Trasparenza Rifiuti Costigliole d'Asti

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Costigliole d'Asti

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Costigliole d'Asti

Logo Anutel

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’odine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti

Il servizio di raccolta vetro viene svolto dalla SEA Soluzioni Eco Ambientali Srl  (https://www.seaeco.it/).

Il servizio di raccolta carta (e cartone) e degli ingombranti viene svolto dalla Comunità delle Colline tra Langa e Monferrato (http://www.langamonferrato.it/).

Il servizio di raccolta presso l'Ecostazione è invece svolto da G.A.I.A. s.p.a. (https://gaia.at.it/).


Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti

- SEA Soluzioni Eco Ambientali Srl : Via Aiassa 23, 10070 Villanova Canavese (TO) - Telefono 011 9298557

- Comunità delle Colline tra Langa e Monferrato : via Roma n. 13 - Costigliole d'Asti - Telefono 0141/961850

- G.A.I.A. s.p.a. :  via Brofferio 48 -  Asti -  Telefono 0141/355408


Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

COMUNE DI COSTIGLIOLE D'ASTI - VIA ROMA N. 5 - 14055 COSTIGLIOLE D'ASTI (AT)

TEL. 0141/962209 - FAX 0141/966037

mail: ecologia@costigliole.it - protocollo@costigliole.it - contabilita@costigliole.it    

pec: comunedicostiglioledasti@postecert.it 

Attualmente l'ufficio è aperto esclusivamente su prenotazione al 0141/962209 causa emergenza sanitaria covid.

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione

Il servizio di raccolta a domicilio degli ingombranti viene svolto tutti i giovedì pomeriggio su prenotazione allo 0141/962209.

Il servizio di raccolta vetro avviene tramite conferimento nelle campane stradali il cui calendario di svuotamento viene definito in accordo tra la stessa SEA ed il C.B.R.A. (ogni 15 giorni circa).

Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
NON SONO PREVISTE AL MOMENTO CAMPAGNE STRAORDINARIE DI RACCOLTA RIFIUTI
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
ECOSTAZIONE G.A.I.A.
A servizio dei Comuni della Provincia di Asti sede: strada del Montetto, 14055 Costigliole d’Asti (AT) info: Polo trattamento rifiuti – tel. 0141/47.67.03 Le ecostazioni integrano le raccolte stradali o domiciliari e rappresentano l’opzione ambientale più sostenibile e di minore impatto per la raccolta dei rifiuti urbani. I materiali raccolti sono avviati prevalentemente a recupero di materia o di energia; ove invece non è possibile tecnicamente, vengono smaltiti in discarica. Elenco dei rifiuti conferibili: Batterie al piombo Carta/cartone Farmaci scaduti – Ferro (metallo) – Filtri Olio – Frigoriferi (RAEE R1, Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi) Grandi bianchi (RAEE R2 lavatrice, grandi elettrodomestici) Imballi sporchi (Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati) Lampadine a incandescenza (Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio) – Legno Macerie edili (Miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche solo da piccoli interventi di rimozione eseguiti direttamente dal conduttore della civile abitazione) Oli Minerali (Scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubrificazione, non clorurati) – Oli vegetali (Oli e grassi commestibili) Pile (batterie e accumulatori) – Plastica (imballaggi) – Pneumatici fuori uso Rifiuti Biodegradabili – Rifiuti ingombranti (materassi, biciclette, tavoli…) Sfalci e potature Toner per stampanti – Tv e monitor (RAEE R3) Vernici (inchiostri, adesivi e resine contenenti sostanze pericolose) – Vetro (imballaggi e lastre)
Impianto di Compostaggio GAIA
L’impianto di compostaggio recupera e trasforma tramite processo aerobico i rifiuti organici (scarti di cucina, sfalci e potature) in compost di qualità per l’agricoltura. Nel 2019 sono terminati i lavori di ristrutturazione che hanno portato l’impianto di GAIA a realizzare un processo anaerobico con produzione di compost e biometano. Il compost, infatti, si produce attraverso un processo biologico controllato che accelera ciò che avviene normalmente in natura. Successivamente viene raffinato per eliminare le frazioni estranee (plastica e inerti). Prima di essere immesso in commercio ogni lotto di produzione viene analizzato per verificarne la conformità ai requisiti di legge.
Per ulteriori informazioni contattare il Comune di Costigliole d'Asti al 0141/962209.
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Servizio fuori programmazione.
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
1 persona
Per un'utenza Domestica di 81mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UFFICIO
Per un'utenza Non domestica di 44mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
4 PERSONE
Per un'utenza Domestica di 70mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
BAR
Per un'utenza Non domestica di 65mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:

Descrizione della Tari:

La tariffa è composta da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per opere e ai relativi ammortamenti, e da una quota variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all’entità dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento.

La tariffa è articolata nelle fasce di utenza domestica e di utenza non domestica.

L’insieme dei costi da coprire attraverso la tariffa sono ripartiti tra le utenze domestiche e non domestiche secondo criteri razionali. A tal fine, i rifiuti riferibili alle utenze non domestiche possono essere determinati anche in base ai coefficienti di produttività Kd di cui alle tabelle 4a e 4b, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

Il tributo è dovuto limitatamente al periodo dell’anno, computato in giorni, nel quale sussiste l’occupazione o la detenzione dei locali o aree.

TARIFFA PER LE UTENZE DOMESTICHE:

La quota fissa della tariffa per le utenze domestiche è determinata applicando alla superficie dell’alloggio e dei locali che ne costituiscono pertinenza le tariffe per unità di superficie parametrate al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.1, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158, in modo da privilegiare i nuclei familiari più numerosi.

La quota variabile della tariffa per le utenze domestiche è determinata in relazione al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.2, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

I coefficienti rilevanti nel calcolo della tariffa sono determinati nella delibera tariffaria.

TARIFFA PER LE UTENZE NON DOMESTICHE:

La quota fissa della tariffa per le utenze non domestiche è determinata applicando alla superficie imponibile le tariffe per unità di superficie riferite alla tipologia di attività svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni di cui al punto 4.3, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

La quota variabile della tariffa per le utenze non domestiche è determinata applicando alla superficie imponibile le tariffe per unità di superficie riferite alla tipologia di attività svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni di cui al punto 4.4, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

I coefficienti rilevanti nel calcolo della tariffa sono determinati per ogni classe di attività contestualmente all’adozione della delibera tariffaria.

CLASSIFICAZIONE DELLE UTENZE NON DOMESTICHE:

Le utenze non domestiche sono suddivise nelle categorie di attività indicate nell’allegato A del Regolamento Comunale el ’inserimento di un’utenza in una delle categorie di attività previste dall’allegato A viene di regola effettuata sulla base della classificazione delle attività economiche ATECO adottata dall’ISTAT relative all’attività principale o ad eventuali attività secondarie, fatta salva la prevalenza dell’attività effettivamente svolta.

RIDUZIONI TARIFFARIE UTENZE DOMESTICHE:

La tariffa si applica in misura ridotta, nella quota fissa e nella quota variabile, alle utenze domestiche che si trovano nelle seguenti condizioni:

- del 10% per le abitazioni tenute a disposizione da utenti non residenti nel Comune di Costigliole d’Asti;

- del 10% alle utenze domestiche che abbiano avviato l’autocompostaggio dei propri scarti organici ai fini dell’utilizzo in situ del materiale prodotto;

- del 10% nei confronti dell’utente che, tenendo a disposizione nel Comune di Costigliole d’Asti un’abitazione per uso stagionale o per altro uso limitato o discontinuo, risieda o abbia la dimora, per almeno centottantatre giorni l’anno, in località fuori del territorio nazionale; 

- del 20% per le utenze di residenti nel Comune di Costigliole d’Asti tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato o discontinuo, a condizione che tali abitazioni vengano utilizzate nel corso dell’anno per periodi complessivamente non superiori a 183 giorni;

- del 50% nel caso di nuclei familiari in cui sono presenti soggetti con handicap gravi ai sensi della Legge n. 104/1992;

- del 10% per le utenze domestiche che per motivi tecnici non usufruiscono della raccolta porta a porta, ma devono conferire in appositi cassonetti loro riservati posizionati sul territorio comunale;

RIDUZIONI TARIFFARIE UTENZE NON DOMESTICHE:

Nella determinazione della superficie assoggettabile alla TARI non si tiene conto di quella parte di essa ove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali, non assimilati e/o pericolosi al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, a condizione che ne dimostrino l'avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. 



Alla Tari dovuta occorre aggiungere l'addizionale provinciale stabilita annualmente dalla Provincia di Asti (attualmente al 5%)



Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 2.457,08 t
Cluster: Comuni con basso livello di benessere con localizzazione in zone pianeggianti lungo tutto il territorio nazionale - € 22,603088
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 70,74%
Fattori di contesto del comune: € 65,328377
Economie e diseconomie di scala: € 0,576781
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 2
Impianti di trattamento meccanico biologico: 10
Discariche: 14
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 10,494 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 23,59%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 21,62%
Rifiuti smaltiti in discarica: 24,77%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Al momento non sono previste riduzioni agli utenti in stato di disagio economico, gli stessi però possono presentare richiesta alla commissione assistenza del Comune nella quale verranno valutati.

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
metodo attuale
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto
da attuarsi nel prossimo periodo
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Per il 2020 non sono ancora state stabilite le scadenze.
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto
Nel caso di omesso pagamento occorre contattare l'ufficio Tributi al 0141/962209.
Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile
Nel caso di addebiti errati, errori di calcolo ecc. occorre contattare l'ufficio Tributi al 0141/962209.
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
E' possibile ricevere l'avviso di pagamento Tari per posta elettronica o per pec previa comunicazione all'ufficio Tributi.