Trasparenza Rifiuti Besozzo
Trasparenza Rifiuti Besozzo

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Besozzo

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Besozzo

Logo Anutel
Trasparenza Rifiuti Besozzo

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie.

AVVISI

Nuovi orari centro raccolta dal 01/07/2020

Apertura centro raccolta senza prenotazione

Si informa la cittadinanza che a partire dal 01/07/2020 si potrà accedere al Centro Raccolta senza prenotazione.

GIORNI ED ORARI APERTURA:

  • LUNEDI' dalle 14.00 alle 17.00
  • MARTEDI' CHIUSO
  • MERCOLEDI' dalle 10.00 alle 12.00 SOLO PER AZIENDE
  • GIOVEDI' CHIUSO
  • VENERDI' dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00
  • SABATO dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00

Sarà possibile conferire: Verde, RAEE, Plastica, Vetro, Ferro, Legno, Ingombranti, Laterizi.

Si ricorda che:

  • potrà accedere al Centro Raccolta una sola persona con guanti e mascherina
  • Il materiale da conferire dovrà essere opportunamente differenziato prima di accedere al Centro raccolta

Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti - Lavaggio strade
Raccolta e trasporto rifiuti
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Tariffe e rapporti con gli utenti - Lavaggio strade

Per informazioni sul servizio svolto nel comune (orari e giorni di raccolta, orari di apertura del centro di raccolta) si prega di visitare il Sito della Convenzioni Rifiuti Sesto, raggiungibile cliccando sul pulsante sottostante


Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile
Pagina in costruzione
Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione

Il Calendario Ecologico in formato cartaceo è distribuito annualmente ai cittadini con il kit di raccolta differenziata.


Il formato digitale del Calendario Ecologico annuale è reperibile sulla app 'Convenzione Rifiuti Sesto' liberamente scaricabile dagli store di Apple e Android.


Il calendario ecologico, le informazioni sulle modalità di raccolta dei rifiuti e sui prossimi ritiri e le informazioni su orari e rifiuti conferibili al Centro di Centro di Raccolta sono reperibili sul sito della Convenzione Rifiuti ai link sotto riportati.

Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta

Al momento non sono previste campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani oppure nuove aperture o chiusure di centri di raccolta

Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto

Le informazioni generali per il corretto conferimento dei rifiuti urbani si possono trovare sul link della convenzione rifiuti, nella sezione Dove Lo Butto, dove si può trovare un motore di ricerca che, inserendo il nominativo del rifiuto fornisce l'indicazione sulla frazione di rifiuti in cui conferirlo.

 

In alternativa è disponibile l'opuscolo informativo 'Dizionario dei Rifiuti' scaricabile al seguente link

Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Pagina in costruzione
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso

I dati della raccolta differenziata  degli anni successivi a quelli sopra riportati si possono scaricare al seguente link

Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta

Il servizio di spazzamento stradale, compatibilmente con le condizioni meteo viene svolto per zone del territorio secondo una programmazione predefinita

Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
Abitazione 3 componenti da 100 mq
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 4,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Immobile a disposizione
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 4,00% % e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 3.849,83 t
Cluster: Comuni con medio-alto livello di benessere e attrazione economica localizzati nelle zone pianeggianti del nord-est - € 0
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 76,18%
Fattori di contesto del comune: € 47,5373
Economie e diseconomie di scala: € 0,36008
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 19
Impianti di trattamento meccanico biologico: 8
Discariche: 5
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 25,582 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 49,8%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 33,26%
Rifiuti smaltiti in discarica: 5,05%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Nelle zone in cui non è effettuata la raccolta, la TARI è dovuta in misura del 40 per cento della tariffa da determinare, quando il più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita risulta superiore a mt 500, da calcolarsi in base al tragitto pedonale intercorrente fra l’esterno dell’insediamento sino al più vicino punto di raccolta.


Per la sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti in Italia e iscritti all’AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, non locata ovvero non concessa in comodato d’uso, la TARI viene applicata in misura ridotta di 2/3.


Regolamento TARI o regolamento per l’applicazione di una tariffa di natura corrispettiva
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
30/07/2020
29,00%
2° rata
30/09/2020
29,00%
3° rata
16/12/2020
42,00%
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

SANZIONI - ARTICOLO 10


1. In caso di omesso o insufficiente versamento della IUC risultante dalla dichiarazione, si applica la sanzione del 30 per cento di cui all'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471.

2. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, si applica la sanzione dal 100 per cento al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro.

3. In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro.

4. In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario di cui al comma 693 dello articolo 1 della legge di stabilità 2014, entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione da euro 100 a euro 500.

5. Le sanzioni di cui ai commi 1, 2 e 3 sono ridotte ad un terzo se, entro il termine per la proposizione del ricorso, interviene acquiescenza del contribuente, con pagamento del tributo, se dovuto, della sanzione e degli interessi.

6. Oltre alle cause di non punibilità previste dallo articolo 6 del D. Lgs. n,. 472/97 ,non sono irrogate sanzioni né richiesti interessi moratori al contribuente, qualora egli si sia conformato a indicazioni contenute in atti dell'amministrazione finanziaria, ancorché successivamente modificate dall'amministrazione medesima, o qualora il suo comportamento risulti posto in essere a seguito di fatti direttamente conseguenti a ritardi, omissioni od errori dell'amministrazione stessa.

7. Le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione della norma tributaria o quando si traduce in una mera violazione formale senza alcun debito di imposta; in ogni caso non determina obiettiva condizione di incertezza la pendenza di un giudizio in ordine alla legittimità della norma tributaria.

8. Nell’adempimento tardivo ma spontaneo, effettuato oltre il tempo stabilito per il ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del D.Lgs.n. 472/97, le sanzioni sono applicate nella misura doppia prevista dal predetto articolo 13.


INTERESSI - ARTICOLO 14


1. La misura annua degli interessi è determinata nella misura del tasso di interesse legale. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili. Interessi nella stessa misura spettano al contribuente per le somme ad esso dovute a decorrere dalla data dell'eseguito versamento.

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

RIMBORSI - ARTICOLO 13

1. Il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione. Il Comune provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell'istanza


COMPENSAZIONI - ARTICOLO 16

1. I contribuenti possono compensare le somme a credito con quelle dovute al comune a titolo di tributi locali, previo riconoscimento del credito da parte del funzionario Responsabile.


DICHIARAZIONE DI INIZIO, VARIAZIONE E CESSAZIONE - ARTICOLO 47

1. I soggetti passivi del tributo devono dichiarare ogni circostanza rilevante per l’applicazione del tributo e in particolare l’inizio, la variazione o la cessazione dell’utenza.

2. Le utenze domestiche residenti non sono tenute a dichiarare il numero dei componenti la famiglia anagrafica e la relativa variazione.

3. La dichiarazione deve essere presentata:

a) per le utenze domestiche: dall’intestatario della scheda di famiglia nel caso di residenti e nel caso di non residenti dall’occupante a qualsiasi titolo;

b) per le utenze non domestiche, dal soggetto legalmente responsabile dell’attività che in esse si svolge;

c) per gli edifici in multiproprietà e per i centri commerciali integrati, dal gestore dei servizi comuni. 26


4. Se i soggetti di cui al comma precedente non vi ottemperano, l’obbligo di dichiarazione deve essere adempiuto dagli eventuali altri occupanti, detentori o possessori, con vincolo di solidarietà. La dichiarazione presentata da uno dei coobbligati ha effetti anche per gli altri.

5. La dichiarazione Tari deve essere presentata entro 30 giorni dalla data di inizio, cessazione del possesso, dell'occupazione o della detenzione dei locali e delle aree.

6. Nel caso di occupazione in comune di un fabbricato, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti.

7. Il modello di dichiarazione è reso disponibile presso gli uffici del Comune, ovvero è scaricabile dal sito istituzionale comunale www.comune.besozzo.va.it sotto la voce modulistica; tale modello, debitamente compilato e firmato, deve essere consegnato a mano all’ufficio protocollo del Comune, che rilascerà ricevuta, oppure spedito per raccomandata con avviso di ricevimento oppure trasmesso tramite PEC all’indirizzo: comune.besozzo.va@halleycert.it con allegato la fotocopia di un documento di riconoscimento.

8. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo; in tal caso, la dichiarazione va presentata entro il termine di cui al comma 5.

9. La dichiarazione di cessata occupazione/detenzione o possesso dei locali o delle aree deve essere presentata dal dichiarante originario o dai soggetti conviventi entro 30 giorni dalla cessazione, con l’indicazione di tutti gli elementi atti a comprovare la stessa. In tale ipotesi il contribuente ha diritto all’abbuono o al rimborso del tributo relativo alla restante parte dell’anno dal giorno successivo a quello in cui si è verificata la cessazione.

10. In caso di mancata presentazione della dichiarazione nel corso dell’anno di cessazione il tributo non è dovuto se il contribuente dimostra di non aver continuato l’occupazione, la detenzione o il possesso dei locali e delle aree ovvero se il tributo è stato assolto dal soggetto subentrante a seguito di dichiarazione o in sede di recupero d’ufficio.

11. Nel caso di decesso del contribuente, i familiari conviventi o gli eredi dello stesso, dovranno provvedere alla presentazione della dichiarazione di cessazione entro la fine dell’anno in cui si è verificato il decesso o entro il termine di cui al precedente comma 10, se più favorevole.

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
Per richiedere la ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico, si prega cortesemente di contattare l'Ufficio Tributi per comunicare un indirizzo di posta elettronica valido e ricevere i dettagli sulla procedura d'attivazione del servizio.