Trasparenza Rifiuti Porto San Giorgio
Trasparenza Rifiuti Porto San Giorgio

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Porto San Giorgio

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Porto San Giorgio

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Porto San Giorgio

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

La gestione del rapporto con gli utenti e dei reclami è rimessa all’Ufficio Ambiente, sito in via Vittorio Veneto 5 Porto San Giorgio.

Tale ufficio si occupa di ricevere le segnalazioni di eventuali disservizi nella raccolta ordinaria dei rifiuti in cooperazione con l’Ufficio Tecnico del comune.

Le segnalazioni e i reclami vanno presentati personalmente, oppure inviati ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

amministrazione.ambiente@sangiorgioservizi.it

sgds@pec.it (PEC)

Inviare per conoscenza anche agli Uffici Comunali all'indirizzo sauro.censi@comune-psg.org

È possibile inoltre fare segnalazioni telefoniche al numero 0734671915 int. 1 

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta


Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni (se disponibili) sono automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
domestica 1 occupante [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
domestica 4 occupanti [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
stabilimenti balneari [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
negozi [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
bar [ESEMPIO anno 2020]
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:


Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2017)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 14.393,08 t
Cluster: Comuni a forte vocazione turistica con alto livello di benessere, bassa densità abitativa e con localizzazione prevalente in zone montane o litoranee - € 78,9412378
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 48,02%
Fattori di contesto del comune: € 129,5317903
Economie e diseconomie di scala: € 0,11432
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 0
Impianti di trattamento meccanico biologico: 5
Discariche: 10
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 22,951 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 0%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 14,71%
Rifiuti smaltiti in discarica: 51,84%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste
ART. 20
RIDUZIONI PER INFERIORI LIVELLI DI PRESTAZIONE DEL SERVIZIO
1. Il tributo è dovuto, tanto nella parte fissa quanto nella parte variabile, nella misura ridotta al 30% nelle zone ove non è effettuata la raccolta dei rifiuti solidi urbani interni in regime di privativa.
2. Il tributo è dovuto nella misura del 20% della tariffa nei periodi di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonché di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili
impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall'autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all'ambiente.
3. Le riduzioni di cui ai commi precedenti si applicano dalla data di effettiva sussistenza delle condizioni di fruizione se debitamente dichiarate e documentate nei termini di presentazione della dichiarazione iniziale o di variazione o, in mancanza, dalla data di presentazione della relativa
dichiarazione.
4. Le riduzioni di cui al presente articolo cessano di operare alla data in cui ne vengono meno le condizioni di fruizione, anche in mancanza della relativa dichiarazione.


ART. 21
RIDUZIONI PER LE UTENZE DOMESTICHE
1. Alle utenze domestiche che abbiano avviato il compostaggio dei propri scarti organici ai fini dell’utilizzo in sito del materiale prodotto si applica una riduzione del 20% sulla quota variabile. La riduzione viene accordata con effetto dalla data di presentazione di apposita istanza, attestante di aver attivato il compostaggio domestico in modo continuativo e corredata dalla documentazione comprovante il possesso dell’apposito contenitore. Il soggetto gestore effettuerà appositi sopralluoghi al fine di verificare l’effettivo utilizzo della compostiera a seguito dei quali, in caso di mancato utilizzo, la riduzione verrà revocata d’ufficio con decorrenza dal giorno dell’effettuazione del sopralluogo.
2. Ai fini dell’applicazione di rimodulazioni tariffarie secondo quanto previsto dal comma 658 dell’art. 1 della legge n. 147/2014, si rinvia all’ esito dei progetti riguardanti l’attivazione di isole ecologiche.


ART. 22
UTENZA NON DOMESTICA: RIDUZIONI PER LE UTENZE NON STABILMENTE ATTIVE E RIDUZIONI PER IL RICICLO
1. La tariffa si applica in misura ridotta, nella parte fissa e nella parte variabile, del 30 % ai locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, purché non superiore a 183 giorni nell’anno solare.
2. La predetta riduzione si applica se le condizioni di cui al primo comma risultano da licenza o atto assentivo rilasciato dai competenti organi per l’esercizio dell’attività o da dichiarazione rilasciata dal titolare a pubbliche autorità.
3. Si applicano il terzo e il quarto comma dell’articolo 20.
4. La tariffa è ridotta a consuntivo nei confronti delle utenze non domestiche, per la quota variabile del tributo, in proporzione alle quantità di rifiuti urbani che il produttore dimostra di aver avviato al riciclo, direttamente o tramite soggetti autorizzati.
5. La riduzione fruibile, in ogni caso non superiore al 10% della quota variabile del tributo, è calcolata in base al rapporto tra la quantità documentata di rifiuti urbani avviati al riciclo nel corso dell’anno solare e la quantità totale di rifiuti urbani prodotta.
6. La riduzione deve essere richiesta annualmente dall’interessato presentando idonea istanza entro il mese di febbraio dell’anno successivo.
7. Al fine del calcolo della precedente riduzione, i titolari delle utenze non domestiche sono tenuti a presentare entro il mese di maggio dell’anno successivo la seguente documentazione:
- autocertificazione attestante l’avvenuto recupero nel proprio ciclo produttivo e modalità di recupero;
- copia del registro di carico e scarico o MUD o altra documentazione derivante dal sistema di tracciamento dei rifiuti attestante l’avvio a recupero del rifiuto assimilato tramite soggetti terzi;
- documentazione di consegna dei rifiuti avviati al recupero (copia di bolle di accompagnamento e fatture);
- copia del contratto stipulato con il soggetto cui i rifiuti sono consegnati per l’avvio al riciclo, salvo che sia stato allegato alla richiesta di riduzione.
8. La riduzione verrà calcolata a consuntivo con rimborso dell’eccedenza pagata.


ART. 23
RIDUZIONI PER LE UTENZE NON DOMESTICHE IN CASO DI USCITA DAL SERVIZIO PUBBLICO
1. Ai sensi dell’art. 198, comma 2-bis, del Decreto Legislativo 3/04/2006, n. 152, le utenze non domestiche possono conferire al di fuori del servizio pubblico i propri rifiuti urbani, previa dimostrazione di averli avviati tutti al recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che
effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi.
2. Ai sensi dell'art. 238, comma 10, del Decreto Legislativo 3/04/2006, n. 152, le utenze non domestiche che conferiscono al di fuori del servizio pubblico tutti i rifiuti urbani prodotti e che dimostrino di averli avviati al recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l'attività di recupero degli stessi, non sono tenute alla corresponsione della quota variabile del tributo. A tal fine, la scelta di conferimento al di fuori del servizio pubblico deve essere vincolante per almeno 5 anni. L’utente può comunque richiedere di ritornare alla gestione pubblica anche prima della scadenza di predetto termine. La richiesta è valutata dal gestore del servizio, il quale ha facoltà di riammettere l’utente tenendo conto dell’organizzazione del servizio e dell’impatto sulla medesima del suo rientro, sia in termini di modalità, di tempi di svolgimento e sia di costi.
3. La scelta da parte dell'utenza non domestica di ricorrere al mercato, di servirsi del gestore del servizio pubblico o di rientrarvi prima della scadenza del termine quinquennale deve essere comunicata al Comune entro il termine del 30 giugno di ogni anno, con effetto dal 1° gennaio
dell’anno successivo, ai sensi dall’art. 30, comma 5, del Decreto Legge 22 marzo 2021, n. 41. Limitatamente all’anno 2021, la comunicazione deve essere presentata entro il termine del 31 maggio 2021, con effetto dal 1° gennaio 2022. Nella comunicazione di esercizio dell’opzione di
uscita dal servizio pubblico devono essere riportati il nominativo del soggetto incaricato, il tipo di attività svolta in via prevalente con il relativo codice ATECO, le tipologie e le quantità dei rifiuti urbani ordinariamente prodotte, oggetto di avvio al recupero, distinte per codice EER. Alla comunicazione deve essere allegata altresì idonea documentazione comprovante l’esistenza di un accordo contrattuale per il periodo minimo di 5 anni con il soggetto debitamente autorizzato che effettua l’attività di recupero dei rifiuti. L’opzione per la gestione pubblica è vincolante per almeno 5 anni.
4. Qualora l’utenza non presenti la comunicazione di cui al comma precedente entro i termini di cui al medesimo comma 3, si intende che abbia optato per il servizio pubblico per la gestione dei rifiuti urbani prodotti, fatta salva la facoltà di avviare al riciclo in modo autonomo al di fuori del servizio pubblico singole frazioni di rifiuti urbani prodotti. Tale circostanza deve essere debitamente comunicata preventivamente al Comune o al gestore del servizio, ai sensi dell’art. 24 del presente Regolamento.
5. Ai fini dell’esclusione dalla corresponsione della quota variabile della tariffa, le utenze non domestiche devono presentare entro il termine del 20 febbraio dell'anno successivo a quello di competenza della TARI dovuta, la documentazione comprovante l’integrale avvio al recupero dei
rifiuti urbani prodotti. In mancanza della documentazione o della sua idoneità a comprovare quanto richiesto, la quota variabile è dovuta.
6. Il Comune ha facoltà di effettuare controlli ed ispezioni al fine di verificare la coerenza e la correttezza delle rendicontazioni presentate rispetto all’attività svolta ed alle quantità prodotte. Nel caso di comportamenti non corretti o dichiarazioni mendaci, gli stessi saranno sanzionati, salvo più gravi violazioni, attraverso il recupero della TARI dovuta e l’applicazione della disciplina prevista per le dichiarazioni infedeli.


ART. 24
UTENZA NON DOMESTICA: RIDUZIONI PER LE UTENZE DANNEGGIATE DALL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19

1. Solo per l’anno 2021, per le categorie di utenze non domestiche indicate nel prospetto di cui all’Allegato sub b) al presente regolamento, che risultano maggiormente colpite dalla crisi economica conseguente all’emergenza epidemiologica da COVID-19, si prevede, in virtù della potestà regolamentare di cui all’art. 1, comma 660, Legge n. 147 del 27 dicembre 2013, la riduzione su base annua, della quota variabile nella misura riportata nella tabella sottostante La relativa copertura finanziaria viene assicurata mediante ricorso alla fiscalità generale dell’Ente, senza alcun aggravio per le restanti categorie di utenze TARI.


categoria

% di riduzione della QV

% di riduzione rispetto al tot.

IMPIANTI SPORTIVI - PALESTRE

68

44

PALASPORT

68

44

ALBERGHI CON RISTORANTE

68

44

ALBERGHI SENZA RISTORANTE

68

44

ABBIGLIAMENNTO CALZATURE LIBRERIE FERRAMENTA

50

32,50

FILATELIA TENDE TAPPETI CAPPELLI ANTIQUARIO

50

32,50

ATTIVITA' ARTIGIANALI PARRUCCHIERE ESTETISTA

50

32,50

RISTORANTI TRATTORIE OSTERIE PIZZERIE PUB

50

32,50

MENSE BIRRERIE HAMBURGERIE

50

32,50

BAR CAFFE' PASTICCERIA

50

32,50

PIZZA AL TAGLIO

50

32,50

DISCOTECHE NIGHT CLUB

68

44

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita

Modello Semplificato F24-modalità gratuita

In aggiunta al modello F24 per effettuare il versamento dall’estero è possibile fare un bonifico alle seguenti coordinate bancarie:

BANCA:

CARIFERMO

FILIALE DI PORTO SAN GIORGIO 

VIA ANNIBAL CARO N. 11 

63822 PORTO SAN GIORGIO  -FM


IBAN:  

IT 17 O 06150 69660 T20170071508 

 

BIC:

CRFEIT3FXXX

sulla causale indicare: nome e cognome dell'utente - tari-anno di riferimento

Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
30/09/2021
33,00%
2° rata
31/10/2021
33,00%
3° rata
03/12/2021
34,00%
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

Si riporta l’art 30 del Vigente regolamento comunale Tari :

ART. 30 SANZIONI

1. In caso di omesso o insufficiente versamento del tributo risultante dalla dichiarazione si applica la sanzione del 30% di ogni importo non versato. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a 90 giorni la sanzioni di cui al primo periodo è ridotta alla metà. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione di cui sopra (ossia quella del 15%), oltre alle riduzioni previste per il ravvedimento dal comma 1 dell'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, se applicabili, è ulteriormente ridotta ad un importo pari ad un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo (Art. 1, c. 695 L.147/2013).


RAVVEDIMENTO OPEROSO

FATTISPECIE

MODALITÀ RAVVEDIMENTO

SANZIONE RIDOTTA

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento sprint

Entro 14 giorni dalla scadenza fissata per il versamento

0,1% per ogni giorno fino al quattordicesimo

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento breve

Dal 15 al 30 giorno di ritardo rispetto alla scadenza fissata per il versamento

1/10 del 15% =1,50%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento intermedio

Dal 31 al 90 giorno di ritardo rispetto alla scadenza fissata per il versamento

1/9 del 15%=1,67%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento ordinario

Dal 91 al 365 giorno di ritardo rispetto alla scadenza fissata per il versamento

1/8 del 30%=3,75%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento ultrannuale

Oltre l’anno ed entro due anni dalla data di scadenza fissata per il versamento

1/7 del 30%=4,28%

Omesso/parziale versamento

Ravvedimento lungo

Oltre i due anni dalla data di scadenza fissata per il versamento

1/6 del 30%=5,00%

 

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

Per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, contatti -  mail : tributi@comune-psg.org

L'Ufficio riceve presso i locali situati al piano terra lato est dell’edificio comunale c.d. “Cortile delle Magnolie” nei seguenti giorni e orari:


LUNEDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00

MARTEDI DALLE ORE 15.30 ALLE ORE 17.30

GIOVEDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00

 

Gli orari di ricevimento telefonico sono i seguenti:

 

MERCOLEDI DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00

GIOVEDI DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 18.00

VENERDI DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 13.00

 

I  recapiti telefonici e gli indirizzi mail sono:

 

DOTT.SSA IRENE CORVELLI                   0734.680210   irene.corvelli@comune-psg.org

RAG. MANCINI MICHELA                        0734.680295   michela.mancini@comune-psg.org

RAG. LUIGINA RAMADORI                      0734.680222    luigina.ramadori@comune-psg.org


Per comunicazioni di variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa utilizzare gli allegati modelli relativi a dichiarazioni.

Per autocertificazione numero occupanti su utenze domestiche per non residenti utilizzare il modello "Autocertificazione"


Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione