di pagamento entro le scadenze previste, è possibile consentire con atto formale la rateizzazione del debito fino ad un massimo di 72 rate mensili o 36 bimestrali secondo il seguente schema:


fino a 50 euro

nessuna rateizzazione

da

€ 50,01

a

€ 200,00

fino a 3 rate mensili

da

€ 200,01

a

€ 500,00

fino a 6 rate mensili

da

€ 500,01

a

€ 3.000,00

fino a 12 rate mensili

da

€ 3.000,01

a

€ 6.000,00

fino a 16 rate mensili

da

€ 6.000,01

a

€ 20.000,00

fino a 30 rate mensili

da

€ 20.000,01

a

€ 50.000,00

fino a 50 rate mensili

oltre € 50,000,00

fino a 72  rate mensili


            L’importo di ciascuna rata deve essere maggiorato dell’interesse legale a decorrere dalla data di scadenza del debito e delle spese di riscossione e gestione della rata stessa. Nessuna dilazione o rateazione può essere concessa senza l'applicazione degli interessi legali.


            La richiesta di rateazione deve essere motivata e presentata, a pena di decadenza, prima dell’inizio della procedura esecutiva. Nella stessa dovrà essere indicato il numero di rate prescelto.


            Nel caso in cui l'ammontare del debito residuo risulti superiore a Euro 50.000,00 è necessaria la previa prestazione di idonea garanzia a favore del Comune, la cui idoneità deve essere valutata da parte del soggetto competente al rilascio della dilazione.


            In caso di mancato assolvimento dell’obbligo di pagamento di due rate anche non consecutive, il beneficio della dilazione è considerato decaduto con la conseguente attivazione delle procedure di riscossione coattiva dell’intero debito residuo.


            Soggetto competente alla concessione di dilazioni di pagamento è il responsabile della singola entrata, che provvede con apposito proprio provvedimento.

Modalità e termini per la presentazione delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio.