Trasparenza Rifiuti San Cesario di Lecce
Trasparenza Rifiuti San Cesario di Lecce

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di San Cesario di Lecce

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di San Cesario di Lecce

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti San Cesario di Lecce

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti
Lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
CALENDARIO UTENZE DOMESTICHE
lunedì:
ORGANICO
martedì:
CARTA
mercoledì:
ORGANICO
giovedì:
PLASTICA
venerdì:
METALLI (2°-4° VENERDI DEL MESE) - VETRO (1°-3°-5° VENERDI DEL MESE)
sabato:
INDIFFERENZIATO
domenica:
----
CALENDARIO UTENZE NON DOMESTICHE
lunedì:
ORGANICO
martedì:
CARTA E CARTONE
mercoledì:
ORGANICO
giovedì:
PLASTICA E CARTONE
venerdì:
METALLI (2°-4° VENERDI DEL MESE) - VETRO (1°-3°-5° VENERDI DEL MESE)
sabato:
INDIFFERENZIATO E CARTONE
domenica:
----
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile

Si allega la CARTA DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI approvata dalla Regione Puglia con DGR n.194/2013
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Calcolo tassa annuale per n.1 occupante
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Calcolo tassa annuale per n.3 occupanti
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Calcolo tassa annuale per n.6 occupanti o più
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Calcolo tassa annuale per bar
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Calcolo tassa annuale per supermercato e generi alimentari
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 4.714,24 t
Cluster: Comuni con elevata densità abitativa, bassa età media e localizzazione prevalente nel centro-sud - € 45,224617
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 23,95%
Fattori di contesto del comune: € 91,267036
Economie e diseconomie di scala: € 0,287118
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 3
Impianti di trattamento meccanico biologico: 13
Discariche: 13
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 9,962 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 7,11%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 10,94%
Rifiuti smaltiti in discarica: 33%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Riduzioni per Utenze Domestiche:

a) abitazioni con un unico occupante ultrasessantacinquenne, come emergente dalle
risultanze anagrafiche per i soggetti residenti nel Comune e da apposita dichiarazione
sostitutiva per i non residenti: riduzione del 30%;
b) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo,
non superiore a 183 giorni nell’anno solare con residenza anagrafica in altre abitazioni o
Comuni: riduzione del 30 %, a tal fine è fatto obbligo al richiedente la predetta
riduzione comunicare, tempestivamente, l’inizio del periodo di uso dell’abitazione,
pena la decadenza del beneficio;
c) abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi
all'anno, all'estero: riduzione del 30 %, a decorrere dall’anno 2015 per le abitazioni
possedute dai cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’AIRE, se già pensionati
nei paesi di residenza, la tassa è applicata in misura ridotta di due terzi;
d) fabbricati rurali ad uso abitativo: riduzione del 30%.

e) Alle utenze domestiche che abbiano avviato, mediante composter, il compostaggio dei
propri scarti organici ai fini dell’utilizzo in sito del materiale prodotto, si applica una
riduzione del 20%. La riduzione è subordinata alla presentazione di apposita istanza,
attestante di aver attivato il compostaggio domestico in modo continuativo nell’anno di
riferimento e corredata dalla documentazione attestante l’acquisto dell’apposito
contenitore. Detta riduzione dovrà soddisfare i seguenti requisiti:
o Il composter dovrà essere al servizio di un’area sterrata non inferiore a 100 mq,
di pertinenza dell’immobile oggetto della tassazione.
L’ufficio preposto verificherà periodicamente l’effettivo utilizzo del composter, con
ispezioni in loco. Nel caso di mancato utilizzo o impedimento ad eseguire l’ispezione, il
contribuente decadrà dal beneficio.


Riduzioni Utenze non Domestiche:

- Carrozzerie, autofficine e elettrauto 30%
- Lavanderie 15%
- Tipografie, stamperie e simili 20%
- Distributori di carburante, autolavaggi 20%
- Falegnamerie 20%
- Gommisti 25%
- Officine metalmeccaniche 20%
- Altre attività non prevista nell’elenco e che risultino nelle condizioni previste dal
presente comma 15%

La tariffa dovuta dalle utenze non domestiche è ridotta nella parte variabile a consuntivo in
proporzione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al
riciclo/recupero nell’anno di riferimento, mediante specifica attestazione rilasciata dall’impresa, a ciò
abilitata, che ha effettuato l’attività di riciclo/recupero.

La riduzione è così quantificata:
· fino al 30% se la quantità di rifiuti avviati al riciclo/recupero è compresa tra il 15% ed il 30% della
· produzione complessiva di rifiuti;
· fino al 50% se la quantità di rifiuti avviati al riciclo/recupero è compresa oltre il 30% fino al 50%
della produzione complessiva di rifiuti;
· fino al 70% se la quantità di rifiuti avviati al riciclo/recupero è superiore al 50% della produzione
· complessiva di rifiuti.
4. La produzione complessiva dei rifiuti è quantificata moltiplicando la superficie imponibile
per il valore del coefficiente potenziale di produzione (Kd) della categoria di appartenenza,
utilizzando il valore del coefficiente (kd) previsto in fase di determinazione delle tariffe.
5. La riduzione deve essere richiesta annualmente dall’interessato entro e non oltre il 31
gennaio dell’anno successivo, allegando copia del contratto stipulato con la ditta abilitata,
relazione descrittiva, attestazione della stessa ditta della quantità di rifiuti avviati al riciclo/recupero
e copia delle bolle ecologiche con il quantitativo e la tipologia dei rifiuti ritirati. La
riduzione opera di regola mediante compensazione alla prima scadenza utile.

Regolamento TARI o regolamento per l’applicazione di una tariffa di natura corrispettiva
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso

Scadenze rate Tari anno 2020:


Rata unica    entro il 31/10/2020

1^ rata       entro il 30/09/2020

2^ rata       entro il 31/10/2020

3^ rata       entro il 30/11/2020

4^ rata       entro il 15/12/2020

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

SANZIONI
In caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento del tributo, si applica la sanzione del 30% dell’imposta dovuta, ovvero della differenza d’imposta dovuta, ovvero dell’imposta tardivamente versata.

In caso di versamenti effettuati con un ritardo non superiore a 90 giorni, la sanzione è ridotta al 15%. Se il ritardo non è superiore a quindici giorni, la sanzione è ridotta all'1% per ogni giorno di ritardo.

In caso di omessa presentazione della dichiarazione originaria o di variazione si applica, sul primo anno d'imposta, la sanzione amministrativa del:
  • 100% se la violazione si riferisce ad un solo anno;
  • 150% se la violazione si riferisce a due anni;
  • 200% se la violazione si riferisce a più di due anni, con un minimo di 50 euro.


In caso di infedele o incompleta dichiarazione si applica sul primo anno d’imposta la sanzione amministrativa del:
  • 50% se la violazione è riferita ad un solo anno;
  • 75% se la violazione è riferita ad un periodo fino a due anni;
  • 100% se la violazione è riferita ad un periodo oltre i due anni, con un minimo di 50 euro.
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

Il versamento della TARI dovrà essere effettuato tramite modello F24 allegato all'avviso di pagamento, utilizzando il seguente codice tributo: 3944 TARI - Tassa sui rifiuti.


Per eventuali recuperi d'imposta, i codici tributo sono i seguenti:

  • 3945: interessi su Tari - tassa sui rifiuti;
  • 3946: sanzioni su Tari - tassa sui rifiuti.

Il CODICE ENTE (Belfiore) del Comune di San Cesario di Lecce è H793.

Nel caso in cui ci si accorga di aver effettuato un versamento con un codice ente diverso da H793 (San Cesario di Lecce):


  • se l'errore di digitazione è causato dall'intermediario abilitato (banca, ufficio postale, ecc), si deve verificare il versamento e lo stesso intermediario dovrà provvedere ad annullare la delega di pagamento emessa e riemetterla con il codice ente corretto. In questo modo il versamento viene automaticamente sottratto al Comune incompetente e riversato a quello competente;
  • se l'errore di digitazione è stato causato dal contribuente, ad esempio tramite compilazione del modello F24 a mezzo home banking, il contribuente dovrà rivolgersi al Comune per la verifica del pagamento, oppure, in autonomia, verificare a quale ente sono stati accreditate le somme, accedendo al proprio cassetto fiscale. A seguito di questa verifica, invierà poi richiesta di riversamento all'ente incompetente (modello scaricabile a fine sezione), che dovrà procedere a riversare le somme presso il nostro ente; in questo caso andrà indicata nella causale del versamento, il codice fiscale del contribuente, il tributo e l'anno che si sta riversando.


Stesso procedimento sarà seguito dal Comune di San Cesario di Lecce laddove, a seguito di segnalazione del contribuente, dovesse constatare un versamento indebito.


Per eventuali comunicazioni in merito a variazioni di metratura, chiusura o variazioni di utenze, o più in generale variazioni nei dati relativi all'utente o all'utenza, si può effettuare il download del modulo allegato in basso, compilarlo in ogni sua parte ed inviarlo a mezzo pec all'indirizzo protocollo.comune.sancesariodilecce@pec.rupar.puglia.it (insieme ad eventuali allegati e copia di un documento di riconoscimento) oppure alla mail tributi@comune.sancesariodilecce.le.it.

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione