Trasparenza Rifiuti Pagani
Trasparenza Rifiuti Pagani

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Pagani

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Pagani

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Pagani
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade


Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

Di seguito vengono proposti i recapiti, rintracciabili dalla Home Page del Sito Ufficiale del Comune di Pagani, dell'Ufficio Tributi e dell'Ufficio Ambiente cui i cittadini, per quanto di competenza, possono inoltrare le relative segnalazioni. 

Modulistica per l'invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

La richiesta può essere presentata al comune:

  • via PEC: protocollo@comunedipagani.legalmail.it
  • posta ordinaria a Comune Pagani - Piazza B. D'Arezzo, 33 - 84016 Pagani (SA)
  • presentandosi direttamente allo Sportello del Contribuente aperto con i seguenti orari:


Orario di apertura dello Sportello dell'Ufficio Tributi
  • Lunedì dalle ore 09.00 alle 12.00 e il Martedì e Giovedì dalle ore 15.30 alle
    ore 17.30
Segnalare ogni eventuale disservizio o difformità all'UFFICIO AMBIENTE del Comune al fine di poter attivare per tempo i necessari controlli.
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Calendario per la raccolta dei rifiuti
lunedì:
Umido organico - Carta e cartone
martedì:
Umido organico - Multimateriale
mercoledì:
Umido organico - Carta e cartone
giovedì:
Umido organico -Indifferenziato
venerdì:
Umido organico - Multimateriale
domenica:
Indifferenziato
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
A titolo esemplificativo, di seguito si riportano le istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani. Ecco cosa è possibile introdurre nei sacchetti: 
  • Umido: Scarti e avanzi di cucina, crudi o cotti (pasta, frutta, verdura, carne, pesce, prodotti caseari, resti di pane, pasta, salumi, alimenti avariati, ossa, gusci di uovo, gusci di molluschi e crostacei, cialde o fondi di caffè, filtri di the, tisane, camomille ecc.), tovaglioli e fazzoletti di carta, ceneri spente, fiori recisi, stuzzicadenti, ceneri spente del caminetto in piccole quantità. 
  • Indifferenziato: Calze, nylon, cerotti, ovatta, stracci sporchi, spugne sintetiche, spazzolini, lamette, cocci di vaso, porcellane, lampadine, spazzatura di pavimenti, ed altro materiale non riciclabile, pannolini, pannoloni, cicche di sigarette, posate monouso, cialde plastificate ecc.
  • Multimateriale: Bottiglie di plastica, flaconi di detersivi, shampoo e detergenti in plastica, confezioni per alimenti, lattine in alluminio, bombolette spray tranne T/F, tappi corona e metallici in genere, scatolette per alimenti, fogli di alluminio, confezioni caffè, carta argentata, polistirolo, cellophane, piatti e bicchieri in plastica e quanto altro materiale riconducibile a plastica o metallo o anche concernente cartoni per latte, succhi e alimenti
  • Carta e Cartone: Giornali, riviste, libri, quaderni, fotocopie, cartoni piegati, imballaggi e scatole in carta e cartone
  • Vetro: Bottiglie, vasetti, bicchieri e in generale contenitori di vetro (asportando tutto quanto facilmente asportabile (collarini, tappi, etc.) ad esclusione degli specchi che vanno nell’indifferenziato.
  • Per ingombranti, RAEE, sfalci e potature è previsto il ritiro gratuito a domicilio previa prenotazione al numero 08118961703. Pile esauste e farmaci scaduti vanno invece depositati presso gli appositi contenitori rintracciabili nei rivenditori e nelle farmacie.
Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
I cittadini possono monitorare i dati ufficiali della Raccolta Differenziata per il Comune di Pagani collegandosi al Sito ISPRA - Catasto Nazionale Rifiuti, al seguente link
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
L'attività di spazzamento strade viene effettuata per sei giorni a settimana con servizio di spazzamento manuale.
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Utenza Domestica 1 componente - Abitazione 100 mq
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza Domestica 1 componente - Abitazione 80 mq - Pertinenza 20 mq
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza Domestica 3 componenti - Abitazione 100 mq
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza Domestica 3 componenti - Abitazione 90 mq - Pertinenza 30 mq
Per un'utenza Domestica di 120mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza Non Domestica - Bar 50 mq
Per un'utenza Non domestica di 50mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Utenza Non Domestica - Negozio di Abbigliamento 80 mq
Per un'utenza Non domestica di 80mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:

La TARI si compone di una parte fissa ed una variabile, oltre il tributo provinciale, senza applicazione diretta dell’IVA al contribuente (l'IVA è prevista soltanto nell'ipotesi di TARI corrispettivo).

La parte fissa della tariffa è determinata tenendo conto delle componenti del costo del servizio di igiene urbana (investimenti e relativi ammortamenti, spazzamento strade ecc.) mentre la parte variabile della tariffa copre i costi del ciclo integrato dei rifiuti (raccolta, trasporto, trattamento, riciclo, smaltimento) ed è rapportata alla quantità di rifiuti presumibilmente prodotti.

Modalità di calcolo per le utenze domestiche 

Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali (ovvero i metri quadrati netti misurati al filo interno delle murature) per la tariffa fissa unitaria, e poi si aggiunge la tariffa variabile. 

Esempio di calcolo del tributo per le utenze domestiche 

(284 mq X “tariffa fissa unitaria” € 1,30/mq X giorni / 365) + (nucleo familiare di 4 componenti X “tariffa variabile” pari a € 100/nucleo familiare X giorni / 365 = Tariffa 

All'importo del tributo occorre aggiungere il Tributo Provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale, previsto dall’articolo 19 del Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. 

Modalità di calcolo per le utenze non domestiche (classificate in base alle 30 categorie merceologiche previste dal D.P.R. 158/99) 

Si moltiplica la superficie “calpestabile” dei locali (ovvero i metri quadrati netti misurati al filo interno delle murature) per la tariffa fissa unitaria della categoria di appartenenza e si aggiunge il prodotto tra la superficie dei locali e la tariffa variabile della categoria di appartenenza. 

Esempio di calcolo del tributo per le utenze non domestiche (120 X “tariffa fissa unitaria” della categoria 13 X giorni / 365) + (120 X “tariffa variabile unitaria” categoria 13 X giorni / 365) = Tariffa 

All'importo del tributo occorre aggiungere il Tributo Provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale, previsto dall’articolo 19 del Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2018)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 15.108,78 t
Cluster: Comuni con elevata densità abitativa, bassa età media e localizzazione prevalente nel centro-sud - € 45,22461713
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 18,71%
Fattori di contesto del comune: € 110,43301
Economie e diseconomie di scala: € 0,09044
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 1
Impianti di trattamento meccanico biologico: 7
Discariche: 2
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 42,386 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 34,45%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 5,1%
Rifiuti smaltiti in discarica: 3,41%
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste


Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita
Il modello verrà inviato insieme all'invito al pagamento TARI
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso
Rata
Entro il
%
Unica
16/09/2022
100,00%
Rata
Entro il
%
1° rata
16/09/2022
25,00%
2° rata
16/10/2022
25,00%
3° rata
16/11/2022
25,00%
4° rata
16/12/2022
25,00%



Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto

Sanzioni

1. In caso di omesso o insufficiente versamento del tributo risultante dalla dichiarazione si applica la sanzione prevista dall’art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471.
2. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, anche relativamente a uno solo degli immobili posseduti, occupati o detenuti, si applica la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento del tributo dovuto, con un minimo di 50 euro.
3. In caso di infedele dichiarazione si applica la sanzione amministrativa dal cinquanta al cento per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro.
4. In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione amministrativa da euro 100 a euro 500. La contestazione della violazione di cui al presente comma deve avvenire, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è commessa la violazione.
5. Le sanzioni previste per l’omessa ovvero per l’infedele dichiarazione sono ridotte a un terzo se, entro il termine per ricorrere alle commissioni tributarie, interviene acquiescenza del contribuente con il pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione e degli interessi.
6. Si applica per quanto non specificamente disposto, la disciplina prevista per le sanzioni amministrative per la violazione di norme tributarie di cui al D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472.

Interessi

1. Gli interessi di mora, di rateazione e di rimborso sono computati nella misura definita nel regolamento generale delle entrate comunale.
2. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili.

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.
I contribuenti che debbano segnalare eventuali errori nella determinazione del dovuto TARI possono contattare direttamente l'UFFICIO TRIBUTI allo 081/3240263 – 081/3240242 – 081/3240216 oppure inviare una mail all'indirizzo tributi@comunedipagani.it
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

Per tutti i contribuenti interessati, è possibile ricevere copia dell'invito al pagamento TARI anche via mail e/o PEC.

Per attivare questa modalità di trasmissione è sufficiente comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica all'UFFICIO TRIBUTI inviando una mail a tributi@comunedipagani.it

Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.
Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Pagani è collocato all'interno dello Schema regolatore
Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.
Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.
Modalità e termini per la presentazione delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio.