Trasparenza Rifiuti Presenzano
Trasparenza Rifiuti Presenzano

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Presenzano

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Presenzano

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Presenzano
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti
LA SANNITICA MULTISERVIZI SRL - CODICE FISCALE 03999760618
Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

Eventuali segnalazioni e reclami per disservizi relativi al servizio di raccolta dei rifiuti possono essere comunicati con le seguenti modalità:

  1. Telefonicamente all'ufficio tecnico del Comune al n° 0823989055 nei giorni di apertura al pubblico dell'ufficio tecnico
  2. via e-mail: m.distefano@comune.presenzano.ce.it
  3. via pec: protocollo.presenzano@asmepec.it

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
CALENDARIO SETTIMANALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA UTENZE DOMESTICHE
lunedì:
• UMIDO (Frazione organica) – scarti di cucina, Frutta, Verdura, Pesce e Pasta, Fondi di caffè, Filtri di thé, Gusci di uova e cozze, Alimenti scaduti, Ceneri spente, Fiori e sfalci verdi. Obbligatorio l’uso del sacchetto biodegradabile
martedì:
• IMBALLAGGI MISTI – Contenitori in plastica, Bottiglie (schiacciate), Flaconi, Buste e Sacchetti della spesa. Bicchieri e piatti di plastica puliti, Contenitori in alluminio e banda stagnata, Scatole di tonno, sardine, barattoli di pelati, Polistrolo. E’ importante conferire la frazione pulita, senza macchie di residui chimici o organici.
mercoledì:
• UMIDO (Frazione organica) – Scarti di cucina, Frutta, Verdura, Pesce e Pasta, Fondi di caffè, Filtri di thé, Gusci di uova e cozze, Alimenti scaduti, Ceneri spente, Fiori e sfalci verdi. Obbligatorio l’uso del sacchetto biodegradabile • VETRO – Contenitori di vetro in generale, Bottiglie di vino, birra e altri alcolini. Attenzione: ogni genere di vetro diversi dagli imballaggi classici non verranno ritirati (specchi, parabrezza). E’ importante conferire la frazione pulita, senza macchie di residui chimici o organici.
giovedì:
• INDIFFERENZIATO – Tutto ciò che non è riciclabile. Cosmetici, Prodotti usa e getta, Polveri di aspirapolvere, Casette audio/video, CD, Penne, Carta oleata, cartoni unti o sporchi, cartoni della piazza, stracci, Pannolini e pannoloni.
venerdì:
• UMIDO (Frazione organica) – scarti di cucina, Frutta, Verdura, Pesce e Pasta, Fondi di caffè, Filtri di thé, Gusci di uova e cozze, Alimenti scaduti, Ceneri spente, Fiori e sfalci verdi. Obbligatorio l’uso del sacchetto biodegradabile
sabato:
• CARTA/CARTONE – Giornali, riviste, libri, fumetti, tutta la stampa commerciale (dèpliant, pieghevoli pubblicitari), Sacchetti per gli alimenti, per il pane o per la frutta, Fogli di carta di ogni tipo e dimensione, contenitori di prodotti alimentari.

Altre tipologie di materiali – RAEE, INGOMBRANTI, SFALCI D’ERBA, INDUMENTI USATI – Telefonare al 3701526526 per ritiro a domicilio previa prenotazione.

 

Conferimento negli appositi contenitori di PILE – FARMACI SCADUTI – CONTENITORI T/F – OLIO VEGETALE.


I RIFIUTI vanno depositati davanti alla propria abitazione la sera precedente il giorno di raccolta dalle ore 20:00 alle ore 24:00.

I rifiuti vanno conferiti rispettando il calendario e la tipologia di raccolta.


Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Campagne di raccolta rifiuti
  • RITIRO A DOMICILIO PREVIA PRENOTAZIONE PER ALTRE TIPOLOGIE DI MATERIALI: RITIRO A DOMICILIO PREVIA PRENOTAZIONE AL NUMERO 370 1526526 DEI RIFIUTI RAEE, INGOMBRANTI, SFALCI D'ERBA, INDUMENTI USATI
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
I RIFIUTI vanno depositati davanti alla propria abitazione la sera precedente il giorno di raccolta dalle ore 20:00 alle ore 24:00.

I rifiuti vanno conferiti rispettando il calendario e la tipologia di raccolta.

Per la raccolta dell’UMIDO è OBBLIGATORIO L’USO DEL SACCHETTO BIODEGRADABILE
Per la raccolta del VETRO è IMPORTANTE CONFERIRE LA FRAZIONE PULITA, SENZA MACCHIE DI RESIDUI CHIMICI O ORGANICI E NON VERRANNO RITIRATI OGNI GENERE DI VETRO DIVERSI DAGLI IMBALLAGGI CLASSICI (SPECCHI, PARABREZZA)
Per la raccolta degli IMBALLAGGI MISTI è IMPORTANTE CONFERIRE LA FRAZIONE PULITA, SENZA MACCHIE DI RESIDUI CHIMICI O ORGANICI.


Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA

(I dati riportati nei grafici sono scaricati automaticamente dal portale ISPRA, che riporta i dati del MUD, come da informazioni ricavabili dal loro sito https://www.catasto-rifiuti.isprambiente.it/index.php?pg=metodoru&width=1366&height=768)

Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
OCCUPANTI 1
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 1 CON AGEVOLAZIONE COMPOSTIERA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 2
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 2 CON AGEVOLAZIONE COMPOSTIERA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 3
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 3 CON AGEVOLAZIONE COMPOSTIERA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 4
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 4 CON AGEVOLAZIONE COMPOSTIERA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 5
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 5 CON AGEVOLAZIONE COMPOSTIERA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 6 O PIU'
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
OCCUPANTI 6 O PIU' CON AGEVOLAZIONE COMPOSTIERA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
RISTORANTI, TRATTORIE, OSTERIE, PIZZERIE, PUB
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
BAR, CAFFE', PASTICCERIA
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
SUPERMERCATO, PANE E PASTA, MACELLERIA, SALUMI E FORMAGGI, GENERI ALIMENTARI
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UFFICI, AGENZIA, STUDI PROFESSIONALI
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
NEGOZI ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, LIBRERIA, CARTOLERIA, FERRAMENTA E ALTRI BENI DUREVOLI
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
EDICOLA, FARMACIA, TABACCAIO, PLURILICENZE
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
ORTOFRUTTA, PESCHERIE, FIORI E PIANTE, PIZZA AL TAGLIO
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
ATTIVITA' ARTIGIANALI DI PRODUZIONE BENI SPECIFICI
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
ATTIVITA' INDUSTRIALI CON CAPANNONI DI PRODUZIONE
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
CARROZZERIA, AUTOFFICINA, ELETTRAUTO
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
ATTIVITA' ARTIGIANALI TIPO BOTTEGHE: FALEGNAME, IDRAULICO, FABBRO, ELETTRICISTA
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
CASE DI CURA E RIPOSO
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
CAMPEGGI, DISTRIBUTORI CARBURANTI, IMPIANTI SPORTIVI
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:


La TARI si compone di una parte fissa ed una variabile, oltre il tributo provinciale, senza applicazione diretta dell’IVA al contribuente (l'IVA è prevista soltanto nell'ipotesi di TARI corrispettivo).

La parte fissa della tariffa è determinata tenendo conto delle componenti del costo del servizio di igiene urbana (investimenti e relativi ammortamenti, spazzamento strade ecc.) mentre la parte variabile della tariffa copre i costi del ciclo integrato dei rifiuti (raccolta, trasporto, trattamento, riciclo, smaltimento) ed è rapportata alla quantità di rifiuti presumibilmente prodotti.

La TARI (Tassa sui rifiuti) istituita dal comma 639 e seguenti dell'articolo 1 della Legge 27 dicembre 2013 n. 147 (Legge di stabilità 2014), mira a promuovere la riduzione dei rifiuti e ad incrementare la raccolta differenziata, mediante un sistema che tende a commisurare il prelievo al grado di fruizione del servizio da parte dei cittadini, secondo il fondamentale principio comunitario in materia ambientale del "chi inquina paga".

La tariffa è calcolata in base alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte. Essa è composta da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio (riferite in particolare agli investimenti per opere e ai relativi ammortamenti) e da una quota variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all'entità dei costi di gestione. In questo modo viene assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento.

Con deliberazione 443/2019/R/RIF del 31 ottobre 2019, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha stabilito che le componenti tariffarie del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani vanno esclusivamente identificate in: costi operativi, intesi come somma dei costi operativi di gestione delle attività di spazzamento e di lavaggio, di raccolta e di trasporto di rifiuti urbani indifferenziati, di trattamento e di smaltimento, di raccolta e di trasporto delle frazioni differenziate, di trattamento e di recupero, nonché di oneri incentivanti il miglioramento delle prestazioni; costi d’uso del capitale, intesi come somma degli ammortamenti delle immobilizzazioni, degli accantonamenti ammessi al riconoscimento tariffario, della remunerazione del capitale investito netto riconosciuto e della remunerazione delle immobilizzazioni in corso; componente a conguaglio relativa ai costi delle annualità 2018 e 2019. 

La determinazione delle componenti tariffarie di cui sopra viene quindi effettuata, attualmente, in conformità al Metodo Tariffario per il servizio integrato di gestione dei Rifiuti, di cui all’Allegato A alla suddetta deliberazione (cosiddetto MTR). 

L'insieme dei costi da coprire attraverso la tariffa, inoltre, è ripartito tra le utenze domestiche e non domestiche.

 

Per le utenze domestiche, la quota fissa (TFd) della tariffa è data dal prodotto della quota unitaria (espressa in €/mq) per la superficie dell'abitazione (indicata in mq) corretta per un coefficiente di adattamento (Ka). I valori di tale coefficiente di adattamento (che tiene conto della reale distribuzione delle superfici degli immobili in funzione del numero di componenti del nucleo familiare costituente la singola utenza) sono riportati nelle tabelle 1a e 1b del d.P.R. 158/99 e sono stati elaborati per le tre aree geografiche (Nord, Centro, Sud) e per comuni con popolazione superiore e inferiore ai 5000 abitanti rispettivamente; la quota variabile (TVd) si ricava come prodotto della quota unitaria (espressa in kg) per un coefficiente di adattamento (Kb) per il costo unitario (€/kg). I valori del coefficiente proporzionale di produttività dei rifiuti in funzione del numero di componenti del nucleo familiare (Kb) sono riportati nelle tabelle 2 del d.P.R. 158/99; 

Per le utenze non domestiche (per le quali il citato d.P.R. 158/99 enuclea trenta categorie di attività), la quota fissa (TFnd) è determinata come prodotto della quota unitaria (in €/mq) per la superficie del locale (in mq) per il coefficiente potenziale di produzione (Kc), il quale tiene conto della quantità potenziale di produzione di rifiuto connesso alla tipologia di attività. Gli intervalli dei valori attribuibili a tale coefficiente, sono riportati nelle tabelle 3a e 3b del d.P.R. 158/99 e sono stati elaborati per le tre aree geografiche e per comuni con popolazione superiore e inferiore ai 5000 abitanti rispettivamente; la quota variabile (TVnd) è data dal prodotto del costo unitario (in €/kg) per la superficie del locale (in mq) per il coefficiente potenziale di produzione (Kd), il quale tiene conto della quantità di rifiuti minima e massima connessa alla tipologia di attività. Nelle tabelle 4a e 4b del d.P.R. 158/99, con riferimento alle tre aree geografiche, sono riportati, per comuni con popolazione superiore e inferiore ai 5.000 abitanti rispettivamente, gli intervalli di variazione di tali coefficienti in proporzione alle tipologie di attività.

