Trasparenza Rifiuti Castel Sant'Elia

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Castel Sant'Elia

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Castel Sant'Elia

Logo Anutel

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’odine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie
Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio strade
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione
Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Attualmente il Comune di Castel Sant'Elia non ha una carta della qualità del Servizio
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
ZONA 1
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

LUNEDI
MARTEDI
MERCOLEDI
GIOVEDI
VENERDI
SABATO
Via Umberto I,
Via Umberto I
Via Umberto I,
Via Umberto I
Via Umberto I,
Via Umberto I,
Via Verdi
Via Farnese
Via Verdi
Via Farnese
Via Verdi
marciapiedi di  Via Roma 
Via Martellini
Piazza Doebbing
Via Martellini
Piazza Doebbing
Via Martellini
Parco di Via Roma
Piazza Margherita
Via Sant'Anna
Piazza Margherita
Via Sant'Anna
Piazza Margherita
Giardino Palazzo Petretti
Via Vittorio Emanuele
Piazza Sant'Anna
Via Vittorio Emanuele
Piazza Sant'Anna
Via Vittorio Emanuele

Piazza D’Azeglio
Via Carceri
Piazza D’Azeglio
Via Carceri
Piazza D’Azeglio

Via Rupi
Via Mura
Via Rupi
Via Mura
Via Rupi

Piazza Sant’Antonio
Via Dell'Asilo
Piazza Sant’Antonio
Via Dell'Asilo
Piazza Sant’Antonio

Via Sant’Antonio
Via Forno Vecchio
Via Sant’Antonio
Via Forno Vecchio
Via Sant’Antonio

Piazza Rossini
Via Cancelleria Vecchia
Piazza Rossini
Via Cancelleria Vecchia
Piazza Rossini

Piazza Roschini
Vicolo della Chiesa
Piazza Roschini
Vicolo della Chiesa
Piazza Roschini

Via Toscanini
Via Mascherone
Via Toscanini
Via Mascherone
Via Toscanini

Via della Vignaccia
Via del Torrione
Via della Vignaccia
Via del Torrione
Via della Vignaccia

 
Via Pergola
 
Via Pergola
 

 
Via Porta Vecchia
 
Via Porta Vecchia
 

 
Via Sant'Elia
 
Via Sant'Elia
 

 
 
 
 
 

                     
ZONA 2
 
 
 
 

 
 
 
 
 

LUNEDI
MARTEDI
MERCOLEDI
GIOVEDI
VENERDI
SABATO
Via Santuario
Via Civita Castellana
Via Cascine
Via Santuario
Via Civita Castellana
Via Cascine
Via Cascine
Via De Placidi
Via Santuario
Via Cascine
Via De Placidi
Via Santuario
Via De Carolis
Via Mafalda di Savoia
Via Saetta
Via De Carolis
Via Mafalda di Savoia
Via Saetta
Largo san Sebastiano
Via Bandita
Via Sorelle Riccitelli
Largo san Sebastiano
Via Bandita
Via Sorelle Riccitelli
Via Sant'Elia
Via Enrico De Nicola
Via Einaui
Via Sant'Elia
Via Enrico De Nicola
Via Einaui
Zona Gretelle:
Via Rita Levi Montalcini
Via Segni
Zona Gretelle:
Via Rita Levi Montalcini
Via Segni
Via Pizzo della Merla 
Via Peppino Impastato
Via Donatori Di Sangue
Via Pizzo della Merla 
Via Peppino Impastato
Via Donatori Di Sangue
Via Leonello Graziani
Via Saragat
Via Rio Vicano
Via Leonello Graziani
Via Saragat
Via Rio Vicano
Largo Filipponi
Via Vignali
 
Largo Filipponi
Via Vignali

Area Focarone
 
 
Area Focarone
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

                     
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Utenza domestica con 4 occupanti
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Bar, caffè pasticceria di 60mq
Per un'utenza Non domestica di 60mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Le tariffe per l'anno 2020 dovranno essere approvate dal Consiglio Comunale. Gli esempi sono elaborati sulle tariffe applicate nel 2019 come da tabelle allegate.
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 848,42 t
Cluster: Comuni con basso livello di benessere con localizzazione in zone pianeggianti lungo tutto il territorio nazionale - € 22,603088
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 63,88%
Fattori di contesto del comune: € 57,07246
Economie e diseconomie di scala: € 1,668343
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 3
Impianti di trattamento meccanico biologico: 10
Discariche: 5
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 54,604 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 14,25%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 6,79%
Rifiuti smaltiti in discarica: 15,39%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Le riduzioni attualmente previste sono quelle riportate nella sezione Tari del regolamento Iuc attualmente vigente ai seguenti articoli:

ART. 40

RIDUZIONI ED ESENZIONI PER LE UTENZE DOMESTICHE

 

1.      Ai sensi dell’art. 1, comma 659, della Legge 27/12/2013, n. 147, la tariffa del tributo è ridotta nelle seguenti ipotesi:

a.       Abitazione con unico occupante nella quale ha la propria residenza anagrafica con superficie superiore a 35 mq: riduzione del 10%

b.      abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più di sei mesi all’anno all’estero: riduzione del 20%;

c.       Fabbricati rurali abitativi, utilizzati da imprenditori agricoli: riduzione del 20% della quota variabile di tariffa

2.      Le riduzioni tariffarie sopra indicate competono a richiesta dell’interessato e decorrono dall’anno successivo a quello della richiesta, salvo che non siano domandate contestualmente alla dichiarazione di inizio possesso/detenzione o di variazione tempestivamente presentata, nel cui caso hanno la stessa decorrenza della dichiarazione. Il contribuente è tenuto a dichiarare il venir meno delle condizioni che danno diritto alla loro applicazione entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione di variazione. Le riduzioni cessano comunque alla data in cui vengono meno le condizioni per la loro fruizione, anche se non dichiarate.

 

ART. 41

RIDUZIONE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DA PARTE DELLE UTENZE DOMESTICHE

 

1.    Per le utenze domestiche che provvedono a smaltire in proprio gli scarti compostabili mediante compostaggio domestico è prevista una riduzione forfetari di € 20,00 della quota variabile della tariffa del tributo, mediante presentazione di apposita istanza, entro il 28 febbraio, nella quale si attesta che verrà praticato il compostaggio domestico in modo continuativo, corredata dalla documentazione attestante l’acquisto dell’apposito contenitore. Suddetta istanza sarà valida anche per gli anni successivi, purché non siano mutate le condizioni, con obbligo per il soggetto passivo di comunicare al Comune la cessazione dello svolgimento dell’attività di compostaggio. Con la presentazione della sopra citata istanza il medesimo autorizza altresì il Comune a provvedere a verifiche, anche periodiche, al fine di accertare la reale pratica di compostaggio.

2.    Per le utenze che usufruiscono di tale riduzione non potrà essere effettuato il ritiro differenziato degli scarti organici.

 

ART. 42

RIDUZIONE PER LE UTENZE NON DOMESTICHE NON STABILMENTE

ATTIVE

 

1.      In relazione al disposto dell’art. 7, comma 3, del D.P.R. n. 158/1999, si definiscono “Utenze non domestiche non stabilmente attive” quelle utilizzate per lo svolgimento di attività stagionali o comunque per un periodo, anche non continuativo, non superiore a 100 giorni l’anno.

2.      Alle utenze attive per un periodo, anche non continuativo, fino a 100 giorni l’anno, è applicata la tariffa in misura proporzionale con un minimo di 60 (sessanta) giorni. L’agevolazione viene concessa, a richiesta su appositi modelli messi a disposizione dall’ufficio comunale.

3.      Il contribuente è tenuto a dichiarare il venir meno delle condizioni che danno diritto alla sua applicazione entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione di variazione. La stessa cessa comunque alla data in cui vengono meno le condizioni per la sua fruizione, anche se non dichiarate.

ART. 43

ALTRE AGEVOLAZIONI

 

1. La tariffa si applica in misura ridotta alle utenze che si trovano nelle seguenti condizioni:

a) Locali delle abitazioni condotti o comunque occupati da nuclei familiari nei quali vi sia la presenza di un portatore di handicap (riconosciuto ai sensi dell’art.3 comma 3 della legge 05/05/1992 n.104 ed indipendentemente dall’età dei componenti del nucleo familiare), la tassa applicata in base alla tariffa in vigore sarà ridotta del 20% nella parte fissa e nella parte variabile.

2. Le riduzioni di cui al comma precedente si applicano dalla data di effettiva sussistenza delle condizioni di fruizione se debitamente dichiarate e documentate nei termini di presentazione della dichiarazione iniziale o di variazione o, in mancanza, dalla data di presentazione della relativa dichiarazione.

3. Le riduzioni di cui al presente articolo cessano di operare alla data in cui ne vengono meno le condizioni di fruizione, anche in mancanza della relativa dichiarazione.

 

 

ART. 44

CUMULO DI RIDUZIONI

 

1.      Qualora si rendano applicabili più riduzioni o agevolazioni, il contribuente può fruirne al massimo di due, tra quelle più favorevoli.

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Le scadenze di pagamento per l'anno 2020 saranno definite dal Consiglio Comunale con l'approvazione delle tariffe.
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

      In caso di mancato o parziale versamento dell’importo richiesto alle prescritte scadenze, il Comune provvede alla notifica, anche mediante servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno o posta elettronica certificata, di un sollecito di versamento, contenente le somme da versare in unica soluzione entro il termine ivi indicato. In mancanza, si procederà alla notifica dell’avviso di accertamento d’ufficio o in rettifica, con irrogazione delle sanzioni previste dall’art. 1, comma 695 della Legge 27/12/2013, n. 147 e l’applicazione degli interessi di mora.

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile
Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Gli utenti in possesso di casella di posta elettronica certificata possono richiedere all'Ufficio Tributi che i documenti di riscossione vengano trasmessi con questo mezzo.