Trasparenza Rifiuti Colognola ai Colli
Trasparenza Rifiuti Colognola ai Colli

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Colognola ai Colli

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Colognola ai Colli

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Colognola ai Colli
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti
SER.I.T. s.r.l. – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di AMIA Verona S.p.A
Spazzamento, pulizia e lavaggio strade
SER.I.T. s.r.l. – Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di AMIA Verona S.p.A

per il servizio di raccolta: numero verde segnalazione disservizi e reclami 800125850, dal lunedì al sabato, ore 09:00-12:30 e 13:30-16:00.

per la gestione della TARI Tassa sui Rifiuti: Ufficio Tributi del Comune di Colognola ai Colli, lunedì ore 16:00-18:00 e martedì e giovedì ore 9:00-12:30



Modulistica per l'invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile


Segnalazione di disservizi e reclami in merito allo svolgimento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani:

n. verde 800125850 (lun-sab 09:00-12:30 e 13:30-16:00)

e.mail segnalazioni@serit.info


Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
RACCOLTA UMIDO
lunedì:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00
mercoledì:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00 solo dal 15 giugno al 15 settembre
venerdì:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00
RACCOLTA SECCO
giovedì:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00
RACCOLTA PLASTICA E LATTINE
martedì:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00
RACCOLTA CARTA E CARTONE
sabato:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00 ogni 15 giorni
RACCOLTA VERDE E RAMAGLIE (solo per gli utenti che hanno richiesto il servizio)
mercoledì:
dalle ore 4.00 alle ore 11.00 con maggior frequenza nel periodo estivo

Orari di apertura dell'Ecocentro comunale di Viale del lavoro


dal 1 aprile al 31 ottobre:

lunedì 15:30 - 18:00

martedì 9:00 - 12:00

giovedì 15:30 - 18:00

sabato 9:00 - 12:00 e 15:30 - 18.00

dal 2 novembre al 31 marzo:

lunedì 14:00 - 16:30

martedì 9:00 - 12:00

giovedì 14:00 - 16:30

sabato 9:00 - 12:00 e 14:00 - 16:30






Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Non sono previste campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani, né nuove aperture di centri di raccolta.
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto

MODALITA' DI RACCOLTA

RACCOLTA PORTA A PORTA

SECCO: porta a porta sacchetto trasparente bianco

UMIDO: il rifiuto dovrà essere conferito in sacchi in mater-bi o in carta dedicati alla raccolta della frazione umidi, all'interno delle bio-pattumiere anti-randagismo da 25 litri. Non deve essere conferito sfuso.

PANNOLINI: i pannolini per bambini e anziani vanno conferiti:

- nel sacco del secco quando viene effettuata la raccolta del secco. Vanno conferiti in via prioritaria con tale tipologia

in sacco a parte trasparente rosso nei giorni di raccolta dell'umido, posizionandolo vicino al bidoncino verde anti-randagismo

PLASTICA - LATTINE - METALLI: porta a porta sacchetto trasparente giallo; nella plastica devono essere conferiti anche gli imballaggi in plastica delle merendine, di alimenti in genere, ecc.

CARTA - CARTONE: porta a porta cassetta rossa o gialla o, in alternativa, anche scatoloni in cartone. Non utilizzare mai sacchetti in nylon per conferire la carta. Il Tetrapack si raccoglie assieme alla carta.

VERDE E RAMAGLIE: servizio a pagamento su richiesta, con cassonetto in dotazione da 250 litri; è vietato l'approvvigionamento in proprio del predetto cassonetto. Non introdurre sacchi di nessun tipo. Esternamente al bidone, è possibile conferire al massimo 4 piccole fascine legate (misure massime: lunghezza 1 metro diametro 50 cm). È vietato introdurre nel bidone rifiuto umido (es. avanzi di cibo, scarti da cucina), terra e sassi.

Sacchi e contenitori dei rifiuti vanno posizionati all'esterno della propria abitazione sul marciapiede o lungo la strada pubblica dopo le ore 21:00 ed entro le ore 24:00 del giorno precedente la raccolta prevista dal calendario.

Ai fini della tutela della salute e sicurezza sul lavoro, il peso massimo dei contenitori o del materiale conferibile non deve superare i 15 kg (esclusi i cassonetti per verde e ramaglie, che hanno una portata massima di 70 kg).


RACCOLTA CONTENITORI STRADALI

VETRO: nelle campane stradali verdi. Non conferire specchi, oggetti in ceramica, terracotta, porcellana, lampadine, neon e bicchieri non in cristallo

PILE - MEDICINALI SCADUTI - RIFIUTI PERICOLOSI CON SIMBOLI TOSSICO/INFIAMMABILE: negli appositi contenitori.


ALCUNE REGOLE IMPORTANTI

- Non inserire rifiuti di diverso tipo nello stesso sacco/bidone

- Non esporre i rifiuti dopo l'orario di inizio della raccolta

- Non esporre rifiuti di un tipo diverso da quello indicato per quel giorno di raccolta;

- Non utilizzare sacchi o bidoni diversi da quelli in dotazione

- Non esporre i rifiuti organici fuori dall'apposito bidone e non lasciare il bidone aperto

In caso di inosservanza delle precedenti indicazioni sarà apposto sul sacco o sul contenitore un adesivo con la scritta "RIFIUTO NON CONFORME" e il rifiuto NON VERRA' PRELEVATO.

Dopo ripetute inosservanze verranno applicate le sanzioni previste dal regolamento comunale.

ATTENZIONE

Bruciare rifiuti riciclabili e non riciclabili è un danno per sé e per gli altri; bruciare stoppie, foglie, erba, ramaglie del giardino e dell'orto è vietato dalla legge ed è un danno per sé e per gli altri.


CENTRO DI RACCOLTA

Può essere conferito: verde e ramaglie, carta, cartone, legno, ingombranti, beni durevoli (frigoriferi, lavatrici, computer, elettrodomestici, ecc.), ferro, vetro, imballi di plastica, pneumatici, materiali inerti (solo utenze domestiche e con le limitazioni quali/quantitative previste dal regolamento comunale), olii vegetali o minerali (solo utenze domestiche), batterie auto, lampade neon, pile, medicinali scaduti, rifiuti pericolosi etichettati con simboli tossico/infiammabile, vernici, vestiti usati.

È consentito l’accesso:

- tramite tessera sanitaria, solo ai cittadini di Colognola ai Colli e alle persone fisiche non residenti iscritte nell'elenco delle utenze rifiuti del Comune di Colognola ai Colli;

- tramite apposito badge rilasciato dall'Ufficio Tributi del Comune di Colognola ai Colli alle Ditte iscritte nell'elenco delle utenze rifiuti del Comune di Colognola ai Colli.

I rifiuti devono essere separati e raggruppati per tipologia prima dell’accesso. L’area circostante e l’ecocentro sono videosorvegliati 24/24.

Gli utenti dell'ecocentro comunale devono essere autonomi per lo scarico dei materiali, anche se pesanti e/o voluminosi.


INGOMBRANTI - BENI DUREVOLI

Ritiro a domicilio su prenotazione al numero 800734989, o conferiti presso l'ecocentro.


Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.


La Carta della Qualità del Servizio Rifiuti è stata approvata dall'Autorità d'Ambito Consiglio di Bacino Verona Nord, con deliberazione di Assemblea n. 18 del 19/12/2022.


La Carta della Qualità del Servizio Tariffe - Rapporti con il Pubblico è stata approvata dal Comune di Colognola ai Colli, con deliberazione di Giunta Comunale n. 201 del 05/12/2022.

Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta

LO SPAZZAMENTO MECCANIZZATO

Lo spazzamento meccanizzato delle strade viene effettuato il giovedì mattina, tutti i giovedì dell'anno (52 settimane). Indicativamente, ogni giovedì viene effettuato lo spazzamento delle strade di una frazione del territorio comunale, a rotazione. Non sono previsti divieti relativi alla viabilità e alla sosta relativamente al servizio di spazzamento strade.


LO SPAZZAMENTO MANUALE

Comprende principalmente lo spazzamento manuale e lo svuotamento di cestini portarifiuti di vie, piazze e aree verdi. Di norma viene effettuato il sabato mattina.

La frequenza di pulizia sul territorio può variare in base alle specifiche caratteristiche urbane e di utilizzo delle aree.

Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
ABITAZIONE CON 3 OCCUPANTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % , un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione , ammonta a € 212,00 calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 0,46
Tariffa variabile: € 164,77
Tipo Riduzione: Tariffa Fissa/Variabile
Percentuale riduzione: 5%
Riduzione calcolata: € 10,54
Quota fissa: € 0,46 * 100 * (365/365) = € 46,00
Quota variabile: € 164,77 * (365/365) = € 164,77
Totale imposta: € 46,00 + € 164,77 - € 10,54 = € 200,23
Totale: € 200,23 + 5 % +0,10(UR1) +1,50(UR2)= € 211,84
Totale arrotondato: € 212,00
ABITAZIONE CON 5 OCCUPANTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % , un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione , ammonta a € 320,00 calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 0,54
Tariffa variabile: € 265,47
Tipo Riduzione: Tariffa Fissa/Variabile
Percentuale riduzione: 5%
Riduzione calcolata: € 15,97
Quota fissa: € 0,54 * 100 * (365/365) = € 54,00
Quota variabile: € 265,47 * (365/365) = € 265,47
Totale imposta: € 54,00 + € 265,47 - € 15,97 = € 303,50
Totale: € 303,50 + 5 % +0,10(UR1) +1,50(UR2)= € 320,27
Totale arrotondato: € 320,00
ESPOSIZIONI, AUTOSALONI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % , un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione , ammonta a € 25,00 calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 0,23
Tariffa variabile: € 0,46
Tipo Riduzione: Tariffa Fissa/Variabile
Percentuale riduzione: 3%
Riduzione calcolata: € 0,7
Quota fissa: € 0,23 * 100 * (365/365) = € 23,00
Quota variabile: € 0,46 * (365/365) = € 0,46
Totale imposta: € 23,00 + € 0,46 - € 0,70 = € 22,76
Totale: € 22,76 + 5 % +0,10(UR1) +1,50(UR2)= € 25,50
Totale arrotondato: € 25,00
BAR, CAFFE', PASTICCERIA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % , un periodo di 365 giorni e l'applicazione della riduzione , ammonta a € 265,00 calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 2,73
Tariffa variabile: € 5,32
Tipo Riduzione: Tariffa Fissa/Variabile
Percentuale riduzione: 10%
Riduzione calcolata: € 27,83
Quota fissa: € 2,73 * 100 * (365/365) = € 273,00
Quota variabile: € 5,32 * (365/365) = € 5,32
Totale imposta: € 273,00 + € 5,32 - € 27,83 = € 250,49
Totale: € 250,49 + 5 % +0,10(UR1) +1,50(UR2)= € 264,61
Totale arrotondato: € 265,00

Quota fissa e quota variabile della TARI riferite alle tariffe approvate per l'anno 2020. Le tariffe per l'anno 2021 non sono ancora state approvate.


METODO DI CALCOLO UTENZE DOMESTICHE

La quota fissa della tariffa per le utenze domestiche è determinata applicando alla superficie dei locali occupati le tariffe per unità di superficie (metri quadrati) parametrate al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.1, Allegato 1, del D.P.R. 27/04/1999, n. 158, in modo da privilegiare i nuclei familiari più numerosi.

La quota variabile della tariffa per le utenze domestiche è determinata in relazione al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.2, Allegato 1, del D.P.R. 27/04/1999, n. 158.


METODO DI CALCOLO UTENZE NON DOMESTICHE

La quota fissa della tariffa per le utenze non domestiche è determinata applicando alla superficie imponibile le tariffe per unità di superficie (METRI QUADRATI) riferite alla tipologia di attività svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni di cui al punto 4.3, Allegato 1, del D.P.R. 27/04/1999, n. 158.

La quota variabile della tariffa per le utenze non domestiche è determinata applicando alla superficie imponibile le tariffe per unità di superficie riferite alla tipologia di attività svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni di cui al punto 4.4, allegato 1, del D.P.R. 27/04/1999, n. 158. 


TRIBUTO PROVINCIALE

Alla tariffa per le utenze domestiche e non domestiche, va aggiunto il tributo  provinciale per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell'ambiente di cui all'art. 19, del D.Lgs. 30/12/1992, n. 504, attualmente stabilito nella misura del 5%.


COMPONENTI PEREQUATIVE

Applicabili dal 1° gennaio 2024 come maggiorazione a ciascuna utenza del servizio di gestione dei rifiuti urbani, sulla base della deliberazione del 3 agosto 2023 n. 386/2023/R/RIF dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti Ambiente (ARERA). Le componenti in questione dovranno consentire la copertura dei costi di gestione emergenti a causa di: a) rifiuti accidentalmente pescati e rifiuti volontariamente raccolti in mare, oggetto della componente perequativa UR1a, pari a 0,10 euro/utenza; b) copertura delle agevolazioni riconosciute per eventi eccezionali e calamitosi, oggetto della componente perequativa UR2a, pari a 1,5 euro/utenza.


Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (Dati 2021)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 4.321,44 t
Cluster: Comuni con medio-alto livello di benessere e attrazione economica localizzati nelle zone pianeggianti del nord-est - € 0,0680
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 81,99%
Fattori di contesto del comune: € 31,2284991258045
Economie e diseconomie di scala: € 0,32853
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 3
Impianti di trattamento meccanico biologico: 6
Discariche: 9
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 32,55 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 11,55 %
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 54,28 %
Rifiuti smaltiti in discarica: 18,19 %
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Il vigente Regolamento per la disciplina della Tassa Rifiuti TARI non prevede riduzioni tariffarie per gli utenti in stato di disagio economico e sociale. Resta ferma la possibilità di rivolgersi ai Servizi Sociali dell'unione di Comuni Verona Est, della quale il comune di Colognola ai Colli fa parte.

Regolamento TARI o regolamento per l'applicazione di una tariffa di natura corrispettiva

Il vigente regolamento TARI - Tassa Rifiuti fa riferimento alla componente TARI (oltre all'IMU e alla TASI) dell'ex Imposta Unica Comunale prevista dalla Legge n. 147/2013, oggi abolita dalla Legge n. 160/2019, tranne che per la parte relativa alla TARI (art. 1, comma 738, Legge n. 160/2019).

Pertanto la TARI - Tassa Rifiuti è ancor oggi disciplinata a livello comunale dagli articoli 36 e seguenti del Regolamento Imposta Unica Comunale.

Attualmente (anno 2024) il Regolamento per la disciplina della TARI è in fase di revisione.

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita
Modelli precompilati inviati all'utente insieme all’invito al pagamento
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
31/07/2024
50,00%
2° rata
31/01/2025
50,00%

Il vigente Regolamento Comunale per l'applicazione della Tassa sui Rifiuti - TARI prevede il pagamento annuale dell'imposta in due rate uguali a scadenza fissa.


Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto


SANZIONI

In caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento alle prescritte scadenze viene irrogata la sanzione del 30% dell’importo omesso o tardivamente versato (art. 1, comma 695 della Legge n. 147/2013; art. 13 del Decreto Legislativo 471/97);

In caso di omessa presentazione della dichiarazione, si applica la sanzione dal 100 per cento al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. (art. 1, comma 696 della Legge n. 147/2013);

In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro (art. 1, comma 697 della Legge n. 147/2013).


RIDUZIONE DELLE SANZIONI

La sanzione del 30% prevista per l'omesso, insufficiente o tardivo versamento è fissa e non è pertanto riducibile; le sanzioni invece previste per l'omessa od infedele dichiarazione sono ridotte ad un terzo se, entro il termine per la proposizione del ricorso, interviene acquiescenza del contribuente del tributo, se dovuto, della sanzione e degli interessi (art. 1, comma 699 della Legge n. 147/2013).


INTERESSI

Si applicano gli interessi nella misura del tasso di interesse legale con maturazione giorno per giorno (art. 6 del Regolamento delle Entrate Tributarie ed Extra-tributarie, approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 14 del 25/06/2020).





Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.


I contribuenti che debbano segnalare eventuali errori nella determinazione del dovuto TARI possono contattare direttamente l'Ufficio Tributi del Comune di Colognola ai Colli:

- Telefono: 045.6159632-3

- e-mail: tributi@comunecolognola.it

- PEC: colognolaaicolli.vr@cert.ip-veneto.net

- orario di apertura dello sportello al pubblico: lunedì pomeriggio ore 16.00 - 18.00, martedì e giovedì mattina ore 9.00 - 12.30.


Si raccomanda in particolare di prestare attenzione ai seguenti codici di pagamento (riportati sul modello F24) per il Comune di Colognola ai Colli:

Codice tributo 
3944: Tari - tassa sui rifiuti;

TEFA: Tributo Provinciale

Codice ente

C897: Colognola ai Colli









Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

E' possibile in ogni momento ottenere l'invio della bollettazione TARI - Tassa Rifiuti e di altre informazioni inerenti il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti facendo richiesta all'indirizzo tributi@comunecolognola.it o telefonando ai numeri 045.6159632 o 045.6159633.

La bollettazione della TARI - Tassa Rifiuti in formato elettronico, in sostituzione del formato cartaceo, è auspicata e fortemente incentivata dal Comune di Colognola ai Colli quale strumento di maggiore puntualità e di risparmio collettivo di carta e spese postali.



Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.
Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Colognola ai Colli è collocato all'interno dello Schema regolatore I
Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.
Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.

È ammessa la possibilità di rateizzare ulteriormente rispetto alle rate stabilite annualmente dal comune:


  • agli utenti che dichiarino mediante autocertificazione ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 445/00 di essere beneficiari del bonus sociale per disagio economico previsto per i settori elettrico e/o gas e/o per il settore idrico;
  • a ulteriori utenti che si trovino in condizioni economiche disagiate, individuati dall’ufficio servizi sociali dell’Unione di Comuni Verona Est di cui questo Comune fa parte;
  • qualora l’importo addebitato superi del 30% il valore medio riferito ai documenti di riscossione emessi negli ultimi due (2) anni.


L’importo della singola rata non può essere inferiore ad una soglia minima pari a 50,00 (cinquanta) euro. La richiesta di ulteriore rateizzazione da parte dell’utente che ne ha diritto deve essere presentata entro la scadenza del termine di pagamento riportato nel documento di riscossione. La scadenza delle ulteriori rate non può superare la scadenza ordinaria successiva.