Trasparenza Rifiuti Usini
Trasparenza Rifiuti Usini

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Usini

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Usini

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Usini

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile
Per reclami relativi alla gestione delle tariffe e del tributo:

Comune di Usini – Ufficio Tributi – Via Risorgimento, 70 – 2° piano

Orario di apertura al pubblico: 
mattino dal lunedì a venerdì: 10.00-12.00
pomeriggio: lunedì e giovedì 15.30-17.30
PEC: tributi.usini@anutel.it;  E-mail:  ufficiotributi@comunediusini.it

E' possibile contattare gli uffici: 

- telefonicamente dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e il Lunedì e Giovedì dalle 15,30 alle 17,30 ai numeri 079 3817016 – 079 3817012;

- mediante mail all’indirizzo: ufficiotributi@comunediusini.it.
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
OCCUPANTI 1
Per un'utenza Domestica di 80mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 2
Per un'utenza Domestica di 80mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Presupposto e commisurazione del tributo

Il tributo è dovuto da chiunque, persona fisica o giuridica, possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, esistenti nel territorio comunale a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani o ad essi assimilati, con vincolo di solidarietà fra i componenti il nucleo familiare o di coloro che usano in comune locali o le aree stesse. Per occupazione si intende anche la sola disponibilità materiale dei locali e delle aree.
Le tariffe sono articolate per le utenze domestiche e per quelle non domestiche, quest’ultime a loro volta suddivise in categorie di attività con omogenea potenzialità di produzione di rifiuti, la cui classificazione è riportata nell’allegato 1 al regolamento.
Le tariffe del tributo sono composte da una parte fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio di gestione dei rifiuti, riferite in particolare agli investimenti per le opere e ai relativi ammortamenti, e da una parte variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all’entità dei costi di gestione. La quota fissa e quella variabile delle tariffe del tributo per le utenze domestiche e per quelle non domestiche vengono determinate in base a quanto stabilito dagli allegati 1 e 2 al DPR 158/1999.
La tariffa per le utenze domestiche è determinata per la parte fissa in rapporto alle superfici occupate ed in funzione del numero dei componenti il nucleo familiare, per la parte variabile in rapporto ai costi complessivi relativi alla produzione dei rifiuti, alla quantità complessiva di produzione di rifiuti in funzione del numero dei componenti il nucleo familiare.
La tariffa per le utenze non domestiche è determinata per la parte fissa in rapporto ai costi fissi per unità di superficie ed in funzione della tipologia di attività e per la parte variabile in rapporto ai costi unitari di gestione dei rifiuti per unità di superficie ed in funzione della tipologia di attività.

Modalità calcolo

Tariffa per le utenze domestiche:
• parte fissa: è espressa in euro per unità di superficie (€ / mq)
• parte variabile: è espressa in euro in dipendenza della numerosità degli occupanti; le classi previste sono da 1 a 6 componenti
Tariffa per le utenze non domestiche:
• parte fissa: è espressa in euro al mq
• parte variabile: è espressa in euro al mq

Procedimento per la determinazione dell’Importo lordo TARI su Abitazioni (Utenze Domestiche)

Importo annuale parte fissa = superficie utile * tariffa fissa

L’importo annuale parte fissa sarà quindi rapportato all’effettivo periodo di tassazione [Importo parte fissa] = [Importo annuale parte fissa] / 365 * [giorni di tassazione]

Importo annuale parte variabile = tariffa variabile commisurata al n.ro componenti (tabella da 1 a 6 componenti)

L’importo annuale parte variabile sarà quindi rapportato all’effettivo periodo di tassazione [Importo parte variabile] = [Importo annuale parte variabile] / 365 * [giorni di tassazione]

Importo totale annuale = Importo annuale p. fissa + importo annuale p. variabile

Importo Addizionale Provinciale = Importo totale annuale arrotondato * 5% arrotondato matematicamente al centesimo di Euro

Importo Lordo totale = [Importo totale annuale arrotondato] + [Importo Addizionale Provinciale]

Procedimento per la determinazione dell’Importo TARI su Attività (utenze NON Domestiche)

Importo annuale parte fissa = superficie utile * tariffa fissa

L’importo annuale parte fissa sarà quindi rapportato all’effettivo periodo di tassazione [Importo parte fissa] = [Importo annuale parte fissa] / 365 *[giorni di tassazione]

Importo annuale parte variabile = superficie utile * tariffa variabile

L’importo annuale parte variabile sarà quindi rapportato all’effettivo periodo di tassazione [Importo parte fissa] 

Importo totale annuale = Importo annuale p. fissa + importo annuale p. variabile

Importo Addizionale Provinciale = Importo totale annuale totale arrotondato * 5% arrotondato matematicamente al centesimo di Euro.

Importo Lordo totale = [Importo totale annuale arrotondato] + [Importo Addizionale Provinciale]

Decorrenza del tributo

La dichiarazione ha effetto dalla data di inizio del possesso, occupazione o detenzione e sarà ritenuta valida ed efficace anche per gli anni successivi qualora non mutino i presupposti e gli elementi necessari all’applicazione del tributo.

Dichiarazione iniziale, di rettifica, di cessazione

Dichiarazione iniziale

Il tributo è dovuto da chiunque, persona fisica o giuridica, possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, esistenti nel territorio comunale a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani o ad essi assimilati, con vincolo di solidarietà fra i componenti il nucleo familiare o di coloro che usano in comune locali o le aree stesse. Per occupazione si intende anche la sola disponibilità materiale dei locali e delle aree.

Al fine di consentire la corretta emissione dei documenti di pagamento, la dichiarazione iniziale deve essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo o, dalla data in cui sono intervenute modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo.

Dichiarazione di rettifica

Al fine di consentire la corretta emissione dei documenti di pagamento, le variazioni delle condizioni di applicazione del tributo riferite alla destinazione d'uso, alla misura della superficie soggetta a tributo, il venir meno delle condizioni che danno luogo ad esenzioni, riduzioni, agevolazioni previste dal presente regolamento, nonché per i non residenti la modificazione del numero di occupanti, devono essere denunciate entro il 30 giugno dell’anno successivo dalla data in cui sono intervenute modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo. La dichiarazione di rettifica, presentata secondo le modalità previste per quella iniziale, deve contenere gli elementi identificativi del contribuente nonché l'indicazione di tutte le variazioni intervenute rispetto alla dichiarazione precedente.

Dichiarazione di cessazione

La cessazione del possesso, conduzione o detenzione dei locali e delle aree costituenti presupposto di applicazione del tributo, deve essere comunicata dal contribuente mediante apposita dichiarazione che deve essere presentata secondo le modalità della dichiarazione iniziale con l'indicazione della data di cessazione del possesso, conduzione o detenzione, cognome e nome o denominazione dell'eventuale subentrante nei locali e nelle aree, qualora conosciuto.
Al fine di consentire la corretta emissione dei documenti di pagamento, dalla data di cessazione del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo, la cessazione del possesso, conduzione o detenzione deve essere presentata nei tempi più tempestivi possibili.
In caso di mancata dichiarazione nel corso dell’anno di cessazione il tributo non è dovuto per le annualità successive se il contribuente dimostra di non avere continuato il possesso, l’occupazione o la detenzione dei locali e delle aree, ovvero se il tributo sia stato assolto dal subentrante a seguito di dichiarazione o in sede di recupero d’ufficio.
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: t
Cluster: - €
Tariffa nazionale di base:
Raccolta differenziata: %
Fattori di contesto del comune:
Economie e diseconomie di scala:
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento:
Impianti di trattamento meccanico biologico:
Discariche:
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: %
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: %
Rifiuti smaltiti in discarica: %
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste


Per le riduzioni applicate i riferimenti sono gli articoli 41 e 42 del Regolamento IUC, vigente solo per la parte che disciplina la TARI, approvato con Deliberazione Consiliare n. 9 del 21/05/2014. 

Regolamento TARI o regolamento per l’applicazione di una tariffa di natura corrispettiva


Regolamento IUC, vigente solo per la parte che disciplina la TARI, approvato con Deliberazione Consiliare n. 9 del 21/05/2014.

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

L’Ente provvede ad inviare ai contribuenti, anche a mezzo di soggetti abilitati, per posta semplice o a mezzo Posta Elettronica Certificata, ove disponibile, inviti di pagamento che specificano le somme dovute per ogni utenza, fermo restando che in caso di mancata ricezione dell’avviso, il contribuente si deve fare parte attiva, deve farne richiesta al Comune e provvedere al pagamento.


In caso di omesso/parziale versamento, il Comune procederà con gli atti consequenziali per il recupero dell’importo non versato con irrogazione delle sanzioni previste dall’art.13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997 n. 471, oltre all’addebito di interessi calcolati nella misura, come previsto all’art. 13, del regolamento delle Entrate, da ultimo modificato con deliberazione C.C. n. 18 /09.07.2020, pari all’uno per cento.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’ufficio Tributi del Comune sito in Via Risorgimento, 70 (2° piano), dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.30 alle ore 12.30; lunedì e giovedì pomeriggio dalle ore 15.30 alle 17.30. 
Per Informazioni telefoniche: 079 3817016.
E-mail: ufficiotributi@comunediusini.it
Pec: comunediusini@cert.legalmail.it
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile


I contribuenti che abbiano verificato un’incongruenza nei dati di dettaglio dell’avviso di pagamento ricevuto o che debbano comunicarne una variazione possono rivolgersi all’ufficio Tributi del Comune sito in Via Risorgimento, 70 (2° piano), dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.30 alle ore 12.30; lunedì e giovedì pomeriggio dalle ore 15.30 alle 17.30 e/o presentare istanza tramite seguente e-mail: ufficiotributi@comunediusini.it  


È possibile, inoltre, scaricare i moduli di seguito riportati per le dovute comunicazioni di cui sopra al link allegato.
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione


I contribuenti che intendono richiedere la ricezione di documenti relativi al Tributo Tari tramite posta elettronica o PEC, possono comunicarlo inviando una e-mail a ufficiotributi@comunediusini.it, oppure presentandosi, previo appuntamento, agli sportelli dell’Ufficio Tributi in Via Risorgimento, 70 2° piano.