Trasparenza Rifiuti Cavenago d'Adda
Trasparenza Rifiuti Cavenago d'Adda

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Cavenago d'Adda

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Cavenago d'Adda

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Cavenago d'Adda
Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.

AVVISI

VUOI RICEVERE LA TARI E LE COMUNICAZIONI AD ESSA RELATIVE VIA MAIL?

Invia una mail all'indirizzo segreteria@comune.cavenagodadda.lo.it compilando il modulo che si trova alla sezione 3.1. r. 


Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

DICHIARAZIONE INIZIALE TARI:

La dichiarazione deve essere presentata da chiunque, persona fisica o giuridica, possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, esistenti nel territorio comunale a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani o ad essi assimilati. Una volta presentata, l'Ufficio Tributi si occuperà di consegnare direttamente la fornitura annuale dei sacchetti ed eventualmente i contenitori per umido e vetro per uso domestico. 

Dall'anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione la fornitura annuale dei sacchetti verrà consegnata mediante distribuzione annuale.

La distribuzione è organizzata annualmente nel cortile del Municipio e al Centro Sole di Caviaga per le frazioni e ne viene data debita conoscenza tramite affissioni di manifesti in tutti gli esercizi commerciali del Paese e pubblicazione online. 

DICHIARAZIONE DI VARIAZIONE:

La dichiarazione di variazione deve contenere gli elementi identificativi del contribuente nonché l'indicazione di tutte le variazioni intervenute rispetto alla dichiarazione precedente.

DICHIARAZIONE DI CESSAZIONE:

La cessazione del possesso, conduzione o detenzione dei locali e delle aree costituenti presupposto di applicazione del tributo, deve essere comunicata dal contribuente mediante apposita dichiarazione che deve essere presentata secondo le modalità sotto esplicate con l'indicazione della data di cessazione del possesso, conduzione o detenzione.

DICHIARAZIONE DI NON UTILIZZO DELL'IMMOBILE:

Qualora si possieda un immobile sito nel Comune di Cavenago d'Adda privo di arredi e di utenze attive è possibile richiedere l'esenzione dal pagamento della tassa rifiuti comprovando il non utilizzo dell'immobile. L'inutilizzo dell'immobile deve essere comunicato dal contribuente mediante apposita dichiarazione che deve essere presentata secondo le modalità sotto esplicate con l'indicazione della data di chiusura delle utenze.

DICHIARAZIONE DI USCITA DAL SERVIZIO PUBBLICO - SOLO PER UTENZE NON DOMESTICHE

Le utenze non domestiche possono conferire al di fuori del servizio pubblico i propri rifiuti urbani, previa dimostrazione di averli avviati a recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi. Per le utenze non domestiche la scelta di avvalersi di operatori privati diversi dal gestore del servizio pubblico deve essere effettuata per un periodo non inferiore a due anni, salva la possibilità per il gestore del servizio pubblico, dietro richiesta dell'utenza non domestica, di riprendere l'erogazione del servizio anche prima della scadenza biennale. 

Le utenze non domestiche che intendono avvalersi di tale facoltà devono darne comunicazione entro il 28 febbraio di ciascun anno, con effetti a decorrere dal 1° gennaio dell’anno successivo. Qualora la comunicazione non venga rinnovata verrà intesa quale scelta dell’utenza non domestica di avvalersi del servizio pubblico.

Entro il 28 febbraio di ciascun anno l’utenza non domestica che ha conferito a recupero i propri rifiuti urbani al di fuori del servizio pubblico deve comunicare al Comune i quantitativi dei rifiuti urbani avviati autonomamente a recupero nell’anno precedente che dovrà essere uguale o superiore al totale dei rifiuti prodotti dell’anno precedente l’uscita e desumibili dal MUD o dagli appositi formulari di identificazione dei rifiuti allegando attestazione rilasciata dal soggetto (o dai soggetti) che ha effettuato l'attività di recupero dei rifiuti stessi, che dovrà contenere anche i dati dell’utenza cui i rifiuti si riferiscono e il periodo durante il quale ha avuto luogo l’operazione di recupero.

MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI: 

Le istanze possono essere presentate compilando i moduli allegati diversificati per le utenze domestiche e quelle non domestiche e:

  • Consegnandone copia presso l'Ufficio Protocollo negli orari di apertura degli Uffici Comunali: lun-mer-gio-ven dalle 9 alle 12; martedì dalle 14 alle 18 e 1° e 3° sabato dalle 9 alle 12. 
  • Inviandoli tramite mail all'indirizzo segreteria@comune.cavenagodadda.lo.it corredata da copia fotostatica del documento d'identità del dichiarante o tramite pec all'indirizzo comune.cavenagodadda@pec.regione.lombardia.it

Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l'invio di reclami, richieste di informazioni, di rettifica degli importi addebitati, di rateizzazione, richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio, segnalazioni di disservizi, prenotazioni del servizio di ritiro su chiamata, richieste di riparazione delle attrezzature per la raccolta domiciliare, nonché recapiti e orari degli sportelli online e fisici (ove presenti).
Raccolta e trasporto rifiuti - Spazzamento, pulizia e lavaggio strade

Per informazioni in merito alla:

TASSA RIFIUTI potete rivolgervi all’Ufficio Tributi del Comune di Cavenago d'Adda telefonicamente dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 16:00 chiamando il numero 0371/70031 int. 4 ovvero a mezzo  posta elettronica: tributi@comune.cavenagodadda.lo.it 

È attivo anche il seguente numero verde 800348399 per informazioni in merito alla gestione delle tariffe TARI. 

RACCOLTA DEI RIFIUTI potete rivolgervi allo sportello di Linea Gestioni s.r.l situato in Via Vecchia Cremonese a Lodi nei seguenti orari di apertura: 

- Lunedì e Mercoledì: 9.00 - 12.30

- Martedì e Venerdì: 9.00 - 12.30 e 14.00 - 17.00

- Giovedì: 9.00 - 15.00

In alternativa è possibile contattare il seguente numero verde: 800193888 o mandare una mail all'indirizzo: info.lgestioni@a2a.eu

GESTIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTApotete rivolgervi all'Ufficio Territorio e Ambiente del Comune di Cavenago d'Adda telefonicamente dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 16:00 chiamando il numero 0371/70031 int. 5 ovvero a mezzo posta elettronica: tecnico@comune.cavenagodadda.lo.it

Modulistica per l'invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile


Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell'utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
CALENDARIO RACCOLTA RIFIUTI
lunedì:
SECCO - UMIDO
martedì:
PLASTICA - CARTA
giovedì:
VETRO - UMIDO

Ad oggi nel Comune di Cavenago d'Adda e nelle frazioni la raccolta rifiuti viene svolta utilizzando il servizio di raccolta porta a porta che viene effettuato secondo un calendario predefinito che si trova in allegato.

I rifiuti vanno esposti al di fuori della propria abitazione dalle ore 22.00 alle ore 6.00. 

MODALITA' DI ACCESSO ALLA PIAZZOLA ECOLOGICA:

Per l'accesso alla piazzola ecologica è necessario essere muniti di tessera.  La tessera viene consegnata dall'Ufficio Tributi ogni qualvolta viene consegnata una nuova dichiarazione iniziale TARI. In caso di smarrimento del tesserino è necessario contattare l'Ufficio Tributi per richiederne il duplicato (0371/70031 int. 3). 

La piazzola ecologica è ubicata sulla SP 237 tra Cavenago d'Adda e Turano Lodigiano. É visibile imboccando Via Roma e procedendo fino alla fine del Paese. 

É possibile conferire i rifiuti presso la piazzola ecologica rispettando i seguenti orari di apertura:

- Mercoledì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

- Sabato dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17. 


RITIRO A DOMICILIO DEGLI INGOMBRANTI E DEGLI SCARTI VEGETALI:

E' attivo in tutto il territorio comunale il servizio porta a porta di ritiro degli ingombranti. Il servizio viene effettuato su prenotazione chiamando il numero verde: 800193888. In alternativa è possibile prenotare online al seguente link: http://https://www.linea-gestioni.it/ritiro-ingombranti/ 

Sono disponibili 3 ritiri gratuiti all'anno per al massimo 2 pezzi. Il servizio viene svolto di martedì con frequenza quindicinale.

Inoltre, è attivo il servizio di raccolta degli scarti vegetali che viene effettuato su prenotazione chiamando il numero verde: 800193888. Il servizio viene effettuato di martedì mattina con frequenza quindicinale.


Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani di cui all'articolo 5 del TQRIF, liberamente scaricabile.
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell'ambito territoriale in cui è ubicata l'utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Le informazioni, ove possibile, verranno automaticamente acquisite dal catasto nazionale dei rifiuti ISPRA
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Giovedì:
Dalle ore 06:00 alle ore 12:00 Una volta a settimana

SERVIZIO DI PULIZIA STRADE:

Il servizio di spazzamento e pulizia delle strade viene effettuato ogni giovedì mattina. In allegato il calendario delle giornate di spazzamento per l'anno 2023.


Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
UTENZA DOMESTICA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UTENZA DOMESTICA - 2 COMPONENTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UTENZA DOMESTICA - 3 COMPONENTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UTENZA DOMESTICA - 4 COMPONENTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UTENZA DOMESTICA - 5 COMPONENTI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
UTENZA DOMESTICA DAI 6 COMPONENTI IN POI
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
EDICOLE, FARMACIE, TABACCAI E PLURILICENZE
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
CARROZZERIE, AUTOFFICINA, ELETTRAUTO
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
RISTORANTI, TRATTORIE, OSTERIE, PIZZERIE
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
BAR, CAFFE', PASTICCERIA
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5 % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Riduzione:
Percentuale riduzione:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:

UTENZE DOMESTICHE:

La tariffa delle utenze domestiche è composta da una quota fissa parametrata al numero di componenti del nucleo familiare che va moltiplicata per la superficie dell’immobile, e da una quota variabile determinata in relazione al numero di occupanti, risultanti all’Anagrafe Comunale. Il tributo così quantificato dovrà essere maggiorato della percentuale del 5% quale tributo destinato alla Provincia. Devono comunque essere dichiarate le persone che non fanno parte del nucleo familiare anagrafico ma che dimorano nell’utenza. 

UTENZE NON DOMESTICHE:

La tariffa delle utenze non domestiche è composta da una quota fissa ed una variabile. L'importo da versare si ottiene moltiplicando entrambe le quote per i mq delle superfici soggette a tassa, maggiorato della percentuale del 5% quale tributo destinato alla Provincia.

Nelle singole posizioni tributarie, agli effetti della TARI, possono anche essere presenti diverse utenze (con relative superfici) in relazione alle destinazioni d'uso (esempio per i negozi: parte riferita alla vendita, parte riferita al deposito) alle quali viene attribuita la categoria di cui all'allegato num.1 del D.P.R. 158/99.

Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2018)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 1.094,22 t
Cluster: Comuni con basso livello di benessere con localizzazione in zone pianeggianti lungo tutto il territorio nazionale - € 22,58295586
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 76,83%
Fattori di contesto del comune: € 13,76209842
Economie e diseconomie di scala: € 1,24863
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 18
Impianti di trattamento meccanico biologico: 8
Discariche: 8
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 16,352 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 47,87%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 38,52%
Rifiuti smaltiti in discarica: 4,85%
Informazioni per l'accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

RIDUZIONI PREVISTE PER LE UTENZE DOMESTICHE:

Art. 17 del vigente Regolamento Tari - Riduzioni per le utenze domestiche

Sono esentate dal Pagamento della Tari le utenze domestiche site in Frazione Soltarico per disagio ambientale.

Art. 19 del vigente Regolamento Tari - Riduzioni per compostaggio aerobico

Le utenze domestiche, le imprese agricole e florovivaistiche che praticano un sistema di compostaggio aerobico hanno diritto ad una riduzione pari al 10% della parte variabile della tariffa TARI. La riduzione compete esclusivamente a seguito di presentazione di istanza da parte del contribuente, unitamente alla dichiarazione di impegno alla pratica di compostaggio in modo continuativo e della documentazione attestante l’acquisto o il possesso del composter. L’istanza produce i propri effetti a decorrere dal primo giorno del mese successivo dalla presentazione al protocollo del Comune ed ha effetto anche per le annualità successive, salvo modifiche. In tal caso il contribuente dovrà comunicare tempestivamente al Comune la cessazione dell’attività di compostaggio. 

A seguito della presentazione della suddetta istanza, il Comune potrà in ogni momento procedere alla verifica, anche periodica, dell’effettiva attività di compostaggio. Il riconoscimento della riduzione resta comunque condizionato alle risultanze delle attività di controllo.

Art. 21 del vigente Regolamento Tari - Riduzioni per inferiori livelli di prestazione del servizio

Se il servizio di raccolta, istituito ed attivato, non viene svolto nella zona di residenza o di dimora Il tributo è ridotto, tanto nella parte fissa quanto nella parte variabile, del 40%.


RIDUZIONI PREVISTE PER LE UTENZE NON DOMESTICHE:

Art. 20 del vigente Regolamento Tari - Riduzioni per riciclo

Al fine di incentivare le operazioni di riciclo dei rifiuti urbani, i produttori che vi hanno proceduto possono accedere ad una riduzione annua della parte variabile della tariffa proporzionale alla quantità di rifiuti che dimostrino di aver avviato al riciclo. 

La riduzione fruibile, determinata dal rapporto fra la quantità avviata a riciclo e la quantità prodotta, è riassunta nella seguente tabella: 

Quantità di rifiuti riciclati
Riduzioni Tari parte variabile
dal 10% al 30% 10%
dal 30,01% al 50%
30%
dal 50,01% al 70% 40%
dal 70,01% al 90% 50%
dal 90,01% al 100%
60%

La richiesta di riduzione deve essere presentata entro il 28 febbraio dell'anno successivo e deve essere corredata da: 

  • Copia del MUD (modello unico di dichiarazione) per le attività obbligate a presentarlo e autocertificazione delle quantità di rifiuti avviati a riciclo, 
  • Formulari di identificazione del rifiuto, 
  • Fatture relative al conferimento dei rifiuti; 
  • Bollettini di pagamento della TARI 
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza della modalità di pagamento gratuita prevista dal TQRIF.
Modello Semplificato F24
Gratuita
FINO AI PAGAMENTI RELATIVI ALL'ANNO 2020
PagoPA
Costi dipendenti dal prestatore di servizio scelto

MODALITA' DI PAGAMENTO TARI:

Il pagamento della TARI dovrà avvenire esclusivamente tramite PAGOPA, un nuovo strumento che consente ai cittadini di effettuare i pagamenti a favore della Pubblica Amministrazione in modalità elettronica offrendo l’opportunità di scegliere il Prestatore del Servizio di Pagamento (PSP) e il canale tecnologico di pagamento preferito.

A casa di ogni contribuente verranno inviati dei nuovi bollettini che sostituiscono i precedenti modelli F24 e dovranno essere utilizzati per i pagamenti attraverso i canali fisici e/o on line di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento.

Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all'anno in corso
Rata
Entro il
%
1° RATA - UTENZE DOMESTICHE
30/06/2022
50,00%
2° RATA - UTENZE NON DOMESTICHE
03/12/2022
50,00%

UTENZE NON DOMESTICHE:

In considerazione dell'emergenza COVID-19 e delle conseguenti difficoltà per le attività produttive dal 2020 le Utenze non Domestiche sono tenute solo al pagamento della prima rata entro il 30/06. A seguito di presentazione di istanza comprovante la riduzione dell'attività lavorativa dovuta all'Emergenza Covid-19 le Utenze non Domestiche non sono tenute al pagamento della seconda rata. 

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l'indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l'utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell'importo dovuto

OMESSO O INSUFFICIENTE PAGAMENTO DELLA TARI:

In caso di omesso o insufficiente versamento risultante dalla dichiarazione, si applica la sanzione del trenta per cento di ogni importo non versato. La medesima sanzione si applica in ogni ipotesi di mancato pagamento nel termine previsto. 

Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione, oltre alle riduzioni previste per il ravvedimento dal comma 1 dell'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, se applicabili, è ulteriormente ridotta ad un importo pari ad un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo.

Al contribuente che non versi alle prescritte scadenze le somme indicate nell’invito di pagamento è notificato, anche a mezzo raccomandata A.R. e a pena di decadenza entro il 31 dicembre del quinto anno successivo all’anno per il quale il tributo è dovuto, avviso di accertamento per omesso o insufficiente pagamento. L’avviso indica le somme da versare in unica rata entro sessanta giorni dalla ricezione, con addebito delle spese di notifica, e contenente l’avvertenza che, in caso di inadempimento, si applicherà la sanzione per omesso pagamento di cui all’articolo 35, comma 1, oltre agli interessi di mora, e si procederà alla riscossione coattiva con aggravio delle spese di riscossione. La riscossione coattiva è effettuata mediante gli strumenti di legge.

OMESSA DICHIARAZIONE:

Per l’omessa presentazione della dichiarazione si applica la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento del tributo dovuto, con un minimo di 51,65 euro.

DICHIARAZIONI ERRATE O INFEDELI:

Se la dichiarazione è infedele si applica la sanzione amministrativa del cinquanta per cento della maggiore imposta dovuta. Se l’omissione o l’errore attengono ad elementi non incidenti sull’ammontare dell’imposta, si applica la sanzione amministrativa da euro 51,65 ad euro 258,23. La stessa sanzione si applica per le violazioni concernenti la mancata esibizione o trasmissione di atti e documenti.

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all'utente o alle caratteristiche dell'utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rettifica degli importi addebitati, liberamente accessibile e scaricabile, nonché le tempistiche e le modalità di rettifica degli importi non dovuti da parte del gestore.

SEGNALAZIONE ERRORI IMPORTI TARI:

In caso di errori nella determinazione degli importi addebitati e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa è possibile presentare la dichiarazione di variazione e/o richieste di ricalcolo/annullamento o rimborso.

Le richieste possono essere presentate secondo le seguenti modalità:

  • Consegnandone copia presso l'Ufficio Protocollo negli orari di apertura degli Uffici Comunali: lun-mer-gio-ven dalle 9 alle 12; martedì dalle 14 alle 18 e 1° e 3° sabato dalle 9 alle 12. 
  • Inviandoli tramite mail all'indirizzo segreteria@comune.cavenagodadda.lo.it corredata da copia fotostatica del documento d'identità del dichiarante o tramite pec all'indirizzo comune.cavenagodadda@pec.regione.lombardia.it
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

VUOI RICEVERE LA TARI E LE COMUNICAZIONI AD ESSA RELATIVE VIA MAIL?

I contribuenti che fossero interessati alla ricezione degli avvisi di pagmento TARI a mezzo posta elettronica e/o PEC (purché siano già regolarmente iscritti nella banca dati TARI del Comune di Cavenago d'Adda) potranno iscriversi al sevizio gratuito inviando una mail all'indirizzo segreteria@comune.cavenagodadda.lo.it compilando il "Modulo richiesta invio Tari" sottostante.

Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell'Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti
I recapiti telefonici per il servizio di pronto intervento, gli interventi di competenza del gestore, con indicazione di quelli che possono essere attivati direttamente dall'utente, secondo quanto previsto dall'articolo 52 del TQRIF.

RECAPITO PER SERVIZIO DI PRONTO INTERVENTO:

Il gestore della raccolta, Linea Gestioni, ha messo a disposizione del Comune un numero di pronto intervento attivo h24 per la rimozione di rifiuti abbandonati. Per attivare la richiesta è necessario contattare l’Ufficio Unico di Polizia Locale allo 0371 449831.

Il posizionamento della gestione nell'ambito della matrice degli schemi regolatori, di cui all'Articolo 3 del TQRIF.
Il Comune di Cavenago d'Adda è collocato all'interno dello Schema regolatore I


Gli standard generali di qualità di competenza del gestore ai sensi del TQRIF, ivi inclusi gli eventuali standard aggiuntivi o migliorativi individuati dall'Ente territorialmente competente e il grado di rispetto di tali standard, con riferimento all'anno precedente.
Gli standard generali di qualità non si applicano ai gestori del servizio integrato della gestione dei rifiuti inquadrati nello SCHEMA 1 della matrice degli schemi regolatori predisposta dall'Autorità di Regolazione per l'energia Reti e Ambiente-ARERA con Deliberazione n. 15/2022 "Regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani" (c.d. TQRIF).
La tariffa media applicata alle utenze domestiche e l'articolazione dei corrispettivi applicati alle utenze domestiche e non domestiche.

ARTICOLAZIONE DEI CORRISPETTIVI APPLICATI ALLE UTENZE DOMESTICHE:

Nucleo familiare

Quota fissa

(€/mq/anno)

Quota variabile

(€/persona)

Quota variabile

(€/nucleo)

1 componente

0,2525

41,97

41,97

2 componenti

0,2946

48,96

97,93

3 componenti

0,3246

41,97

125,91

4 componenti

0,3487

38,47

153,89

5 componenti

0,3727

40,57

202,85

6 o più componenti

0,3907

39,64

237,83 per sei persone

Per nuclei superiori a 6 componenti aggiungere una quota variabile per ogni componente oltre i sei

ARTICOLAZIONE DEI CORRISPETTIVI APPLICATI ALLE UTENZE NON DOMESTICHE:

Categorie di attività

Quota fissa

(€/mq/anno)

Quota variabile

(€/mq/anno)

Quota totale

(€/mq/anno)

1

Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto

0,3057

0,6956

1,0013

2

Campeggi, distributori carburanti

0,8800

0,5900

1,4700

3

Stabilimenti balneari

0,6000

0,4100

1,0100

4

Esposizioni, autosaloni

0,2693

0,6199

0,8892

5

Alberghi con ristorante

1,43

0,9700

2,400

6

Alberghi senza ristorante

1,0200

0,6900

1,7100

7

Case di cura e riposo

0,7134

1,6387

2,3521

8

Uffici, agenzie

0,7789

1,7921

2,5710

9

Banche, istituti di credito e studi professionali

0,4149

0,9492

1,3642

10

Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta ed altri beni durevoli

0,7207

1,6612

2,3818

11

Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze

0,9463

2,1747

3,1210

12

Attività artigianali tipo botteghe (falegname, idraulico, fabbro, elettricista, parrucchiere)

0,6406

1,473

2,1136

13

Carrozzeria, autofficina, elettrauto

0,7571

1,7430

2,5001

14

Attività industriali con capannoni di produzione

0,4877

1,1252

1,6129

15

Attività artigianali di produzione beni specifici

0,5969

1,3727

1,9696

16

Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie

3,5233

10,2862

13,8095

17

Bar, caffè, pasticceria

2,6497

8,3161

10,9658

18

Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari

1,5069

3,4758

4,9826

19

Plurilicenze alimentari e/o miste

2,480

1,6700

4,1500

20

Ortofrutta, pescherie, fiori e piante

4,4114

13,8418

18,2531

21

Discoteche, night club

1,60

1,0800

2,6800




Modalità e termini per l'accesso alla rateizzazione degli importi.

RATEIZZAZIONE DEGLI IMPORTI TARI:

Viene garantita la possibilità di ulteriore rateizzazione di ciascuna delle rate della Tassa Rifiuti: 
a) agli utenti che dichiarino mediante autocertificazione ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 445/00 di essere beneficiari del bonus sociale per disagio economico previsto per i settori elettrico e/o gas e/o per il settore idrico; 
b) a ulteriori utenti che si trovino in condizioni economiche disagiate;
c) qualora l’importo addebitato superi del 30% il valore medio riferito ai documenti di riscossione emessi negli ultimi due (2) anni. 
La richiesta di ulteriore rateizzazione da parte dell’utente che ne ha diritto deve essere presentata entro la scadenza del termine di pagamento riportato nel documento di riscossione. 
Le somme relative ai pagamenti delle ulteriori rate possono essere maggiorate: 
a) degli interessi di dilazione non superiori al tasso di riferimento fissato dalla Banca Centrale Europea; 
b) degli interessi di mora previsti dalla vigente normativa solo a partire dal giorno di scadenza del termine prefissato per il pagamento rateizzato. 
Gli interessi di dilazione non possono essere applicati qualora l’importo addebitato superi del 30% il valore medio riferito ai documenti di riscossione emessi negli ultimi due (2) anni, a causa di prolungati periodi di sospensione dell’emissione di documenti di riscossione per cause imputabili al gestore. 

ART. 21 - REGOLAMENTO ENTRATE GENERALI:

In caso di gravi calamità naturali o emergenze sanitarie, la sospensione o il differimento dei termini ordinari di versamento delle risorse di entrata può essere disposta con apposito provvedimento motivato adottato del Sindaco. 
Su richiesta del contribuente, nella ipotesi di una motivata e obiettiva situazione di difficoltà, può essere concessa, dal funzionario responsabile dell’entrata, la ripartizione del pagamento delle somme dovute, anche a titolo di sanzioni ed interessi, secondo un piano rateale predisposto dall’Ufficio e firmato per accettazione dal contribuente, che si impegna a versare le somme dovute secondo le indicazioni contenute nel suddetto piano, esibendo le ricevute dei singoli versamenti non appena effettuati. 
La dilazione di pagamento può arrivare ad un massimo di settantadue rate, secondo lo schema seguente: 
a) fino a euro 100,00 nessuna rateizzazione; 
b) da euro 100,01 a euro 500,00 fino a quattro rate mensili; 
c) da euro 500,01 a euro 3.000,00 da cinque a dodici rate mensili; 
d) da euro 3.000,01 a euro 6.000,00 da tredici a ventiquattro rate mensili; 
e) da euro 6.000,01 a euro 20.000,00 da venticinque a trentasei rate mensili; 
f)  oltre euro 20.000,00 da trentasette a settantadue rate mensili. 
In caso di mancato pagamento di due rate, anche non consecutive, nei termini indicati senza che sia stata fornita adeguata motivazione, il debitore decade automaticamente dal beneficio della rateazione ed al Comune è attribuita la facoltà di esigere il versamento immediato dell’intero 
importo non ancora pagato in un’unica soluzione. 
Se l’importo oggetto di rateazione è superiore ad € 6.000,00, l’ufficio può richiedere, in casi di dubbia esigibilità, la costituzione di un deposito cauzionale, sotto forma di polizza fidejussoria o bancaria, rilasciati da primaria azienda di credito o di assicurazione, sulle somme in scadenza dopo la prima rata, che copra l’importo totale dovuto, comprensivo di sanzioni ed interessi, ed avente termine un anno dopo la scadenza dell’ultima rata.  
La fideiussione deve contenere clausola di pagamento entro trenta giorni a semplice richiesta del Comune, con l’esclusione del beneficio della preventiva escussione, e deve essere consegnata contestualmente alla sottoscrizione del provvedimento di rateizzazione.

In caso di impossibilità per il contribuente di ottenere il rilascio di garanzia a copertura della rateizzazione, la decisione in ordine alla possibilità di accordare comunque la dilazione di pagamento deve essere assunta dalla Giunta comunale, con apposito provvedimento, in cui vengano giustificate le ragioni dell’accoglimento dell’istanza avanzata dal debitore.  La Giunta comunale ha altresì la possibilità di accordare rateizzazioni per durate maggiori rispetto a quelle previste dal presente articolo, con apposito provvedimento, in cui vengano giustificate le ragioni della maggiore dilazione di pagamento accordata al debitore. 

Modalità e termini per la presentazione delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio.

DICHIARAZIONE INIZIALE TARI:

La dichiarazione deve essere presentata da chiunque, persona fisica o giuridica, possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, esistenti nel territorio comunale a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani o ad essi assimilati. Una volta presentata, l'Ufficio Tributi si occuperà di consegnare direttamente la fornitura annuale dei sacchetti ed eventualmente i contenitori per umido e vetro per uso domestico. 

Dall'anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione la fornitura annuale dei sacchetti verrà consegnata mediante distribuzione annuale.

La distribuzione è organizzata annualmente nel cortile del Municipio e al Centro Sole di Caviaga per le frazioni e ne viene data debita conoscenza tramite affissioni di manifesti in tutti gli esercizi commerciali del Paese e pubblicazione online. 

DICHIARAZIONE DI VARIAZIONE:

La dichiarazione di variazione deve contenere gli elementi identificativi del contribuente nonché l'indicazione di tutte le variazioni intervenute rispetto alla dichiarazione precedente.

DICHIARAZIONE DI CESSAZIONE:

La cessazione del possesso, conduzione o detenzione dei locali e delle aree costituenti presupposto di applicazione del tributo, deve essere comunicata dal contribuente mediante apposita dichiarazione che deve essere presentata secondo le modalità della dichiarazione iniziale con l'indicazione della data di cessazione del possesso, conduzione o detenzione.

DICHIARAZIONE DI NON UTILIZZO DELL'IMMOBILE:

Qualora si possieda un immobile sito nel Comune di Cavenago d'Adda privo di arredi e di utenze attive è possibile richiedere l'esenzione dal pagamento della tassa rifiuti comprovando il non utilizzo dell'immobile. L'inutilizzo dell'immobile deve essere comunicato dal contribuente mediante apposita dichiarazione che deve essere presentata secondo le modalità già previste per la dichiarazione iniziale con l'indicazione della data di chiusura delle utenze.

DICHIARAZIONE DI USCITA DAL SERVIZIO PUBBLICO - SOLO PER UTENZE NON DOMESTICHE

Le utenze non domestiche possono conferire al di fuori del servizio pubblico i propri rifiuti urbani, previa dimostrazione di averli avviati a recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi. Per le utenze non domestiche di cui al comma 2 la scelta di avvalersi di operatori privati diversi dal gestore del servizio pubblico deve essere effettuata per un periodo non inferiore a cinque anni, salva la possibilità per il gestore del servizio pubblico, dietro 19 richiesta dell'utenza non domestica, di riprendere l'erogazione del servizio anche prima della scadenza quinquennale. 

Le utenze non domestiche che intendono avvalersi di tale facoltà devono darne comunicazione entro il 30 giugno di ciascun anno, con effetti a decorrere dal 1° gennaio dell’anno successivo. Qualora la comunicazione non venga rinnovata verrà intesa quale scelta dell’utenza non domestica di avvalersi del servizio pubblico.

Entro il 28 febbraio di ciascun anno l’utenza non domestica che ha conferito a recupero i propri rifiuti urbani al di fuori del servizio pubblico deve comunicare al Comune. – i quantitativi dei rifiuti urbani avviati autonomamente a recupero nell’anno precedente che dovrà essere uguale o superiore al totale dei rifiuti prodotti dell’anno precedente l’uscita e desumibili dal MUD o dagli appositi formulari di identificazione dei rifiuti allegando attestazione rilasciata dal soggetto (o dai soggetti) che ha effettuato l'attività di recupero dei rifiuti stessi, che dovrà contenere anche i dati dell’utenza cui i rifiuti si riferiscono e il periodo durante il quale ha avuto luogo l’operazione di recupero.

MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI:

Le istanze possono essere presentate utilizzando i moduli allegati diversificati per le utenze domestiche e quelle non domestiche:

  • Consegnandole presso l'Ufficio Protocollo negli orari di apertura degli Uffici Comunali: lun-mer-gio-ven dalle 9 alle 12; martedì dalle 14 alle 18 e 1° e 3° sabato dalle 9 alle 12. 
  • Inviandola tramite mail all'indirizzo segreteria@comune.cavenagodadda.lo.it corredata da copia fotostatica del documento d'identità del dichiarante o tramite pec all'indirizzo comune.cavenagodadda@pec.regione.lombardia.it