 

La legge istitutiva della TARI dispone, inoltre, che ai contribuenti venga applicato il tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell'ambiente, fissato dalla Provincia di Caserta nella misura del 5%.


 

Modalità di calcolo per le utenze domestiche 

Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali (ovvero i metri quadrati netti misurati al filo interno delle murature) per la tariffa fissa unitaria, e poi si aggiunge la tariffa variabile. 

Esempio di calcolo del tributo per le utenze domestiche 

(284 mq X “tariffa fissa unitaria” € 1,30/mq X giorni / 365) + (nucleo familiare di 4 componenti X “tariffa variabile” pari a € 100/nucleo familiare X giorni / 365 = Tariffa 

All'importo del tributo occorre aggiungere il Tributo Provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale, previsto dall’articolo 19 del Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. 

Modalità di calcolo per le utenze non domestiche (classificate in base alle 30 categorie merceologiche previste dal D.P.R. 158/99) 

Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali (ovvero i metri quadrati netti misurati al filo interno delle murature) per la tariffa fissa unitaria della categoria di appartenenza e si aggiunge il prodotto tra la superficie dei locali e la tariffa variabile della categoria di appartenenza. 

Esempio di calcolo del tributo per le utenze non domestiche (120 X “tariffa fissa unitaria” della categoria 13 X giorni / 365) + (120 X “tariffa variabile unitaria” categoria 13 X giorni / 365) = Tariffa 


All'importo del tributo occorre aggiungere il Tributo Provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale, previsto dall’articolo 19 del Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.


Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2017)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 599,59 t
Cluster: Comuni con basso livello di benessere con localizzazione in zone pianeggianti lungo tutto il territorio nazionale - € 22,85795944
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 70,33%
Fattori di contesto del comune: € 88,64448551
Economie e diseconomie di scala: € 2,21093
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 1
Impianti di trattamento meccanico biologico: 7
Discariche: 2
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 48,324 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 34,63%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 3,8%
Rifiuti smaltiti in discarica: 4,12%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

ESTRATTO DAL REGOLAMENTO I.U.C. - COMPONENTE T.A.R.I. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N° 08 DEL 23.06.2021


TITOLO IV

AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI

Art. 25

Criteri per le riduzioni

1.           Le riduzioni tariffarie sono determinate in relazione al seguente criterio:

a.    alla detenzione di locali, diversi dalle abitazioni ed aree scoperte, adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, risultante da licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio dell'attività o da altra documentazione atta a comprovare tale condizione;

Art. 26

Criteri per le agevolazioni

1.           Le agevolazioni tariffarie sono applicate in relazione ai seguenti criteri:

a.    al diverso impatto sul costo di organizzazione e di gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti connesso all'evolversi dell'incidenza di tali situazioni. Questa ipotesi si ispira alla raccolta differenziata, per la quale vi è l’obbligo di prevedere degli abbattimenti volti ad incentivarla;

b.    alla quantità di rifiuti assimilati che le utenze non domestiche dimostrano di aver avviato al recupero. 1. La tariffa dovuta dalle utenze non domestiche può essere ridotta a consuntivo in proporzione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero nell’anno di riferimento, mediante specifica attestazione rilasciata dall’impresa, a ciò abilitata, che ha effettuato l’attività di recupero. Per «recupero» si intende, ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lett. t), del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, una qualsiasi operazione il cui principale risultato sia di permettere ai rifiuti di svolgere un ruolo utile, sostituendo altri materiali che sarebbero stati altrimenti utilizzati per assolvere una particolare funzione o di prepararli ad assolvere tale funzione, all'interno dell'impianto o nell'economia in generale. La riduzione è fruibile qualora la percentuale di recupero sia maggiore del 15% e fino ad un massimo del 70% e si applica sulla quota variabile della tariffa. Tale riduzione è calcolata determinando la percentuale del totale dei rifiuti prodotti e avviati al recupero rispetto alla capacità produttiva totale di rifiuti assegnata all’utenza non domestica (determinata dal prodotto del Kd assegnato*superficie totale) secondo la seguente formula:

Kg rifiuti recuperati

Calcolo della % di recupero =  ----------------------------------------------------- * 100

                                                                                      Kd assegnato * Superficie tassabile


Sono esclusi, nella contabilizzazione dei rifiuti avviati al recupero, gli imballaggi terziari e le eventuali frazioni di rifiuto vendute a terzi.

La riduzione così determinata non può in ogni caso eccedere la quota variabile del tributo. La riduzione deve essere richiesta annualmente dall’interessato, sulla base di apposita istanza da presentarsi al comune entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, allegando, a pena di inammissibilità, la documentazione idonea a dimostrare la quantità di rifiuti urbani di cui al presente comma avviati al riciclo/recupero in conformità alle normative vigenti (es.: attestazione rilasciata dall’impresa a ciò abilitata che ha effettuato l’attività di riciclo/recupero, copia di tutti i formulari di trasporto di cui all’art. 193 del D.Lgs. n° 152/2006 debitamente controfirmati dal destinatario). La riduzione prevista nel presente articolo sarà riconosciuta a consuntivo mediante conguaglio compensativo con il tributo dovuto per l’anno successivo o rimborso dell’eventuale eccedenza pagata nel caso di incapienza.

Art. 27

Casi di riduzione ed agevolazione

1.           La tariffa unitaria della tassa è ridotta nei casi e nella misura sotto indicata:

a.      per le utenze domestiche in cui i componenti del nucleo familiare siano tutti residenti all’estero, il numero di componenti il nucleo familiare è fatto pari a 1 (uno);

b.      per una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso: riduzione del 66,66% (art. 9 bis comma 2 del D.L 47/2014);

c.      per una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall’Italia, a condizione che non sia locata o data in comodato d’uso: riduzione del 66,66% (art. 1 comma 48 Legge 30 dicembre 2020, n° 178);

d.      per le utenze domestiche che abbiano avviato, previa autorizzazione secondo la normativa vigente, il compostaggio aerobico individuale dei propri rifiuti organici da cucina, sfalci e potature da giardino ai fini dell’utilizzo in sito del materiale prodotto, la tariffa, sia per la parte fissa sia per quella variabile, è ridotta del 40 per cento;

e.      del 50 (cinquanta) per cento per locali, detenuti da utenze non domestiche, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, risultante da licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio dell'attività o da altra documentazione atta a comprovare tale condizione;

f.        per le unità adibite ad abitazione, tenute a disposizione, in cui non siano presenti soggetti residenti, il numero dei componenti il nucleo familiare è fatto pari a 1 (uno);

g.      di un dodicesimo per ogni mese di interruzione del servizio, qualora tale interruzione superi la durata continuativa di 30 giorni, o comunque abbia determinato una situazione riconosciuta dall’autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all’ambiente, in ogni caso la misura massima del prelievo non potrà superare il 20 per cento della tariffa.

h.      del 50 (cinquanta) per cento per le aree scoperte operative delle utenze non domestiche, compresi i magazzini all’aperto, in ragione delle minore attitudine a produrre rifiuti;

i.        per le superfici in cui si abbia contestuale produzione di rifiuti urbani e/o speciali assimilati a quelli urbani e di rifiuti speciali non assimilabili, tossici o nocivi, sono applicati gli abbattimenti indicati al precedente articolo 10.

j.        per le abitazioni, consistenti in non più di un’unità immobiliare, occupate da famiglie in cui è presente una (o più persone) con disabilità o handicap. In caso di presenza di un invalido di famiglia, con grado di invalidità non inferiore al 70%, oppure non autosufficiente over 65, o priva di vista (legge 382/70 e 508/88), o sordomuta (legge 381/70 e 508/88), o disabile con handicap grave (art. 3 c. 3 della legge 104/92) unitamente ad un valore dell’indicatore ISEE come accanto indicata:

·        con ISEE compreso tra € 8.000,01 ed € 10.000,00: riduzione del 60%

·        con ISEE compreso tra € 10.000,01 ed € 12.000,00: riduzione del 50%

·        con ISEE compreso tra € 12.000,01 ed € 14.000,00: riduzione del 40%

·        con ISEE compreso tra € 14.000,01 ed € 16.000,00: riduzione del 30%

2.           Le riduzioni di cui al presente articolo comma 1, saranno concesse a domanda degli interessati, debitamente documentata (fatta eccezione per chi detiene le compostiere consegnate dall’ente), previo accertamento dell'effettiva sussistenza di tutte le condizioni suddette, a partire dall’anno in cui viene presentata la richiesta e non sono tra di loro cumulabili.

3.           Ai sensi dell’art. 1, comma 86, della Legge n. 549/1995, il tributo è ridotto del 50% per le attività commerciali ed artigianali o a queste assimilabili, aventi la sede operativa sulle strade precluse al traffico a causa dello svolgimento di lavori per la realizzazione di opere pubbliche che si protraggono oltre 6 mesi, con locali situato al piano terra con vetrina

Art. 28

Casi di esenzione

1.           Nel rispetto dei criteri dettati dalla Legge 147/2013, vengono introdotte le seguenti esenzioni:

a.    per le abitazioni, consistenti in non più di un’unità immobiliare, occupate da famiglie in cui è presente una (o più persone) con disabilità o handicap. In caso di presenza di un invalido di famiglia, con grado di invalidità del 70%, oppure non autosufficiente over 65, o priva di vista (legge 382/70 e 508/88), o sordomuta (legge 381/70 e 508/88), o disabile con handicap grave (art. 3 c. 3 della legge 104/92) unitamente ad un valore dell’indicatore ISEE in corso di validità inferiore alla soglia di € 8.000,00;

b.    per le abitazioni occupate da famiglie con indicatore ISEE in corso di validità inferiore ad € 6.000,00.

Art. 29

Mancato svolgimento del servizio

1.           Previa formale e motivata diffida dell'utente al gestore del servizio di raccolta dei rifiuti e/o  ai competenti uffici comunali attestante situazione di carenza o di grave irregolarità nell'erogazione del servizio, ove non si provveda da parte del Comune, entro congruo termine, a regolarizzare il servizio o ad argomentare l'insussistenza dei motivi di diffida, o quando sia presente una situazione che ha generato un danno o pericolo di danno alle persone o all’ambiente, riconosciuta dall’autorità sanitaria, deve essere applicata una riduzione nella misura pari al 60 %.

Art. 30

“Bonus sociale” per le utenze domestiche

1.           Le utenze domestiche in condizioni economico-sociali disagiate potranno accedere a condizioni tariffarie agevolate alla fornitura del servizio di gestione integrato dei rifiuti urbani e assimilati, sulla base del proprio valore ISEE, in adesione ai criteri indicati dall’autorità ARERA.

2.           Le modalità di attribuzione saranno indicate da ARERA, in conformità a quanto stabilito dall’art. 57-bis del D.L. n. 124/2019 e s.m.i..

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
30/09/2022
25,00%
2° rata
30/10/2022
25,00%
3° rata
30/11/2022
25,00%
4° rata
30/12/2022
25,00%
Unica
30/09/2022
100,00%
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto
In caso di omesso/parziale versamento si procederà con gli atti consequenziali per il recupero dell’importo non versato e l’irrogazione delle sanzioni previste dall’art. 13 del D. Lgs. 18 dicembre 1997 n. 471, oltre all’addebito di interessi calcolati nella misura del tasso di interesse legale.
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile
E' possibile rivolgersi all'ufficio Tributi nel giorno di Lunedì dalle ore 08:00 alle ore 14:00
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell’Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti