Trasparenza Rifiuti Legnano
Trasparenza Rifiuti Legnano

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Legnano

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Legnano

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Legnano

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

La TASSA RIFIUTI è un tributo gestito, riscosso e accertato direttamente dal COMUNE con il supporto di AMGA LEGNANO S.p.A.

Responsabile del Tributo: Daniela Paganini

La TARI, in vigore dal 01/01/2014 (art. 1 commi da 639 a 704 Legge 27 dicembre 2013 n. 147), è destinata alla copertura integrale dei costi relativi al servizio di raccolta, smaltimento e trattamento dei rifiuti prodotti.

QUALI IMMOBILI RIGUARDA

Il presupposto applicativo della TARI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo e anche di fatto, di locali o di aree scoperte a qualunque uso adibiti, indipendentemente dalla loro destinazione urbanistica, suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati in quanto idonei ad ospitare la presenza umana.

COME VIENE CALCOLATA

Viene calcolata in base di coefficienti presuntivi e valori medi di produzione dei rifiuti:

-   dalle utenze domestiche, in relazione alla superficie delle abitazioni (compresi i locali pertinenziali, quali ad es. box e cantine) e al nucleo familiare;

-   dalle utenze non domestiche, in base alla superficie, applicando la relativa categoria tariffaria.

Al Tributo Comunale va poi aggiunto il Tributo Ambiente a favore della Città Metropolitana di Milano pari al 5 % della Tari dovuta.

Il Codice Ente del Comune di Legnano è E514. Il codice tributo della TARI è 3944.

LA DICHIARAZIONE

La dichiarazione, redatta su modello disponibile presso AMGA LEGNANO SPA ovvero scaricabile dal sito internet della stessa società, ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo. In tal caso, la dichiarazione deve essere presentata dalla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali, o dalla data in cui si verifica il fatto che ne determina l'obbligo, e comunque entro il termine del 30 giugno dell'anno successivo.




Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Tariffe e rapporti con gli utenti
COMUNE DI LEGNANO - SERVIZIO TRIBUTI
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

Lo sportello AMGA è contattabile per informazioni e richieste riguardanti la TARI,  in ottemperanza alla Delibera 444/2019 di ARERA, ed è possibile reperire ogni informazione, anche in merito alle riduzioni e agevolazioni previste nel Regolamento TARI nonché alla modalità di segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati negli avvisi di pagamento e di errori nei dati relativi all’utenza o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa. E' possibile inoltre scaricare la modulistica per le denunce di nuova occupazione, variazione, cessazione, reclami, rimborsi e per optare per la ricezione via mail delle bollette.


Orari di apertura al pubblico su appuntamento:    da lunedì a venerdì dalle ore 08.30 alle ore 13.00

PEC Amga Legnano SPA                tributi@pec.amga.it

PEC Comune di Legnano                comune.legnano@cert.legalmail.it       

Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

Per segnalazioni relative al servizio di raccolta rifiuti rivolgersi a: 

Aemme Linea Ambiente srl    n° verde   800196363 

oppure compilando il form editabile all'indirizzo sotto riportato, 

oppure al Servizio Ambiente del Comune di Legnano (tel 0331471117)

oppure utilizzare il Portale del Cittadino  (https://segnalazioni.legnano.org/)

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
PIATTAFORMA ECOLOGICA
lunedì:
08.00 - 19.00
martedì:
08.00 - 19.00
mercoledì:
08.00 - 19.00
giovedì:
08.00 - 19.00
venerdì:
08.00 - 19.00
sabato:
08.00 - 19.00
domenica:
08.00 - 14.00

SACCHI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

sacchetti in mater-bi per la raccolta dei rifiuti organici (umido) vengono forniti gratuitamente nella misura di N. 100, con una cadenza minima di una fornitura ogni 4 mesi e possono essere ritirati direttamente in COMUNE,

usufruendo del distributore automatico attivabile con la CRS (Carta Regionale dei Servizi) dell'intestatario del contratto TARI.

sacchi viola (per la raccolta dei rifiuti indifferenziati) e quelli gialli (per la raccolta degli imballaggi in plastica) vengono distribuiti mediante il distributori automatico

presente al piano terra del Palazzo comunale, sotto il porticato interno dell'ufficio Anagrafe. Tale distributore fornisce i sacchi ad un prezzo agevolato rispetto a quello normalmente applicato dagli esercizi commerciali.

I cittadini non sono, tuttavia, obbligati ad acquistare i sacchi proposti da AEMME Linea Ambiente.

SOSTITUZIONE MASTELLI E CASSONETTI

Per richiedere la sostituzione dei mastelli (causa rottura o smarrimento) ci si può recare direttamente presso gli sportelli della Sede AMGA di Via Per Busto Arsizio, 53. 
Per richiedere la sostituzione o l'integrazione dei cassonetti è necessario compilare il modulo in allegato da inviare via e-mail all'indirizzo segnalazioni@aemmelineaambiente.it (per le utenze condominiali è necessario che la richiesta venga compilata dall'amministratore del condominio).

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Aemme Linea Ambiente e il Comune di Legnano promuovono il compostaggio domestico fornendo gratuitamente, su richiesta, il "composter" e il manuale di istruzioni necessario per produrre il fertilizzante naturale.
Per richiedere la fornitura del composter con il relativo manuale di istruzioni ed ottenere uno sconto del 15% sulla quota variabile della TIA è necessario contattare l'Ufficio Tributi al numero 0331.88.47.30

RACCOLTA VERDE E RAMAGLIE

E' possibile conferire verde e ramaglie in due modi:

  • Attraverso il conferimento diretto da parte dei cittadini presso la Piattaforma Ecologica di via Novara, 250
  • Usufruendo di un servizio di raccolta a domicilio a pagamento (per info sui costi e sulle modalità del servizio contattare il Numero Verde 800.19.63.63)
SANGENIC

Se nella maggior parte dei casi in cui la raccolta differenziata viene svolta correttamente il ritiro mono-settimanale del rifiuto indifferenziato non crea particolari difficoltà, per i nuclei familiari in cui è presente un neonato o un familiare alle prese con problemi di incontinenza può rappresentare un problema che, di fatto, si acuisce nei mesi più caldi.

Al fine di dare una risposta concreta e reale a questo problema, Aemme Linea Ambiente ha deciso di mettere a disposizione su richiesta della cittadinanza Legnanese con figli inferiori a tre anni o con familiari con problemi di incontinenza, un contenitore sigilla-pannolini che di fatto "imprigiona" in una pellicola profumata e trattata con prodotti antibatterici i pannolini e pannoloni usati, eliminando i problemi del "naso" e dell'igiene.

I sigilla pannolini sono acquistabili presso la sede AMGA di Via per Busto Arsizio 53: per ogni informazioni è a disposizione il  0331-884730.

PIATTAFORMA ECOLOGICA

Per informazioni sulle modalità di conferimento presso la piattaforma ecologica, consultare il "Manuale per la raccolta differenziata"

La piattaforma osserverà i seguenti giorni di chiusura: 1° Gennaio - Santa Pasqua - Lunedì dell'Angelo - 25 Aprile - 1° Maggio - 02 giugno - 15 Agosto - 25 Dicembre - 26 Dicembre

Alle utenze domestiche è consentito l'accesso con la CRS (Carta Regionale dei Servizi)

Alle utenze non domestiche è consentito l’accesso alla piattaforma ecologica solo:

  1. nei giorni feriali da martedì a venerdi dalle ore 08.15 alle ore 18.45
  2. se in possesso del Badge di Riconoscimento rilasciato dall’ufficio Tributi di Amga (per informazioni 0331.884730)
  3. se in possesso dell’ iscrizione all’albo Gestori Ambientali Art. 212, comma 8, D.lgs. 152/2006 per il Trasporto di rifiuti in conto proprio
  4. se rispettano le modalità di conferimento indicate nell'Informativa isola ecologica utenze non domestiche Legnano" all'indirizzo sotto disponibile   

Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Per la corretta separazione dei rifiuti e il loro conferimento seguire le istruzioni riportate nel manuale allegato, oppure, se avete dubbi seguire le indicazione dell'applicazione "DOVE LO BUTTO" all'indirizzo riportato
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili

La TARI si compone di una parte fissa e di una parte variabile, oltre al tributo provinciale

Parte fissa: determinata tenendo conto delle componenti del costo del servizio di igiene urbana (investimenti e relativi ammortamenti, spazzamento strade ecc.)

Parte variabile: copre i costi del servizio rifiuti integrato (raccolta, trasporto, trattamento, riciclo, smaltimento) ed è rapportata alla quantità di rifiuti presumibilmente prodotti



COME VIENE CALCOLATA

 Viene calcolata in base di coefficienti presuntivi e valori medi di produzione dei rifiuti:

-   dalle utenze domestiche, in relazione alla superficie delle abitazioni (compresi i locali pertinenziali, quali ad es. box e cantine) e al nucleo;

-   dalle utenze non domestiche, in base alla superficie, applicando la relativa categoria tariffaria.

Al Tributo Comunale va poi aggiunto il Tributo Ambiente a favore della Città Metropolitana di Milano pari al 5 % della Tari dovuta.


NOVITA' PER LE UTENZE NON DOMESTICHE

Per effetto delle modifiche introdotte al Decreto legislativo 152/2006 (Decreto Ambiente) dal Decreto Legislativo 116/2020, le utenze non domestiche potranno decidere se conferire i rifiuti urbani prodotti (rifiuti di cui all'allegato L quater parte IV D. Lgs. 152/2006) al servizio pubblico oppure se avvalersi di uno o più soggetti privati.

In aderenza a quanto disciplinato dall'art. 30 comma 5 del D.L.41/2021, modificato in conversione in legge, la scelta va effettuata inviando una PEC al Comune entro la data del 31/05/2021 a valere per i rifiuti prodotti dal 1/1/2022.

Per gli anni successivi, la scelta va effettuata entro il 30 giugno con effetto dai conferimenti di rifiuti dell’anno successivo.

La scelta di servirsi del mercato privato per il recupero dei rifiuti urbani vale per un periodo non inferiore a 5 anni, salva la possibilità per il gestore del servizio pubblico, dietro richiesta dell'utenza non domestica, di riprendere l'erogazione del servizio anche prima della scadenza quinquennale.

Le utenze che scelgono il servizio privato non potranno più conferire alcun rifiuto urbano al servizio pubblico e, in ogni caso, resterà dovuta la quota fissa della Tassa Rifiuti.

Per le utenze che non effettueranno alcuna scelta si intende che verrà mantenuto il conferimento al servizio pubblico dei rifiuti urbani prodotti.




Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2017)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 26.255,64 t
Cluster: Poli Urbani - € 38,49239349
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 70,1%
Fattori di contesto del comune: € 58,28687016
Economie e diseconomie di scala: € 0,05147
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 19
Impianti di trattamento meccanico biologico: 8
Discariche: 8
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 17,811 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 46,89%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 36,4%
Rifiuti smaltiti in discarica: 5,76%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Di seguito si elencano le principali riduzioni ottenibili dietro presentazione di apposita richiesta:

Utenze domestiche

-          riduzione del 30% delle quote fissa e variabile per le abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo (art. 23 del Regolamento);

-          riduzione del 30% delle quote fissa e variabile per abitazioni tenute a disposizione da nuclei che risiedono all'estero (art. 23 del Regolamento);

-          riduzione del 15% della quota variabile per gli utenti che praticano il compostaggio dei propri scarti organici (art. 23 del Regolamento);

-          riduzione del 40% delle quote fissa e variabile per le utenze poste ad una distanza superiore a 1000 metri dal più vicino punto di conferimento (art. 26 del Regolamento);

-          esenzione per famiglie che versano in condizioni di grave e comprovata situazione di disagio socioeconomico (art. 27 del Regolamento);

-        esenzione per famiglie che versano in condizioni di grave e comprovata situazione di disagio socioeconomico composte da una o due persone entrambe di età non inferiore a 65 anni, residenti nel Comune, a condizione che siano titolari di pensioni, per un reddito imponibile           complessivo non superiore a Euro 9.000 se trattasi di una sola persona, o non superiore a Euro 14.000 se trattasi di nuclei di 2 persone. art. 27 del Regolamento);

-          riduzione del 20% delle quote fissa e variabile per famiglie con più di quattro componenti ed ISEE inferiore a Euro 14.000 (art. 27 del Regolamento);

Utenze non domestiche

-          riduzione del 30% delle quote fissa e variabile per le utenze non domestiche non stabilmente attive (art. 24 del Regolamento);

-          riduzione proporzionale alla quantità di rifiuti riciclata per le utenze non domestiche che avviano al riciclo rifiuti assimilati agli urbani (art. 25 del Regolamento);

-          riduzione del 50% delle quote fissa e variabile in presenza di lavori per la realizzazione di opere pubbliche che comportino la chiusura di pubbliche vie per più di 6 mesi (art. 26 del Regolamento);

-          riduzione del 50% delle quote fissa e variabile per scuole private paritarie o legalmente riconosciute dallo Stato o dalla Regione di ogni ordine e grado (art. 27 del Regolamento);


Maggiori dettagli riguardanti le riduzioni possono essere ottenuti consultando l'apposito Regolamento.


AGEVOLAZIONI COVID per l'anno 2021

A seguito dei provvedimenti normativi adottati per contrastare l’emergenza da COVID-19, sono state previste misure di tutela volte a mitigare, per quanto possibile, la situazione di criticità e gli effetti sulle varie categorie di utenze derivanti dalle limitazioni introdotte a livello nazionale o locale:


UTENZE NON DOMESTICHE

E’ stata disposta la destinazione di risorse specificamente attribuite per la Tari in favore delle categorie economiche oggetto di chiusura obbligatoria o di restrizioni nell'esercizio dell'attività dovute al Covid per talune tipologie di utenze non domestiche sulle quote fissa e variabile secondo le percentuali deliberate per la specifica categoria.

- Agevolazioni riconosciute automaticamente

Le agevolazioni TARI delle utenze espressamente incluse nella colonna “Specifiche attività incluse” dell’allegato F “Criteri per il riconoscimento delle riduzioni tariffarie”, verranno riconosciute automaticamente senza necessità di presentare richiesta.

Per queste utenze non viene richiesto alcun adempimento, e l’agevolazione verrà riconosciuta d’ufficio nell'avviso Tari.

Agevolazioni riconosciute su istanza

Limitatamente alle utenze non ricomprese nella colonna “Specifiche attività incluse” dell’allegato F “Criteri per il riconoscimento delle riduzioni tariffarie”, si intende dovuta la TARI 2021 in misura piena, senza riconoscimento di agevolazioni di cui alla tabella sopra indicata. Alle utenze non domestiche alle quali non siano state riconosciute in automatico le agevolazioni di cui sopra, ma che ritengano comunque di averne diritto, in quanto svolgenti attività direttamente riconducibili a quelle previste dalla colonna “Specifiche attività incluse”, potranno produrre entro il 31/08/2021 apposita istanza mediante webform accessibile a decorrere da martedì 6 luglio sul sito  www.amga.it pagina servizio riscossione tributi https://www.amga.it/agevolazioni-tari  riportato nell'Url sotto specificato per il riconoscimento dell’agevolazione.


UTENZE DOMESTICHE

Per le utenze domestiche viene prevista una riduzione della quota variabile della TARI pari all’80% per le famiglie che versano in stato di bisogno. Le agevolazioni verranno riconosciute previa presentazione di apposita istanza  esclusivamente online entro il 31 agosto 2021 accessibile dal Portale del Comune, tramite SPID al seguente link: https://portale.comune.legnano.mi.it/portal/ importato nell'Url sotto specificato; non sono ammesse altre modalità di presentazione della domanda.


Nel caso il richiedente fosse impossibilitato ad inoltrare la domanda online potrà richiedere la compilazione assistita presso l’Ufficio Relazioni col Pubblico - URP del Comune di Legnano, situato in Corso Magenta 15, solo su appuntamento telefonico al n. 0331471268 o tramite mail: info.tributi@legnano.org nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì          9,00 – 13,00

lunedì - martedì – giovedì 15,00 – 17,30


Nella domanda dovrà essere dichiarato il possesso dei requisiti previsti contenuti nell'allegato F “criteri per il riconoscimento delle riduzioni tariffarie”; successivamente verrà redatta una graduatoria in base ad ISEE crescente fino ad esaurimento dell’importo stanziato.


Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
30/09/2021
33,00%
2° rata
31/10/2021
33,00%
3° rata
10/12/2021
34,00%
Unica
10/12/2021
100,00%


Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

Accertamento 

1. L’omessa o l’infedele presentazione della dichiarazione è accertata notificando avviso di accertamento d’ufficio o in rettifica al soggetto passivo, anche a mezzo raccomandata A.R., a pena di decadenza entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione è stata o avrebbe dovuto essere presentata. 

2. L’avviso di accertamento specifica le ragioni dell’atto e indica distintamente le somme dovute per tributo, tributo provinciale, sanzioni, interessi di mora, e spese di notifica, da versare in unica rata entro sessanta giorni dalla ricezione, e contiene l’avvertenza che, in caso di inadempimento, si procederà alla riscossione coattiva con aggravio delle spese di riscossione e degli ulteriori interessi di mora. 

3. Il contribuente può richiedere, nei casi di momentanea e comprovata difficoltà economica supportata da idonea documentazione, non oltre il termine di versamento, una rateazione sino a 12 rate mensili, oltre agli interessi di cui all'articolo 35, salvo diversa valutazione del Funzionario Responsabile. L’utente decade dalla rateazione nel caso di ritardo superiore a quindici giorni nel versamento di massimo due rate consecutive. 

4. Gli accertamenti divenuti definitivi valgono come dichiarazione per le annualità successive all'intervenuta definitività. 

Sanzioni 

1. In caso di omesso o insufficiente versamento del tributo risultante dalla dichiarazione si applica la sanzione del 30% di ogni importo non versato. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni dal termine di cui al comma 6 dell’art. 34, la sanzione di cui al primo periodo, oltre alle riduzioni previste per il ravvedimento dal comma 1 dell'articolo 13 del Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, se applicabili, è ulteriormente ridotta ad un importo pari ad un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo. 

2. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, anche relativamente uno solo degli immobili posseduti, occupati o detenuti, si applica la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento del tributo dovuto, con un minimo di 50 euro. 

3. In caso di infedele dichiarazione si applica la sanzione amministrativa dal cinquanta al cento per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. 

4. In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario di cui all'articolo 31, comma 2, entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione amministrativa da euro 100 a euro 500. La contestazione della violazione di cui al presente comma deve avvenire, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è commessa la violazione. 

5. Le sanzioni previste per l’omessa ovvero per l’infedele dichiarazione sono ridotte a un terzo se, entro il termine per ricorrere alle commissioni tributarie, interviene acquiescenza del contribuente con il pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione e degli interessi. 

6. In caso di mancata o incompleta comunicazione di dati relativi a dichiarazioni per la fruizione di riduzioni o esclusioni tariffarie, il contribuente può regolarizzare la propria posizione presentando anche tardivamente la comunicazione, purché la violazione che si intende sanare non sia già stata formalmente contestata, non siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche, né iniziate attività amministrative di accertamento di cui l’autore abbia avuto formale conoscenza. Si applica la sanzione amministrativa da euro 50 a euro 200, solo per il primo anno di irregolarità sanata. Non si dà comunque luogo a restituzioni di tributi già pagati a fronte della tardiva presentazione della dichiarazione e della relativa documentazione.  

Riscossione 

1. Il Comune applica e riscuote il tributo comunale sui rifiuti dovuto in base alle dichiarazioni inviando ai contribuenti, anche per posta semplice, avvisi di pagamento che specificano per ogni utenza le somme dovute per tributo comunale e tributo provinciale, ed ogni altro elemento previsto dall'art. 7 della L. 212/2000. Nella delibera annuale di approvazione delle tariffe, il Consiglio Comunale stabilisce il numero e le scadenze di pagamento del tributo, consentendo di norma almeno due rate a scadenza semestrale, consentendo comunque il pagamento in un’unica soluzione entro la scadenza della prima rata. 

2. Eventuali conguagli di anni precedenti, o dell’anno in corso, possono essere riscossi anche in unica soluzione. 

3. L’importo complessivo del tributo annuo dovuto da versare è arrotondato all'euro superiore o inferiore a seconda che le cifre decimali siano superiori o inferiori/pari a 49 centesimi, in base a quanto previsto dal comma 166, art. 1, della L. 296/2006. 

4. Le modifiche inerenti alle caratteristiche dell’utenza, che comportino variazioni in corso d’anno del tributo, potranno essere conteggiate nell'avviso successivo, anche mediante conguaglio compensativo. 

5. Il tributo comunale per l’anno di riferimento è versato dai contribuenti al Comune secondo le disposizioni di cui all'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nonché tramite bollettino di conto corrente postale ovvero tramite le altre modalità di pagamento offerte dai servizi elettronici di incasso e di pagamento interbancari e postali e comunque utilizzando tutte le modalità consentite dalla normativa. 

6. Al contribuente che non versi alle prescritte scadenze le somme indicate nell'avviso di pagamento, è notificato, anche a mezzo raccomandata A.R. e a pena di decadenza entro il 31 dicembre del quinto anno successivo all'anno per il quale il tributo è dovuto, avviso di accertamento per omesso o insufficiente pagamento. L’avviso indica le somme da versare in unica rata entro sessanta giorni dalla ricezione, con addebito delle spese di notifica, e contiene l’avvertenza che, in caso di inadempimento, si applicherà la sanzione per omesso pagamento di cui all'articolo 33, comma 1, oltre agli interessi di mora, e si procederà alla riscossione coattiva con aggravio delle spese di riscossione. E’ applicabile la rateizzazione di cui al terzo comma dell’art. 32. Resta salva la facoltà dell’Amministrazione Comunale di procedere all'invio di appositi solleciti prima dell’emissione degli avvisi di accertamento.  

Interessi 

1. Gli interessi di mora, di rateazione e di rimborso sono computati nella misura del vigente tasso legale aumentato di 2 (due) punti percentuali. 

2. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili. 

Somme di modesto ammontare 

1. Ai sensi dell’art. 3, comma 10, d.l. 2 marzo 2012, n. 16, il comune non procede all'accertamento, all'iscrizione a ruolo e alla riscossione dei crediti relativi ai propri tributi qualora l’ammontare dovuto, comprensivo di sanzioni amministrative e interessi, non superi, per ciascun credito, l’importo di euro 20, con riferimento ad ogni periodo d’imposta. Tale disposizione non si applica qualora il credito derivi da ripetuta violazione degli obblighi di versamento relativi ad un medesimo tributo. 2. Ai sensi dell’art. 1, comma 168, l. 296/2006, non si procede al versamento in via ordinaria e al rimborso per somme, comprensive del tributo provinciale di cui all'articolo 22, inferiori a 12 euro per anno d’imposta. 

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

Eventuali inesattezze nella determinazioni degli importi, o richieste di rimborso, potranno essere segnalati ad AMGA Legnano spa tramite l'apposita modulistica (sotto allegata) da inviare:

- via fax al numero 0331-884702

- via mail all'indirizzo    info.tributi@amga.it

- attraverso il sito www.amga.it   

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione