Trasparenza Rifiuti Morlupo
Trasparenza Rifiuti Morlupo

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Morlupo

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Morlupo

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Morlupo
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.

AVVISI


Si avvisa la cittadinanza che è in fase di consegna la bollettazione TARI annualità 2024.


Le scadenze sono le seguenti:


UNICA SOLUZIONE 31.05.2024


RATA 1^ SCADENZA 31.05.2024

RATA 2^ SCADENZA 31.07.2024

RATA 3^ SCADENZA 30.07.2024

RATA 4^ SCADENZA 30.09.2024


                                                                                                    L 'ufficio Tributi

Si comunica che è in scadenza la prima rata della tari 2024; di seguito si indicano le scadenze del tributo per l'annualità in corso:


       I^ rata       - 31.05.2024


       II^ RATA   - 31.07.2024


       III^ RATA - 30.07.2024


       IV^ RATA -  30.09.2024


UNICA SOLUZIONE 31.05.2024




                                                                                                                                                                                            L'Ufficio Tributi


Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

CALENDARIO 2024


RACCOLTA RIFIUTI PORTA A PORTA


Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
https://goo.gl/maps/hkJzbhQwGaYCS6N17
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Calendario raccolta comune di Morlupo
lunedì:
Organico
martedì:
Indifferenziato
mercoledì:
Organico; Vetro
giovedì:
Carta
venerdì:
Plastica
sabato:
Organico


Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Campagne di raccolta rifiuti
  • 26 e 27 Luglio 2022: NATURALMENTE COMPOSTABILI
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Isola Ecologica
https://goo.gl/maps/VGuMLUz61nMRVjc26
Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta

Si comunica che, per le zone di spazzamento manuale l’orario di lavoro è 06.00 / 10.00, mentre il meccanizzato 06.00 / 12.00.

In allegato le zone ed i relativi giorni.

Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili

Calcolo Tari : come fare

Utenze domestiche:

In attesa di dettagli, analizziamo di seguito quali sono le regole basilari per capire qual è l’importo da pagare.

Gli elementi utili per il calcolo Tari sono i seguenti:

  • superficie in metri quadri;
  • periodo di riferimento;
  • nucleo familiare;
  • quota fissa;
  • quota variabile;
  • quota provinciale 5%.

La quota fissa si calcola moltiplicando i metri quadrati dell’unità immobiliare per il numero di persone che la occupano.

Utenze non domestiche:


Utenze non domestiche

Anche per le utenze non domestiche la tariffa sui rifiuti si compone di una quota fissa e di una quota variabile, per il calcolo delle quali bisogna tener conto dei metri quadrati dell'immobile occupato e della tipologia di attività che viene svolta all'interno dello stesso.


Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2018)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 3.032,88 t
Cluster: Comuni con elevata densità abitativa, bassa età media e localizzazione prevalente nel centro-sud - € 44,94798774
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 73,52%
Fattori di contesto del comune: € 68,96594909
Economie e diseconomie di scala: € 0,46377
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 1
Impianti di trattamento meccanico biologico: 11
Discariche: 5
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 57,477 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 13,89%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 6,1%
Rifiuti smaltiti in discarica: 14,08%
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste


In base a quanto previsto all'interno del vigente Regolamento Comunale TARI di seguito si indicano le attuali riduzioni tariffarie:

ART. 20 - RIDUZIONI ED ESENZIONI PER LE UTENZE DOMESTICHE 

1. Ai sensi dell’art. 1, comma 659, della Legge 27/12/2013, n. 147, la tariffa del tributo è ridotta nelle seguenti ipotesi:

a. abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo:
riduzione del 30%;
b. abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più di sei mesi all’anno all’estero: riduzione del 30%;
c. attività di prevenzione nella produzione di rifiuti prodotti: la tariffa è ridotta nell’ipotesi di attività che dimostrino la messa in atto di misure in grado di ridurre la produzione di rifiuti:
2. Nell’ottica di incentivare le iniziative finalizzate ad una migliore differenziazione dei rifiuti, condizione indispensabile per un riciclo ottimale a salvaguardia dell’ambiente, il comune di Morlupo ha installato le postazioni per il conferimento di bottiglie in PET, poiché la raccolta
differenziata di questo materiale rispetto agi altri materiali plastici, ne consente un riutilizzo ottimale. Il cittadino che conferisce il Pet in tali postazioni, riceve un buono punti pari ad un punto per ogni bottiglia che dovrà conservare e consegnare entro il mese di febbraio dell’anno
successivo al protocollo del comune unitamente al modello di richiesta messo a disposizione dall’Ente. Il conseguimento di 500 punti nell’arco di un anno consentirà al cittadino di usufruire di uno sconto del 5% sulla quota variabile della TARI dell’anno successivo.
3. Le riduzioni tariffarie e le esenzioni sopra indicate competono a richiesta dell’interessato e decorrono dall’anno successivo a quello della richiesta, salvo che non siano domandate contestualmente alla dichiarazione di inizio possesso/detenzione o di variazione
tempestivamente presentata, nel cui caso hanno la stessa decorrenza della dichiarazione. Il contribuente è tenuto a dichiarare il venir meno delle condizioni che danno diritto alla loro applicazione entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione di variazione. Le
riduzioni/esenzioni cessano comunque alla data in cui vengono meno le condizioni per la loro fruizione, anche se non dichiarate.


ART.21 - RIDUZIONE/ESENZIONE PER LE UTENZE NON DOMESTICHE NON STABILMENTE ATTIVE


1. 
La tariffa del tributo per i locali diversi dalle abitazioni ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente è ridotta del 20%, a condizione che: 

- l’utilizzo non superi 183 giorni nel corso dell’anno solare;
- le condizioni di cui sopra risultino dalla licenza o da altra autorizzazione amministrativa rilasciata dai competenti organi.


2. La stessa cessa, comunque, alla data in cui vengono meno le condizioni per la sua fruizione, anche se non dichiarate.


ART. 22 - AGEVOLAZIONE PER IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO


1. 
Ai sensi dell’art. 1, comma 660, della Legge 27/12/2013, n.147 il tributo è ridotto per le seguenti fattispecie:
2. In favore delle utenze domestiche che effettuano compostaggio aerobico individuale per i propri rifiuti organici da cucina, sfalci e potature da giardino è prevista la seguente riduzione del tributo 5%.
3. Possono aderire al compostaggio domestico le utenze domestiche, comprese quelle condominiali, che dispongono di un’area verde (orto o giardino) non pavimentata, di proprietà privata o del condominio, di almeno 20 metri quadrati per componente del nucleo familiare, che
effettuano il compostaggio domestico. Per le utenze domestiche con oltre 6 componenti sono sufficienti 120 metri quadrati. L’utente si impegna ad applicare i principi del compostaggio domestico al fine dell’ottimizzazione del processo e dell’ottenimento di compost di qualità, provvedendo ad una corretta miscelazione dei materiali da trattare e assicurando un adeguato apporto di ossigeno anche con il rivoltamento periodico del materiale, evitando in tal modo disagi ai vicini; L’utente s’impegna ad utilizzare il compost risultante dall’attività di compostaggio per corretti fini agronomici nelle aree a verde di proprietà del singolo compostatore, o del condominio nei casi di compostaggio condominiale; Il compostaggio domestico deve essere realizzato in modo da non recare danno all’ambiente, costituire pericoli di ordine igienico-sanitario, esalazioni moleste o qualsiasi altro disagio per le altre utenze. In caso di difficoltà di gestione del processo di compostaggio, dovrà essere avvertito Il settore Ambiente del Comune e/o l’impresa di gestione dei servizi di igiene urbana. Queste ultime provvederanno a consigliare la tecnica più idonea per risolvere le problematiche;
4. Tra gli interventi previsti per il potenziamento delle raccolte differenziate e con l’entrata in vigore della Legge 28 dicembre 2015, n.221, si evidenzia che l’art. 37 del citato provvedimento legislativo dedica importanti novità sul trattamento del rifiuto tramite compostaggio aerobico.
In questa ottica, in considerazione delle sempre più frequenti difficoltà ad individuare degli impianti di trattamento autorizzati dove poter inviare il materiale, questa Amministrazione Comunale si è dotata di specifiche compostiere comunitarie, di nuova generazione, che hanno
le caratteristiche necessarie per il trattamento di tutto il materiale organico (umido) proveniente dalle utenze domestiche del Comune di Morlupo; Queste sono posizionate in luoghi in cui le utenze hanno scarsa disponibilità di un’area verde (orto o giardino), pertanto, le utenze
domestiche potranno richiedere all’Ufficio Ambiente apposito dispositivo associato alla propria utenza Tari che consentirà di conferire i rifiuti organici in qualunque momento; Coloro che conferiranno almeno 50 (cinquanta) volte nell’arco dell’anno beneficeranno di una riduzione
pari al 5% della quota variabile della Tariffa Tari, applicata d’ufficio l’anno successivo.
5. Le riduzioni tariffarie sopra indicate competono a richiesta dell’interessato e decorrono dall’anno successivo a quello della richiesta, salvo che non siano domandata contestualmente alla dichiarazione di inizio possesso/detenzione o di variazione tempestivamente presentata, nel
cui caso ha la stessa decorrenza della dichiarazione. Il contribuente è tenuto a dichiarare il venir meno delle condizioni che danno diritto alla loro applicazione entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione di variazione. Le stesse cessano comunque alla data in cui
vengono meno le condizioni per la loro fruizione, anche se non dichiarate.
6. Il costo delle riduzioni/esenzioni può essere finanziato: 

- inserendolo tra i costi nella determinazione delle tariffe e, quindi, imputandolo a tutti i soggetti passivi del tributo;
- mediante appositi stanziamenti di bilancio finanziati dalla fiscalità generale del Comune;


ART. 23 - CUMULO DI RIDUZIONI


1.
Qualora si rendano applicabili più riduzioni o agevolazioni, il contribuente può fruirne al massimo solo di 2 per diversa tipologia di rifiuto, scelte tra quelle più favorevoli

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
30/05/2022
25,00%
rata unica
30/06/2022
100,00%
2° rata
30/07/2022
25,00%
3° rata
30/09/2022
25,00%
4° rata
30/11/2022
25,00%
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto

Tipologie di ravvedimento

Ravvedimento sprint

0,1% per ogni giorno
(in tali casi la sanzione del 15% è ulteriormente ridotta a 1/15 per ogni giorno di ritardo (1%)

Entro 14 giorni dalla scadenza

Omessi e tardivi versamenti di imposte e ritenute

Ravvedimento breve

1/10 del minimo (1,5%)

Entro 30 giorni dalla data della violazione

Omesso versamento Tutti I tributi

Ravvedimento entro 90 gg

1/9 del minimo (1,67%)

Entro il 90 giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista la dichiarazione periodica, entro 90 giorni dall'omissione

Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti. Tutti i tributi

Ravvedimento trimestrale

1/9 del minimo (1,67%)

Per il versamento delle rate omesse dopo la prima nei casi di accertamento con adesione, concordato, conciliazione, avvisi bonari. Resta la possibilità di utilizzare il ravvedimento sprint o breve se la regolarizzazione avviene in minor termine

Tutti i tributi

Ravvedimento lungo

1/8 del minimo (3,75%)

Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore

Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.

Tutti I tributi.

Ravvedimento biennale

1/7 del minimo (4,29%)

Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall'omissione o dall'errore

Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.

Tutti I tributi amministrati dall'Agenzia delle Entrate

Ravvedimento ultra annuale

1/6 del minimo (5%)

Oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall'omissione o dall'errore

Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.

Tutti i tributi amministrati dall'Agenzia delle Entrate.

Ravvedimento successivo a P.V.C.

1/5 del minimo (6%)

Se la regolarizzazione avviene dopo la constatazione della violazione del P.V.C. fatta esclusione per i casi di mancata emissione di ricevuta fiscale, DDT, scontrini fiscali o di omessa installazione dei misuratori fiscali

Errori ed omissioni in genere, formali e sostanziali, compresi gli omessi versamenti.

Tutti I tributi amministrati dall'Agenzia delle Entrate.

Modalità di versamento

Il pagamento si effettua:

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.
Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Morlupo è collocato all'interno dello Schema regolatore
Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.
Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.
Modalità e termini per la presentazione delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio.