Trasparenza Rifiuti Morbegno
Trasparenza Rifiuti Morbegno

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Morbegno

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Morbegno

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Morbegno
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

Modulistica per l'invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile
Pagina in allestimento.
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani oltre al servizio di spazzamento delle strade per il Comune di Morbegno sono affidati alla società SECAM spa (Società per l’Ecologia e l’Ambiente) con sede amministrativa in via Vanoni 79,  23100 Sondrio:  tel. 0342-215338  - email: segreteria@secam.net - PEC: segreteria@pec.secam.net.
Per l’utenza di Morbegno e del mandamento la società mette a disposizione uno sportello territoriale sito in:
Via Morelli 14, Morbegno (SO) tel. 0342-615904 
Apertura al pubblico: da lunedì a venerdì 8.30 - 12.30 mercoledì 14.30 - 17.00 
 
Per informazione riguardante il corretto smaltimento dei rifiuti, il calendario della raccolta e le modalità di raccolta differenziata porta a porta, è possibile consultare sito internet di SECAM spa all’indirizzo www.secam.net.
La Carta dei servizi svolti da SECAM a favore del Comune di Morbegno è disponibile sul sito istituzionale di SECAM nella sezione società trasparente all’indirizzo: http://www.secam.net/images/carta%20servizi%20morbegno_2020.pdf.
 
 
AREA COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI
Sul territorio comunale in via Lungo Adda (presso il depuratore) è disponibile un’area di raccolta differenziata aperto nei seguenti orari:
 
lunedì-mercoledì-giovedì-venerdì 13:00-17:00
martedì – chiuso
sabato 8:30–12:00 ; 13:00–17:00
 
Il centro gestito da personale SECAM spa è disciplinato dal Regolamento comunale visionabile e scaricabile sul sito istituzionale del Comune di Morbegno https://servizi.comune.morbegno.so.it/cmsmorbegno/portale/trasparenza/trasparenzaamministrativa.aspx?CP=5&IDNODE=
Per maggiori informazioni è possibile contattare lo sportello SECAM di Morbegno Via Morelli 14, Morbegno (SO) tel. 0342-615904. 
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
A favore di tutte le utenze private del Comune è attivo un servizio di raccolta a domicilio dei rifiuti ingombranti. Il servizio è limitato alle seguenti tipologie di rifiuti:
- Ingombranti (armadi, tavoli, poltrone, divani, reti per letto, sedie, materassi ecc.)
- Beni durevoli (frigo, TV, monitor computers, lavatrici, lavastoviglie);
- Materiali ferrosi.
Il servizio può essere prenotato presso lo Sportello territoriale di Morbegno di SECAM telefonando allo 0342.615904, al costo di 12,68 euro a chiamata, da versarsi presso la tesoreria del Comune di Morbegno Credito Valtellinese IBAN IT63 J052 1652 2300 0000 0014 000. 
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Pagina in allestimento.
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Normativa di riferimento e calcolo
La TARI, Tassa sui rifiuti, in vigore dal 1° gennaio 2014 è disciplinato a livello nazionale dalla legge 27 dicembre 2013, n.147 (legge di bilancio per l’anno 2014) e successive modificazioni ed integrazioni. Sulla base della normativa nazionale il Comune di Morbegno ha dettagliato la disciplina della materia con proprio Regolamento approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 47 del 1° agosto 2014, in vigore fino al 31/12/2020 e dall’1/1/2021 con un nuovo regolamento approvato con deliberazione del consiglio comunale n.32 del 30/06/2021, visionabile e scaricabile sul sito istituzionale del Comune di Morbegno www.comune.morbegno.so.it – Amministrazione trasparente – Disposizioni generali – Atti generali 
[https://servizi.comune.morbegno.so.it/cmsmorbegno/portale/trasparenza/trasparenzaamministrativa.aspx?CP=5&IDNODE= ].

Con l’art. 1, comma 527, della legge 205/2017, il legislatore ha trasferito all’Autorità di regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) - https://www.arera.it/it/index.htm - le funzioni di regolazione e controllo del servizio di gestione dei rifiuti sull’intero territorio nazionale. In questa veste l’Autorità ha emanato diverse deliberazioni, tutte consultabili sul sito indicato, con le quali è intervenuta a dettare gli indirizzi di regolazione del servizio, in particolare con deliberazione n.443/2019 ha definito le modalità di determinazione delle tariffe sulla base dei costi efficienti sostenuti dai comuni (cd metodo MTR).

Le tariffa dei rifiuti posta a carico dell’utenza è composta dalla tariffa fissa, a copertura dei costi fissi del servizio, e dalla tariffa variabile, legata alla produzione di rifiuti specifica della categoria di utenza, a partire dall’anno d’imposta 2020, deve essere calcolata attraverso la predisposizione di un Piano Economico Finanziario (PEF), la cui redazione è stata disciplinata con deliberazione n.443/2019 di ARERA. 
Per l’anno 2021 il PEF del Comune di Morbegno è stato approvato con deliberazione del consiglio comunale n.33 del 30/06/2021 e le conseguenti tariffe con deliberazione del consiglio comunale n.34 del 30/06/2021.
L’ammontare del tributo richiesto, dettagliato nel prospetto di seguito riportato, viene calcolato nel modo seguente:
a) Per le utenze domestiche il tributo comunale è calcolato sulla base della seguente formula:
tariffa variabile + (tariffa fissa x superficie imponibile);
b) Per le utenze non domestiche il tributo comunale è calcolato sulla base della seguente formula:
(tariffa variabile x superficie imponibile) + (tariffa fissa x superficie imponibile);
Sul tributo di spettanza comunale viene aggiunta l’addizionale provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell’ambiente di cui all’art. 19 del D.Lgs n. 504/1992 nella percentuale del 4% deliberata dalla Provincia di Sondrio. 

Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2018)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 5.379,49 t
Cluster: Comuni con elevato grado di attrazione economica e localizzazione nell'hinterland delle grandi città - € 31,44092526
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 56,15%
Fattori di contesto del comune: € 61,43270527
Economie e diseconomie di scala: € 0,24273
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 18
Impianti di trattamento meccanico biologico: 8
Discariche: 8
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 21,393 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 47,87%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 38,52%
Rifiuti smaltiti in discarica: 4,85%
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste
A partire dal 2020 gli studi professionali sono inseriti nella categoria tariffaria 12 per effetto della modifica all’allegato 1 del Regolamento ex D.P.R. 158/1999, introdotta dall’art. 58 quinques del D.L. 124/2019, convertito in Legge 157/2019.
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita
Precompilati ed allegati ad ogni avviso.

Qualora si volesse optare per la ricezione esclusivamente in formato elettronico del presente avviso, occorre compilare il modello autorizzativo disponibile sul sito istituzionale, all’indirizzo riportato di seguito oppure contattare l’Ufficio Tributi ai riferimenti sopra indicati 

Scarica il modello autorizzativo


Stralcio del regolamento


1. La tassa sui rifiuti è versata direttamente al Comune secondo le modalità previste dall’art. 1, comma 688, della Legge 27/12/2013, n. 147 e dall’art. 2-bis del Decreto legge 22/10/2016, n. 193, convertito dalla Legge 01/12/2016, n. 215 mediante modello di pagamento unificato di cui all’art. 17 del Decreto Legislativo 09/07/1997, n. 241, ovvero tramite conto corrente postale o mediante le modalità di pagamento offerte dai servizi elettronici di incasso o di pagamento interbancario e postale (ad esempio: RID, MAV, POS, sportelli ATM, PagoPA etc).
2. Il Comune provvede all’invio ai contribuenti di un apposito avviso di pagamento, con annessi i modelli di pagamento precompilati, sulla base delle dichiarazioni presentate e degli accertamenti notificati, contenente l’importo dovuto per la tassa sui rifiuti ed il tributo provinciale, l’ubicazione e la superficie dei locali e delle aree su cui è applicato il tributo, la destinazione d’uso dichiarata o accertata, le tariffe applicate, l’importo di ogni singola rata e le scadenze. L’avviso di pagamento deve contenere altresì tutti gli elementi previsti dall’art. 7 della Legge 27/07/2000, n. 212, nonché tutte le indicazioni contenute nella delibera ARERA n. 444/2019, a partire dall’entrata in vigore delle disposizioni in essa contenute. In particolare, è previsto l’invio di un documento di riscossione in formato cartaceo, fatta salva la scelta dell’utente di ricevere il documento medesimo in formato elettronico. A tal fine, l’avviso di pagamento contiene specifiche indicazioni che consentano agli utenti di optare per la sua ricezione in formato elettronico, con la relativa procedura di attivazione.
3. Il pagamento degli importi dovuti deve essere effettuato in due rate scadenti il 16 maggio e 16 dicembre. Le predette date potranno essere rettificate con atto motivato della giunta comunale. L’importo complessivo del tributo annuo dovuto da versare è arrotondato all’euro superiore o inferiore a seconda che le cifre decimali siano superiori o inferiori/pari a 49 centesimi, in base a quanto previsto dal comma 166, art. 1, della Legge 27/12/2006, n. 296.
4. Il versamento del tributo non è dovuto quando l'importo annuale risulta inferiore a euro 10 (dieci). Analogamente non si procede al rimborso per somme inferiori al predetto importo.
5. Le modifiche inerenti alle caratteristiche dell’utenza, che comportino variazioni in corso d’anno del tributo, potranno essere conteggiate nel tributo relativo all’anno successivo anche mediante conguaglio compensativo.
6. In caso di mancato o parziale versamento dell’importo richiesto alle prescritte scadenze, il Comune provvede alla notifica, anche mediante servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno o posta elettronica certificata, di un sollecito di versamento, contenente le somme da versare in unica soluzione entro il termine ivi indicato. In mancanza, si procederà alla notifica dell’avviso di accertamento d’ufficio o in rettifica, come indicato nel successivo art. 29, con irrogazione delle sanzioni previste dall’art. 1, comma 695 della Legge 27/12/2013, n. 147 e l’applicazione degli interessi di mora nella misura corrispondente al tasso di interesse legale. 



Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
16/10/2021
50,00%
2° rata
16/12/2021
50,00%
Unica
16/10/2021
100,00%

Stralcio regolamento art. 27 comma:

3.Il pagamento degli importi dovuti deve essere effettuato in due rate scadenti il 16 maggio e 16 dicembre. Le predette date potranno essere rettificate con atto motivato della giunta comunale. L’importo complessivo del tributo annuo dovuto da versare è arrotondato all’euro superiore o inferiore a seconda che le cifre decimali siano superiori o inferiori/pari a 49 centesimi, in base a quanto previsto dal comma 166, art. 1, della Legge 27/12/2006, n. 296.

4. Il versamento del tributo non è dovuto quando l'importo annuale risulta inferiore a euro 10 (dieci). Analogamente non si procede al rimborso per somme inferiori al predetto importo.
5. Le modifiche inerenti alle caratteristiche dell’utenza, che comportino variazioni in corso d’anno del tributo, potranno essere conteggiate nel tributo relativo all’anno successivo anche mediante conguaglio compensativo.
6. In caso di mancato o parziale versamento dell’importo richiesto alle prescritte scadenze, il Comune provvede alla notifica, anche mediante servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno o posta elettronica certificata, di un sollecito di versamento, contenente le somme da versare in unica soluzione entro il termine ivi indicato. In mancanza, si procederà alla notifica dell’avviso di accertamento d’ufficio o in rettifica, come indicato nel successivo art. 29, con irrogazione delle sanzioni previste dall’art. 1, comma 695 della Legge 27/12/2013, n. 147 e l’applicazione degli interessi di mora nella misura corrispondente al tasso di interesse legale. 

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto
In ottemperanza a quanto previsto dalla Deliberazione del 31.10.2019 n. 444/2019 R/RIF “disposizioni in materia di trasparenza nel servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati” dell’Autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente (ARERA), su ogni avviso di pagamento viene comunicata la situazione dei pagamenti dovuti degli ultimi 2 anni.
In caso di omesso/parziale versamento, l’amministrazione comunale procederà con gli atti consequenziali per il recupero dell’importo non versato, con irrogazione delle sanzioni previste dall’art. 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997 n. 471, oltre all’addebito degli interessi.
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.
Il cittadino è tenuto a verificare la correttezza degli elementi utilizzati per effettuare il calcolo indicati nell'invito di pagamento ed eventualmente a presentare, sulla base di nuovi o diversi elementi, apposito dichiarazione redatta su modelli messi a disposizione dell'ente reperibili sul sito comunale
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.
Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Morbegno è collocato all'interno dello Schema regolatore
Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.
Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.
Modalità e termini per la presentazione delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio.