Trasparenza Rifiuti Grotte
Trasparenza Rifiuti Grotte

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Grotte

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Grotte

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Grotte

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
Società ISEDA S.r.l. quale Capogruppo del R.T.I. ISEDA S.r.l. – SEA S.r.l.– I.CO.S S.r.l. – ECOIN S.r.l. – SEAP S.r.l. – TRAINA S.r.l. (Mandanti), a seguito di gara ad evidenza pubblica si è aggiudicata l’affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e speciali assimilabili agli urbani e dei servizi di igiene urbana in n. 9 comuni dell’ATO 4 Agrigento Est. CIG 7322554AB6 quali: Agrigento – Aragona e Comitini – Castrofilippo e Grotte – Favara – Lampedusa-Linosa – Licata – Racalmuto.
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

Per ulteriori informazioni 

telefono:   0922947505. 

Mai:          tributi@comunedigrotte.org

Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

https://www.differenziata-ato4agrigento.it/contact-us-2/

Contattare il numero verde 800 55 00 64

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 13:00 - 15:30 alle 18:00

Sabato dalle 9:00 alle 13:00 

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Organico
lunedì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
giovedì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
sabato:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
Pannolini e pannoloni
lunedì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
mercoledì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
sabato:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
Plastica e metalli
martedì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
venerdì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
Vetro
martedì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
venerdì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
Secco residuo
mercoledì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
Carta Cartone
giovedì:
dalle ore 20:00 del giorno precedente alle ore 6:00 del giorno indicato
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: t
Cluster: - €
Tariffa nazionale di base:
Raccolta differenziata: %
Fattori di contesto del comune:
Economie e diseconomie di scala:
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento:
Impianti di trattamento meccanico biologico:
Discariche:
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: %
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: %
Rifiuti smaltiti in discarica: %
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste
Regolamento TARI o regolamento per l’applicazione di una tariffa di natura corrispettiva
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto
Chi dimentica di pagare la Tari e se ne accorge dopo qualche mese può avvalersi del ravvedimento operoso che consente di ottenere una riduzione delle sanzioni adempiendo in ritardo purché, nel frattempo, non sia già intervenuto un accertamento.

Il Comune di Grotte ha adottato un regolamento specifico per il ravvedimento operoso rendendo possibile il frazionamento dell'importo dovuto e la contestuale regolarizzazione con la sanzione ridotta.

In caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento del tributo TARI risultante dalla dichiarazione e dagli avvisi di pagamento si applica l'articolo 13 del Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 471; al contribuente è notificato anche a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento, un avviso di accertamento esecutivo, dando il termine di 60 giorni per pagare l'importo dovuto. Decorso inutilmente tale termine ultimo per il pagamento, il Comune provvede ad attivare le procedure esecutive e cautelari previste dalla legge applicando sull'importo dovuto la sanzione pari al 30% dell'importo, oltre agli interessi di mora, gli oneri di riscossione e le spese di notifica.

In caso di omessa presentazione della dichiarazione, anche relativamente a uno solo degli immobili, occupati o detenuti, si applica la sanzione amministrativa dal 100% al 200% del tributo dovuto, con un minimo di 50 Euro.

In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione amministrativa dal 50% al 100% del tributo dovuto, con un minimo di 50 Euro.

In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario di cui al vigente Regolamento Comunale TARI entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione amministrativa da 100 a 500 Euro;

Le sanzioni previste ai comma 2, 3 e 4 sono ridotte a un terzo se, entro il termine per la proposizione del ricorso, interviene acquiescenza del contribuente, con pagamento del tributo, se dovuto, della sanzione e degli interessi.

Si applica per quanto non specificamente disposto, la disciplina prevista per le sanzioni amministrative per la violazione di norme tributarie di cui al Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 472. 
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile
Laddove nel documento di riscossione TARI fossero riscontrati dei dati non corrispondenti alla situazione del contribuente (categoria di tassazione utilizzata per le utenze non domestiche, numero dei componenti il nucleo familiare, superficie tassata, periodo di occupazione ecc.. ) è nel caso in cui venga attivata la procedura di riesame in autotutela, l’Ufficio TARI esaminerà le osservazioni del contribuente e, qualora riconoscesse un errore nella quantificazione del tributo, provvede alla rettifica dell’avviso di pagamento entro 30 gg. dalla presentazione della richiesta da parte dell’utente.

I recapiti ai quali inoltrare la richiesta possono essere reperiti nell'apposita sezione.

Il Comune provvederà inoltre alla restituzione degli importi eventualmente pagati in eccesso con conguaglio sull'annualità successiva o con liquidazione del rimborso al contribuente.

Per la modulistica di riesame si rimanda alla specifica sezione modulistica

In ogni caso il contribuente può proporre ricorso in Commissione Tributaria Provinciale.

Il ricorso deve essere proposto, a pena di inammissibilità, entro  sessanta giorni dalla data di notificazione dell'atto. In caso di rifiuto tacito della restituzione di tributi, sanzioni pecuniarie ed interessi o altri accessori non dovuti, può essere proposto dopo novanta giorni dalla domanda di restituzione (art. 21, D. Lgs. n° 546/92).
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione