Trasparenza Rifiuti Porto San Giorgio
Trasparenza Rifiuti Porto San Giorgio

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Porto San Giorgio

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Porto San Giorgio

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Porto San Giorgio
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade

Tariffe e rapporti con gli utenti

Per l’invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, contattare l’Ufficio Tributi ai seguenti recapiti:

Sportello al pubblico dell’Ufficio Tributi presso i nuovi locali situati al piano terra lato est dell’edificio comunale c.d. “Cortile delle Magnolie” nei seguenti giorni e orari:

LUNEDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00
MARTEDI DALLE ORE 15.30 ALLE ORE 17.30
GIOVEDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00

Gli orari di ricevimento telefonico sono i seguenti:
MERCOLEDI DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00
GIOVEDI DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 18.00
VENERDI DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00

 

I  recapiti telefonici e gli indirizzi e-mail sono i seguenti:
DOTT.SSA IRENE CORVELLI                   0734.680210   
irene.corvelli@comune-psg.org
RAG. MANCINI MICHELA                        0734.680295    
michela.mancini@comune-psg.org
RAG. LUIGINA RAMADORI                      0734.680222    
luigina.ramadori@comune-psg.org
E-MAIL UFFICIO                                                                tributi@comune-psg.org

Raccolta e trasporto rifiuti - lavaggio strade

Per informazioni in merito alla gestione della raccolta dei rifiuti, segnalazioni, prenotazione servizi, ad esempio ritiro ingombranti e per qualsiasi informazione sul servizio, rivolgersi al numero di SGDS MULTISERVIZI SRL: 0734671915 sito web
Modulistica per l'invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile


La gestione del rapporto con gli utenti e dei reclami è rimessa all’Ufficio Ambiente, sito in via Vittorio Veneto 5 Porto San Giorgio.

Tale ufficio si occupa di ricevere le segnalazioni di eventuali disservizi nella raccolta ordinaria dei rifiuti in cooperazione con l’Ufficio Tecnico del comune.


Le segnalazioni e i reclami vanno presentati personalmente, oppure inviati ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

amministrazione.ambiente@sangiorgioservizi.it

sgds@pec.it (PEC)

Inviare per conoscenza anche agli Uffici Comunali all'indirizzo stefano.postacchini@comune-psg.org

È possibile inoltre fare segnalazioni telefoniche al numero 0734671915 int. 1 

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta

Attualmente non sono previste campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani.

Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Sezione in fase di elaborazione.
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA

Le informazioni (se disponibili) sono automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA

Con riferimento all'anno 2021, la percentuale di raccolta differenziata nel Comune di Porto San Giorgio è pari al 68,80%.

Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
domestica 1 occupante [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
domestica 4 occupanti [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
stabilimenti balneari [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
negozi [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
bar [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:

1. La tariffa è composta da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per opere e ai relativi ammortamenti, e da una quota variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all’entità dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento.

2. La tariffa è articolata nelle fasce di utenza domestica e di utenza non domestica.

3. L’insieme dei costi da coprire attraverso la tariffa sono ripartiti tra le utenze domestiche e non domestiche secondo criteri razionali. A tal fine, i rifiuti riferibili alle utenze non domestiche possono essere determinati anche in base ai coefficienti di produttività Kd di cui alle tabelle 4a e 4b, Allegato1, del Decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2018)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 12.335,58 t
Cluster: Comuni a forte vocazione turistica con alto livello di benessere, bassa densità abitativa e con localizzazione prevalente in zone montane o litoranee - € 78,94123779
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 56,39%
Fattori di contesto del comune: € 127,0602825
Economie e diseconomie di scala: € 0,10853
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 0
Impianti di trattamento meccanico biologico: 6
Discariche: 9
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 22,867 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 0%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 15,09%
Rifiuti smaltiti in discarica: 47,87%
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste
Attualmente le riduzioni tariffarie per gli utenti in stato di disagio economico e sociale non sono previste.
Estremi degli atti di approvazione della tariffa per l'anno in corso con riferimento all'ambito o ai comuni serviti
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita

Modello Semplificato F24-modalità gratuita

In aggiunta al modello F24 per effettuare il versamento dall’estero è possibile fare un bonifico alle seguenti coordinate bancarie:

BANCA:

CARIFERMO

FILIALE DI PORTO SAN GIORGIO 

VIA ANNIBAL CARO N. 11 

63822 PORTO SAN GIORGIO  -FM


IBAN:  

IT 17 O 06150 69660 T20170071508 

 

BIC:

CRFEIT3FXXX

sulla causale indicare: nome e cognome dell'utente - tari-anno di riferimento

Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
31/07/2022
33,00%
2° rata
30/09/2022
33,00%
3° rata
02/12/2022
34,00%
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto

Si riporta l’art 29 del Vigente regolamento comunale Tari :

ART. 29 SANZIONI

1.    In caso di omesso o insufficiente versamento del tributo risultante dalla dichiarazione si applicala sanzione del 30% di ogni importo non versato. (Art. 1, c. 695 L.147/2013).



RAVVEDIMENTO OPEROSO


FATTISPECIE

MODALITÀ RAVVEDIMENTO

SANZIONE RIDOTTA

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento sprint

Entro 14 giorni dalla scadenza fissata per il versamento

0,1% per ogni giorno fino al quattordicesimo

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento breve

Dal 15 al 30 giorno di ritardo rispetto alla scadenza fissata per il versamento

1/10 del 15% =1,50%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento intermedio

Dal 31 al 90 giorno di ritardo rispetto alla scadenza fissata per il versamento

1/9 del 15%=1,67%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento ordinario

Dal 91 al 365 giorno di ritardo rispetto alla scadenza fissata per il versamento

1/8 del 30%=3,75%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento ultrannuale

Oltre l’anno ed entro due anni dalla data di scadenza fissata per il versamento

1/7 del 30%=4,28%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento lungo

Oltre i due anni dalla data di scadenza fissata per il versamento

1/6 del 30%=5,00%

 

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.

Per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, contatti -  mail : tributi@comune-psg.org


L'Ufficio riceve presso i locali situati al piano terra lato est dell’edificio comunale c.d. “Cortile delle Magnolie” nei seguenti giorni e orari:


LUNEDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00
MARTEDI DALLE ORE 15.30 ALLE ORE 17.30
GIOVEDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00

 

Gli orari di ricevimento telefonico sono i seguenti:

 

MERCOLEDI DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00
GIOVEDI DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 18.00
VENERDI DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00

 

I  recapiti telefonici e gli indirizzi mail sono:

 

DOTT.SSA IRENE CORVELLI                   0734.680210   irene.corvelli@comune-psg.org
RAG. MANCINI MICHELA                        0734.680295   michela.mancini@comune-psg.org
RAG. LUIGINA RAMADORI                      0734.680222    luigina.ramadori@comune-psg.org



Per comunicazioni di variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa utilizzare gli allegati modelli relativi a dichiarazioni.
Per autocertificazione numero occupanti su utenze domestiche per non residenti utilizzare il modello "Autocertificazione"


Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Sezione in fase di aggiornamento
Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.
Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Porto San Giorgio è collocato all'interno dello Schema regolatore I
Considerato quanto disposto con Deliberazione 15/2022 in relazione alla regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani, preso atto dello schema regolatorio asimmetrico e graduale predisposto da ARERA nella suddetta Deliberazione, il Comune, in sostituzione all’Ente territorialmente competente, ha individuato, come indicato dall’art. 3, comma 1 del Testo unico per la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani (TQRIF), il posizionamento della gestione nella schema regolatorio 1, sulla base del livello qualitativo di partenza e in ragione delle prestazioni previste dalla Carta della qualità vigente.
Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
Avendo il Comune, in sostituzione all’Ente territorialmente competente optato per lo schema regolatorio I di cui sopra, non è soggetto, secondo quando disposto da ARERA, rispettivamente al secondo e terzo comma, art. 3 del TQRIF, a standard di qualità generale ma esclusivamente a obblighi di servizio di cui all’APPENDICE 1 del TQRIF.
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.
Si consulti il paragrafo "3.1.J Regole per il calcolo della tariffa".
Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.

Per la rateizzazione degli avvisi di accertamento TARI, si riporta quanto previsto dall'Art. 28 comma 4 e seguenti del nostro regolamento comunale

4.  Sarà possibile presentare istanza di rateazione con le seguenti modalità:

a)    qualora le somme complessivamente indicate negli avvisi, comprese le sanzioni e gli interessi applicabili siano superiori ad 200,00, il contribuente può richiedere, non oltre il termine di versamento, una rateazione sino a 12 rate mensili, oltre agli interessi di cui all’articolo 31;

b)  qualora l’importo accertato superi 2.000,00 (duemila/00) e sino all’importo di 6.000,00 (seimila) è


possibile ottenere una rateazione sino a 24 rate mensili, oltre gli interessi di cui all’articolo 31;

c)  qualora l’importo accertato superi € 6.000,00 (seimila) è possibile ottenere una rateazione sino a 36 rate mensili, oltre gli interessi di cui all’articolo 31;

2.  Al fine della concessione della rateazione di cui al precedente comma 4 lettere b) e c) l’ufficio tributi in fase istruttoria dovrà richiedere ogni documentazione utile a comprovare una situazione di obiettiva difficoltà economica che impedisca il pagamento in base alle scadenze ordinariamente stabilite dall’Ente. Tale situazione può essere identificata in una delle seguenti fattispecie:

-    per le persone fisiche, ove il richiedente presenti idonea documentazione che attesti il valore dell'indicatore della propria situazione economica (ISEE) che non dovrà essere superiore ad 18.000,00;

-  per l’impresa, la persona giuridica o il soggetto esercente lavoro autonomo, ove venga comprovato un grave stato di difficoltà finanziaria o di carenza di liquidità da valutare sulla base di idonea documentazione comprovante lo stato di crisi.

3.    In ogni caso, per importi superiori ad 30.000,00 (trentamila/00) l’accoglimento dell’istanza di rateazione è subordinato alla presentazione di garanzia fideiussoria bancaria o assicurativa comprensiva degli interessi legali ed eventuali spese di recupero del credito rilasciata da primaria compagnia.

4. L’utente decade dalla rateazione nel caso di ritardo superiore a quindici giorni nel versamento anche di una sola rata.

5.   La concessione della rateizzazione è subordinata alla verifica di inesistenza di morosità relative a precedenti rateazioni o dilazioni.

Modalità e termini per la presentazione delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio.

ART. 26 - CONTENUTO E PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE

1.  La dichiarazione deve essere presentata entro il secondo mese successivo al verificarsi dal fatto che ne determina l’obbligo, utilizzando gli appositi moduli messi gratuitamente a disposizione degli interessati. Nel caso di occupazione da parte di più soggetti passivi di una stessa unità immobiliare, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti.

2.  Ai fini della dichiarazione relativa alla TARI, restano ferme le superfici dichiarate o accertate ai fini della TARSU e della TARES.

3.  La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi qualora non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo. In caso contrario la dichiarazione di variazione o cessazione va presentata entro il termine di cui al primo comma.

4.    La dichiarazione, originaria, di variazione o cessazione, relativa alle utenze domestiche deve contenere:

a)   Per le utenze di soggetti residenti, i dati identificativi (dati anagrafici, residenza, codice fiscale) dell’intestatario della scheda famiglia;

b)   per le utenze di soggetti non residenti, i dati identificativi del dichiarante (dati anagrafici, residenza, codice fiscale) e il numero dei soggetti occupanti l’utenza;


c)  l’ubicazione, specificando anche il numero civico e se esistente il numero dell’interno, e i dati catastali dei locali e delle aree;

d)  la superficie e la destinazione d’uso dei locali e delle aree;

e)   la data in cui ha avuto inizio l’occupazione o la conduzione, o in cui è intervenuta la variazione o cessazione;

f)  la sussistenza dei presupposti per la fruizione di riduzioni o agevolazioni.

5.  La dichiarazione, originaria, di variazione o cessazione, relativa alle utenze non domestiche deve contenere:

a)  i dati identificativi del soggetto passivo (denominazione e scopo sociale o istituzionale dell’impresa, società, ente, istituto, associazione ecc., codice fiscale, partita I.V.A., codice ATECO dell’attività, sede legale);

b)  i dati identificativi del legale rappresentante o responsabile (dati anagrafici, residenza, codice fiscale);

c)  l’ubicazione, la superficie, la destinazione d’uso e i dati catastali dei locali e delle aree;

d)   la data in cui ha avuto inizio l’occupazione o la conduzione, o in cui è intervenuta la variazione o cessazione;

e)  la sussistenza dei presupposti per la fruizione di riduzioni o agevolazioni.

6.   La dichiarazione, sottoscritta dal dichiarante, è presentata direttamente agli uffici comunali o è spedita per posta, preferibilmente, tramite raccomandata con avviso di ricevimento A.R, o inviata in via telematica, preferibilmente, con posta certificata. In caso di spedizione A.R. fa fede la data di invio.

7.   La mancata sottoscrizione e/o restituzione della dichiarazione non comporta la sospensione delle richieste di pagamento.

8.    Gli uffici comunali, in occasione di richiesta di residenza, rilascio di licenze, autorizzazioni o concessioni, invitano il contribuente a presentare la dichiarazione nel termine previsto, fermo restando l’obbligo del contribuente di presentare la dichiarazione anche in assenza di detto invito.