Trasparenza Rifiuti Povoletto
Trasparenza Rifiuti Povoletto

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Povoletto

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Povoletto

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Povoletto

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

Per problematiche inerenti il servizio di raccolta dei rifiuti rivolgersi al gestore Net Spa. 


Per segnalare errori nella determinazione degli importi addebitati, errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, si può contattare direttamente l'Ufficio Tributi telefonando al 0432/664082 int. 5 int. 1, inviare una email a tributi@comune.povoletto.ud.it oppure presentarsi direttamente allo sportello.

L’Ufficio è aperto al pubblico:
lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 10.00 alle 12.30;
martedì e giovedì pomeriggio dalle 16.30 alle 18.00.
Solo su appuntamento.



Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
La raccolta dei rifiuti avviene secondo le modalità, le date e gli orari indicati nell'allegato.
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Al momento non sono previste campagne straordinarie di raccolta rifiuti.
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto

L'allegato calendario della raccolta è anche un piccolo vademecum di come va differenziato il rifiuto, in che contenitori va inserito, dove va depositato o in che giornate va esposto nel caso di rifiuto raccolto porta a porta.

Vi potete inoltre trovare gli orari del nostro CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI INTERCOMUNALE, che si trova a Povoletto Frazione Primulacco via dei Campi 7.

In caso di dubbi nella differenziazione dei rifiuti, potete usare la funzione "Dove lo butto?", dove potete fare un'interrogazione per ogni singola tipologia di rifiuto o eventualmente scaricare la guida in pdf.


Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
La carta dei servizi è in corso di predisposizione
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
La pulizia delle strade non avviene sulla base di un calendario predefinito, ma a chiamata in ragione dell'esigenze del territorio.
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Utenza domestica 2 occupanti
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 4 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza domestica 2 occupanti - compostaggio domestico
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 4 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza domestica casa a disposizione
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 4 %, un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: t
Cluster: - €
Tariffa nazionale di base:
Raccolta differenziata: %
Fattori di contesto del comune:
Economie e diseconomie di scala:
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento:
Impianti di trattamento meccanico biologico:
Discariche:
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: %
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: %
Rifiuti smaltiti in discarica: %
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Utenze domestiche: 

come previsto dall’art. 20 del vigente Regolamento Comunale, sono previste per le utenze domestiche l’applicazione delle seguenti riduzioni per particolari condizioni d’uso:

 

CONDIZIONE D’USO

RIDUZIONE

abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo, non superiore a 183 giorni nell’anno solare

riduzione del 30 %

abitazioni occupate da soggetti che risiedano (iscritti AIRE) o abbiano la dimora, per più di sei mesi all'anno, all'estero

riduzione del 30%

cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, iscritti all’AIRE e già pensionati nei paesi di residenza, limitatamente all’unica unità immobiliare posseduta in Italia a titolo di proprietà o di usufrutto, non concessa in locazione o in comodato

riduzione di 2/3

utenze domestiche che effettuano compostaggio aerobico

riduzione del 10% della parte

variabile della tariffa

 

Per le unità abitative, di proprietà o possedute a titolo di usufrutto, uso o abitazione da soggetti già ivi anagraficamente residenti, tenute a disposizione dagli stessi dopo aver trasferito la residenza/domicilio in Residenze Sanitarie Assistenziali (R.S.A.) o istituti sanitari e non locate o comunque utilizzate a vario titolo, il numero degli occupanti è fissato, previa presentazione di richiesta documentata, in un’unità (1). Nel caso in cui un soggetto sia stabilmente ricoverato in casa di riposo o in istituto di cura e mantenga la propria residenza anagrafica in civile abitazione, nella quale risiedono altre persone, nel calcolo della tariffa non si tiene conto della persona ricoverata, previa presentazione di autocertificazione o documentazione rilasciata dall’istituto. Nel caso previsto dal comma precedente, ma dove la persona ricoverata risulti singolo occupante, l’abitazione verrà considerata come alloggio tenuto a disposizione.

Per le utenze ubicate fuori dalla zona servita,purché di fatto totalmente non servite dalla raccolta (nessuna raccolta), il tributo da applicare è ridotto, tanto nella parte fissa quanto nella parte variabile, in misura del 40% se la distanza dal più vicino punto di raccolta, ubicato nella zona perimetrata o di fatto servita, è superiore a 500 metri lineari. La distanza è determinata in base alla lunghezza del percorso sulla strada pubblica o soggetta a pubblico transito, dal punto di immissione della proprietà privata ove i rifiuti vengono prodotti al sito di raccolta.

SONO ESENTI:

Le abitazioni utilizzate da persone assistite in modo permanente dal Comune o in disagiate condizioni socio-economiche attestate dal Settore Sanità-Servizi sociali.


Utenze non domestiche:

come previsto dall’art. 21 del vigente Regolamento Comunale, sono previste per le utenze non domestiche l’applicazione delle seguenti riduzioni per particolari condizioni d’uso:

 

CONDIZIONE D’USO

RIDUZIONE

locali, diversi dalle abitazioni ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente,

purché non superiore a 183 giorni nell’anno solare

riduzione del 30 %

attività di agriturismo

riduzione del 20 %

 

Ai sensi dell’art. 22 del vigente Regolamento Comunale la tariffa dovuta dalle utenze non domestiche può essere ridotta a consuntivo, nella parte variabile, in proporzione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al riciclo nell’anno di riferimento, mediante specifica attestazione rilasciata dall’impresa, a ciò abilitata, che ha effettuato l’attività di riciclo.

La riduzione della tariffa è proporzionata alla quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero nella seguente misura: rapporto tra la quantità dei rifiuti assimilati (con l’esclusione di imballaggi secondari e terziari) avviati al riciclo e la quantità di rifiuti ottenuta moltiplicando la superficie assoggettata alla tariffa dell’attività ed il coefficiente potenziale di produzione rifiuti in Kg /m2 per tipologia di attività (Kd)come previsto dal D.P.R. 158/99, della classe corrispondente.

L’entità della riduzione non può comunque superare il costo sostenuto e contabilmente documentato, né l’ammontare della riduzione può in ogni caso essere superiore al 80% della quota variabile.

Al fine del calcolo della precedente riduzione, i titolari delle utenze non domestiche sono tenuti a presentare annualmente, entro il 28 febbraio dell’anno successivo, apposita dichiarazione attestante la quantità di rifiuti avviati al riciclo nel corso dell’anno solare precedente ed, in via sostitutiva, ai sensi del DPR 445/2000, la quantità complessiva di rifiuti assimilati agli urbani prodotti dall’unità locale.

A tale dichiarazione dovranno altresì allegare copia di tutti i formulari di trasporto, di cui all’art. 193 del D.Lgs 152/2006, relativi ai rifiuti recuperati, debitamente controfirmati dal destinatario, o adeguata documentazione comprovante la quantità dei rifiuti assimilati avviati al recupero, in conformità delle normative vigenti.

E’ facoltà del Comune, comunque, richiedere ai predetti soggetti copia del modello unico di denuncia (MUD) per l’anno di riferimento o altra documentazione equivalente. Qualora si dovessero rilevare delle difformità tra quanto dichiarato e quanto risultante nel MUD/altra documentazione, tali da comportare una minore riduzione spettante, si provvederà a recuperare la quota di riduzione indebitamente applicata. Se l’interessato non è in grado di indicare la quantità complessiva di rifiuti prodotti o la stessa non viene dichiarata, per il calcolo dell’incentivo si considera come quantità totale di rifiuti prodotti il risultato della moltiplicazione tra la superficie assoggettata al tributo dell’attività ed il coefficiente di produzione annuo per l’attribuzione della quota variabile della tariffa (coefficiente Kd) della categoria corrispondente, indicato nel provvedimento di determinazione annuale delle tariffe.

La suddetta riduzione verrà calcolata a consuntivo con compensazione con il tributo tariffa dovuta per l’anno successivo o rimborso dell’eventuale eccedenza pagata nel caso di in capienza.







Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
Attraverso l'omonima sezione presente sul sito internet del Comune, è possibile pagare in modalità telematica attraverso il servizio pagopa
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
Unica
16/12/2020
100,00%
Rata
Entro il
%
1° rata
16/12/2020
50,00%
2° rata
16/02/2021
50,00%

MODALITA' E TERMINI DI PAGAMENTO 

Il Comune riscuote la TARI, in base alle dichiarazioni presentate, inviando ai contribuenti, anche per posta semplice, inviti di pagamento che specificano per ogni utenza le somme dovute per la componente rifiuti ed il tributo provinciale, suddividendo l’ammontare complessivo in due rate scadenti il 16 ottobre e il 16 dicembre dell'anno di competenza, con facoltà di effettuare il pagamento in unica soluzione entro il 16 ottobre di ciascun anno.

Per il solo anno 2020 le scadenze saranno 16 dicembre 2020 e 16 febbraio 2021, con facoltà di versamento unico entro il 16 dicembre 2020

Per le modifiche inerenti alle caratteristiche dell’utenza, che comportino variazioni in corso d’anno del tributo successive all'emissione dell'avviso di pagamento "principale", si procederà all’invio di ulteriori avvisi di pagamento a conguaglio, scadenti il 16 aprile dell’anno successivo.

Il pagamento avviene tramite i modelli F24 precompilati inviati relativi alle due scadenze e può essere effettuato presso qualsiasi sportello bancario o postale, senza commissioni aggiuntive. 

In aggiunta è attivo il servizio PAGOPA che consente a chi lo volesse, di pagare in modalità telematica attraverso il sito web del Comune, previa registrazione alla pagina “SERVIZI AL CITTADINO”. 

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto
Il mancato rispetto del termine di pagamento indicato comporterà l’emissione di un invito al pagamento e in mancanza dell’adempimento richiesto, il successivo avviso di accertamento con contestuale irrogazione delle sanzioni, con le modalità e con l’applicazione delle misure sanzionatorie (art. 32) e degli interessi (art. 33) previsti dal vigente regolamento comunale.
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

Per segnalare errori nella determinazione degli importi addebitati, errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, si può contattare direttamente l'Ufficio Tributi telefonando al 0432/664082 int. 5 int. 1, inviare una email a tributi@comune.povoletto.ud.it oppure presentarsi direttamente allo sportello.

L’Ufficio è aperto al pubblico:
lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 10.00 alle 12.30;
martedì e giovedì pomeriggio dalle 16.30 alle 18.00.
Solo su appuntamento.

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

Il Comune di Povoletto ha aderito al sistema pagoPA.


I cittadini ed imprese possono ora pagare, in modalità telematica, i servizi erogati dalla PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, tramite il sistema nazionale dei pagamenti denominato pagoPA.
 
Il sistema pagoPA consente ai Cittadini ed Imprese di utilizzare sia le tradizionali modalità di pagamento agli sportelli dei PSP (Banche, Uffici postali, GDA, ecc.) che espongono il logo “PagoPA”, sia la nuova modalità telematica attraverso il sito web del proprio Comune.
 
Per poter accedere ai nuovi servizi telematici "SERVIZI AL CITTADINO" erogati dall’Ente, consigliamo ai Cittadini di dotarsi dell’IDENTITA’ DIGITALE attraverso il sistema pubblico SPID, oppure tramite l’apposita Login e Password.