Trasparenza Rifiuti Asti

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Asti

Logo Anutel

Portale di Trasparenza per la Gestione Rifiuti

Comune di Asti

Logo Anutel

INFO

Questa è la sezione del sito dell’Ente dedicata al rispetto degli obblighi di trasparenza tramite siti internet previsti dall’articolo 3 del TESTO INTEGRATO IN TEMA DI TRASPARENZA (TITR) allegato alla deliberazione ARERA n. 444/2019. Il comma 3.1 prevede un elenco di informazioni che devono essere riportate suddiviso in lettere che vanno dalla a) alla s). Per favorire la chiara identificazione da parte degli utenti delle informazioni inerenti all’ambito territoriale in cui si colloca l’utenza, nonché la comprensibilità delle medesime informazioni la struttura segue pertanto l’ordine dettato da ARERA e a fianco di ogni voce è riportato il riferimento normativo cui l’Ente adempie

AVVISI

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) 2020

Si informa che la riscossione della TARI anno 2020 viene suddivisa in due fasi:

- la prima in acconto nella misura del 66,67% dell'importo dovuto applicando le tariffe dell'anno 2019, da versarsi in due rate alle seguenti scadenze: 16 luglio e 16 settembre 2020;

- la seconda a saldo/conguaglio da effettuarsi entro il 2 dicembre 2020 sulla base delle tariffe stabilite per l'anno 2020 approvate con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 27 luglio 2020. 

Gli avvisi di pagamento vengono inviati in tempo utile per il versamento.

Ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti
Tariffe e rapporti con gli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio/Spazzamento strade
Recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti
Raccolta e trasporto rifiuti - Lavaggio/Spazzamento strade

COMUNE DI ASTI - TARIFFE E RAPPORTI CON GLI UTENTI

Modalità di accesso all'ufficio Tassa Rifiuti (TARI)

A causa dell'emergenza COVID-19 che impone misure volte ad evitare situazioni  di assembramento nei locali e a garantire il distanziamento sociale, i servizi all'utenza vengono forniti mediante le seguenti modalità:

  • telefono: 0141/399969 - 399961 - 399762;
  • email: tributi.comuneasti@pec.it ;
  • qualora fosse necessaria una consulenza in presenza fisica allo sportello, il servizio sarà fornito esclusivamente su appuntamento da richiedere al n. 0141/399969.


ASP S.p.A. - RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI, LAVAGGIO E SPAZZAMENTO STRADE

Per informazioni e segnalazioni, cliccare sulle barre verdi che seguono:
Modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile

Si riportano in allegato:

- modulo per la richiesta di riesame avvisi di pagamento/solleciti di pagamento/avvisi di accertamento TARI da compilare, sottoscrivere e consegnare:

  • direttamente all'ufficio protocollo del Comune di Asti, sito in P.zza S. Secondo n. 1 - ASTI, negli orari di apertura al pubblico dal lunedì al  venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00;
  • mediante spedizione a mezzo posta all'ufficio Tributi del Comune di Asti - Largo Scapaccino n. 1 - 14100 ASTI;
  • mediante posta elettronica ordinaria o posta elettronica certificata all'indirizzo tributi.comuneasti@pec.it : in questo caso il modulo deve essere firmato e trasmesso in copia per immagine, unitamente al documento d'identità del sottoscrittore;

- link di ASP S.p.A. per modulistica e invio segnalazioni di reclami.


Cliccare sulle barre verdi che seguono:

Calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione

Tali informazioni sono pubblicate ai seguenti link di ASP S.p.A. (cliccare sulle barre verdi che seguono):


Informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta
Tali informazioni non sono al momento previste.
Istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto
Tali informazioni sono pubblicate ai seguenti link di ASP S.p.A. (cliccare sulle barre verdi che seguono):
Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile
Il documento è pubblicato al seguente link di ASP S.p.A. (cliccare sulla barra verde che segue):
Percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso
Calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta
Tali informazioni sono pubblicate al seguente link di ASP S.p.A. (cliccare sulla barra verde che segue):
Regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili
ABITAZIONE OCCUPATA DA 2 PERSONE PER TUTTO L'ANNO
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
ABITAZIONE OCCUPATA DA 2 PERSONE DAL 01 LUGLIO
Per un'utenza Domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 184 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
NEGOZIO DI ABBIGLIAMENTO OCCUPATO PER TUTTO L'ANNO
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:
NEGOZIO DI ABBIGLIAMENTO OCCUPATO DAL 01 SETTEMBRE
Per un'utenza Non domestica di 100mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 122 giorni, ammonta a , calcolato applicando:
Tariffa fissa:
Tariffa variabile:
Quota fissa:
Quota variabile:
Totale imposta:
Totale:

La  tassa sui rifiuti TARI è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati, con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse. Il tributo è dovuto dal giorno in cui ha avuto inizio il possesso o la detenzione dei locali ed aree e sussiste sino al giorno in cui ne è cessata l'utilizzazione, purchè debitamente e tempestivamente dichiarata. Ai fini dell'applicazione del tributo, la superficie tassabile è quella calpestabile.

Il tributo è corrisposto in base a tariffa commisurata ad anno solare. La tariffa del tributo è determinata sulla base dei criteri indicati dal regolamento di cui al D.P.R. 158/1999 disciplinante il metodo normalizzato. Essa è composta da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio e da una quota variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all'entità dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento. La tariffa è articolata nelle fasce di utenza domestica (abitazioni e relative pertinenze) e di utenza non domestica (attività), queste ultime a loro volta suddivise in categoria con omogenea potenzialità di produzione di rifiuti, riportate nel regolamento comunale di disciplina del tributo.

Le tariffe (quota fissa e quota variabile) da applicare alle utenze sono approvate annualmente dal Consiglio comunale in conformità al piano economico finanziario (PEF) relativo al servizio integrato di gestione dei rifiuti, ovvero un insieme di attività riguardanti lo spazzamento e il lavaggio strade, la raccolta e il trasporto, il trattamento, lo smaltimento e il recupero dei rifiuti, nonchè la gestione delle tariffe e dei rapporti con gli utenti. Nel nostro territorio queste attività sono svolte dai seguenti soggetti:

- Asti Servizi Pubblici S.p.A. (ASP S.p.A.) per le attività di spazzamento e lavaggio strade, raccolta e trasporto

- Gestione Ambientale Integrata dell'Astigiano (GAIA S.p.A.) per le attività di trattamento, smaltimento e recupero

- Comune di Asti - Servizio Gestione Tributi per la gestione delle tariffe e dei rapporti con gli utenti con applicazione del regime tributario TARI


Il calcolo dell'importo dovuto a titolo di TARI viene determinato come segue:

- per le utenze domestiche, il tributo è composto da una quota fissa, determinata moltiplicando la superficie tassabile dell'immobile per la specifica tariffa unitaria (€/mq), e da una quota variabile, legata solo al numero dei componenti il nucleo familiare;

- per le utenze non domestiche, il tributo è composto da una quota fissa e da una quota variabile entrambe calcolate moltiplicando la superficie tassabile del locale/area per le tariffe unitarie (€/mq), distinte in base alla categoria di appartenza dell'utenza.

Al totale della tassa si aggiunge il tributo per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell'ambiente (TEFA), stabilito nella misura del 5% dalla Provincia di Asti.

Le tariffe applicate negli esempi riportati sono quelle relative alla TARI anno 2020 approvate con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 27 luglio 2020, scaricabile nella sezione “3.1.l Atti approvazione tariffa” del presente portale di trasparenza per la gestione rifiuti. Le predette tariffe da applicare alle utenze domestiche e non domestiche sono state determinate in conformità al PEF redatto ai sensi del metodo tariffario servizio integrato di gestione dei rifiuti (MTR) di cui alla deliberazione dell'Autorità di Regolazione per Energia, Reti, Ambiente (ARERA) 443/2019/R/RIF pagina web ARERA.


A norma del regolamento comunale per la disciplina della TARI, scaricabile nella sezione "3.1.m Regolamento TARI" del presente portale di trasparenza per la gestione rifiuti, sono previste riduzioni tariffarie (artt. 20, 21, 22, 23 e 24) cosiddette "tipiche" definite  con tali poichè individuate dalla legge e direttamente collegate ad una minore produzione di rifiuti o ad un minor utilizzo del servizio pubblico.

Con deliberazione del Consiglio comunale n. 26 del 27 luglio 2020 sono state approvate modifiche al regolamento in materia di agevolazioni. In particolare è stato introdotto l'articolo 25-bis "Misure di tutela per utenze non domestiche soggette a sospensione per emergenza COVID-19". Ai sensi e per gli effetti della deliberazione ARERA 158/2020/R/RIF del 5/5/2020 “Adozione di misure urgenti a tutela delle utenze del servizio di gestione integrata dei rifiuti, anche differenziati, urbani ed assimilati, alla luce dell’emergenza da COVID-19” (pagina web ARERA https://www.arera.it/it/docs/20/158-20.htm), il Comune di Asti ha previsto specifiche disposizioni per il solo anno 2020 in materia di riduzioni tariffarie per le utenze non domestiche che sono state oggetto di sospensione dell’attività per effetto delle disposizioni contenute nei decreti emanati dal governo e nei provvedimenti adottati dalle competenti autorità, come di seguito indicato:

-  per le attività sottoposte a sospensione obbligatoria e già riaperte alla data del 5 maggio 2020 e per le attività che potrebbero risultare sospese, parzialmente o completamente di cui rispettivamente alle tabelle 1a e 2 dell’allegato A) alla deliberazione ARERA 158/2020/R/RIF:

  • riduzione della quota variabile della tariffa in misura proporzionale al numero dei giorni di effettiva chiusura. Detta riduzione viene maggiorata del suo 10%, quale ulteriore riduzione riconosciuta a seguito delle misure di contenimento adottate e la conseguente chiusura imposta alle attività nel periodo dell’emergenza. A titolo esemplificativo:

periodo di chiusura: n. 53 giorni

frazione calcolata in base ai giorni di chiusura: 53/365 = 0,1452 (riduzione 14,52%)

ulteriore riduzione: 10% di 0,1452 = 0,01452 (maggiorazione 1,45%)

riduzione+maggiorazione:14,52%+1,452% = 15,97% (riduzione complessiva spettante) 

-   per le attività sottoposte a sospensione obbligatoria e non ancora riaperte alla data del 5 maggio 2020 di cui alla tabella 1b dell’allegato A) alla deliberazione ARERA 158/2020/R/RIF:
  • attività che sono state oggetto di chiusura per un periodo inferiore a 90 giorni: riduzione forfettaria del 25% della quota variabile della tariffa;
  • attività che sono state oggetto di chiusura per un periodo complessivo superiore a 90 giorni: riduzione della quota variabile della tariffa in misura proporzionale al numero dei giorni di effettiva chiusura. Detta riduzione viene maggiorata del suo 10% quale ulteriore riduzione riconosciuta a seguito delle misure restrittive adottate. Il procedimento di calcolo è il medesimo sopra descritto a titolo esemplificativo;

-   per le utenze delle aree mercatali che sono state oggetto di chiusura obbligatoria a seguito delle misure restrittive, in considerazione della particolare tipologia di occupazione, si applicano le seguenti riduzioni della quota fissa e della quota variabile della tariffa:
  • riduzione forfettaria del 5% per le categorie di attività n. 16 (produttori agricoli), n. 27a (banchi di mercato ortofrutta) e n. 29 (banchi di mercato generi alimentari), indicate nell’allegato A) al regolamento TARI;
  • riduzione forfettaria del 16% per le categorie di attività n. 16 (banchi di mercato beni durevoli) e n. 27b (banchi di mercato di fiori e piante), indicate nell’allegato A) al regolamento TARI. 


Al fine di semplificare l’adempimento tributario, le riduzioni COVID-19 vengono applicate d’ufficio, tramite riscontro con i documenti ed informazioni in possesso del Comune, e calcolate sulla rata di saldo del tributo dovuto per l’anno 2020 sulla base delle tariffe stabilite per l’anno di riferimento. In caso di in capienza o cessazione si procederà mediante rimborso. Le predette riduzioni, in aggiunta alle altre riduzioni spettanti alle utenze non domestiche, vengono applicate in via prioritaria. Le riduzioni tariffarie in questione vengono calcolate “a valle” delle tariffe approvate per l’anno 2020 con la deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 27 luglio 2020, scaricabile nella sezione “3.1.l Atti approvazione tariffa” del presente portale di trasparenza per la gestione rifiuti. Le minori entrate conseguenti alle riduzioni COVID-19 vengono finanziate con risorse diverse dai proventi del tributo, senza gravare pertanto sulle utenze del servizio integrato dei rifiuti.



Si riportano le tariffe della TARI anno 2020 e gli articoli del regolamento relativi alle riduzioni tariffarie e riduzioni COVID-19 (cliccare sulle barre verdi che seguono):







Variabili di base per la determinazione della quota fissa e della quota variabile della TARI (dati 2016)
Generali
Rifiuti urbani prodotti: 35.531,73 t
Cluster: Poli urbani - € 38,492393
Tariffa nazionale di base: € 130,4543
Raccolta differenziata: 65%
Fattori di contesto del comune: € 71,75441
Economie e diseconomie di scala: € 0,037023
Impianti Regionali
Impianti di incernerimento e coincernerimento: 2
Impianti di trattamento meccanico biologico: 10
Discariche: 14
Distanza tra il comune e gli impianti (media ponderata con le tonnellate smaltite): 13,994 Km
Gestione rifiuti urbani negli impianti regionali
Rifiuti smaltiti in impianti di incenerimento e coincenerimento: 23,59%
Rifiuti trattati in impianti di compostaggio, digestione anaerobica e trattamento integrato: 21,62%
Rifiuti smaltiti in discarica: 24,77%
Informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

Il regolamento comunale TARI, scaricabile nella sezione "3.1.m Regolamento TARI" del presente portale di trasparenza per la gestione rifiuti, prevede all'articolo 25 specifiche disposizioni in materia di agevolazione per i soggetti in condizioni di disagio socio-economico ed in particolare:


Agevolazione per soggetti in condizioni di disagio socio-economico in carico ai servizi sociali del Comune di Asti 

1. Il Comune, nell'ambito degli interventi socio assistenziali, concede ai soggetti che beneficiano di contributi economici ordinari integrativi del reddito, così come definiti dalla deliberazione della Giunta comunale n. 406 del 1/9/2015, l'esenzione dal pagamento del tributo (riduzione del 100% della quota fissa e quota variabile della tariffa) per i locali direttamente abitati. A tal fine l'ufficio comunale competente trasmette annualmente al servizio gestione tributi gli elenchi dei soggetti ammessi al beneficio.

2. L'agevolazione di cui al presente articolo è prevista ai sensi dell'articolo 1, comma 660, della legge 147/2013.

Estremi degli atti di approvazione della tariffa per l’anno in corso con riferimento all’ambito o ai comuni serviti

Le tariffe della TARI anno 2020 sono state approvate con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 27 luglio 2020, pubblicata sul sito del Dipartimento delle finanze del Ministero dell'economia e delle finanze il 2 settembre 2020. Cliccare sulla barra verde (Delibera TARI 2020 documento del 27/07/2020 e pubblicato il 02/09/2020) per consultare la citata delibera:

Regolamento TARI o regolamento per l’applicazione di una tariffa di natura corrispettiva
Il vigente regolamento per la disciplina della TARI è stato approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 26 del 27 luglio 2020 e pubblicato sul sito del Dipartimento delle finanze del Ministero dell'economia e delle finanze il 2 settembre 2020. Cliccare sulla barra verde (Regolamento TARI 2020 documento del 27/07/2020 e pubblicato il 02/09/2020) per consultare il vigente regolamento:
Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite
Modello Semplificato F24
Gratuita
Modelli di pagamento precompilati inviati contestualmente all'avviso di pagamento

Il Comune di Asti invia ai contribuenti l'avviso di pagamento TARI con annessi i modelli di pagamento precompilati con i relativi codici e importi del tributo. I modelli di pagamento F24 possono essere pagati presso gli sportelli di banche, poste e agenti della riscossione senza commissioni di incasso. Inoltre, i pagamenti possono essere effettuati tramite i servizi di home-banking e remote-banking o avvalendosi dei servizi on line messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate Entratel-Fisconline.


Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso
Rata
Entro il
%
1° rata
16/07/2020
33,34%
2° rata
16/09/2020
33,33%
3° rata
02/12/2020
33,33%

Le prime due rate sono dovute a titolo di acconto e determinate in misura pari al 66,67% della tassa dovuta per l'anno 2019 con applicazione delle tariffe deliberate per l'anno 2019 (deliberazione del Consiglio comunale n. 72 dell'11 dicembre 2018), delle riduzioni in essere e della banca dati agli atti dell'ufficio tributi, mentre l'ultima rata viene calcolata a saldo sulla base delle tariffe stabilite per l'anno 2020 (deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 27 luglio 2020), con applicazione di eventuali agevolazioni e conguagli/compensazioni/recuperi.

Le predette deliberazioni sono scaricabili nella sezione "3.1.l Atti approvazione tariffa" del presente portale di trasparenza per la gestione rifiuti.

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

In caso di mancato o parziale versamento dell'importo richiesto alle prescritte scadenze indicate nell'avviso di pagamento, si provvederà alla notifica di un sollecito di pagamento contenente le somme da versare in unica soluzione entro il termine ivi indicato, con addebito delle spese di notifica. In caso di persistente morosità si procederà alla successiva notifica dell'avviso di accertamento con irrogazione della sanzione prevista dall'articolo 13 del D.Lgs. 471/1997 per omesso, insufficiente o tardivo versamento, oltre all'addebito di spese e interessi di mora, con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili, al tasso stabilito dal regolamento generale delle entrate tributarie, attualmente fissato nella misura pari al tasso di interesse legale di cui all'articolo 1284 del codice civile.


Ravvedimento operoso (art. 13 D.Lgs. 472/1997)

Le irregolarità e le omissioni possono essere regolarizzate dal contribuente eseguendo spontaneamente, entro precisi termini temporali stabiliti dal citato articolo 13, il pagamento della tassa dovuta, degli interessi e della sanzione in misura ridotta. Non è possibile avvalersi del ravvedimento nei casi in cui la violazione sia già stata constatata, ovvero siano iniziati accessi, ispezioni o altre attività di verifica delle quali il contribuente abbia avuto formale conoscenza (questionari o accertamenti già notificati). Il versamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, se dovuti, nonchè a quello degli interessi moratori calcolati al tasso legale annuo, con maturazione giorno per giorno (quindi con l'applicazione degli interessi per ogni giorno di ritardo dalla scadenza fino al giorno di pagamento compreso). Il versamento della somma dovuta (tributo+sanzioni+interessi) va eseguito mediante modello di pagamento F24, barrando la casella "ravvedimento". Le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente al tributo dovuto, utilizzando il medesimo codice tributo TARI 3944.



Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

Eventuali richieste di rettifica relative all'importo addebitato devono essere inviate all'ufficio tributi tramite posta elettronica ordinaria o posta elettronica certificata all'indirizzo tributi.comuneasti@pec.it o in via cartacea mediante spedizione postale all'ufficio tributi del Comune di Asti (Largo Scapaccino, 1 - 14100 ASTI) o direttamente all'ufficio protocollo dell'Ente sito in P.zza S. Secondo, 1 - ASTI negli orari di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

Per eventuali comunicazioni in merito a variazioni di indirizzo, superficie, intestazione utenza o cessazione utenza, il contribuente può contattare l'ufficio tributi che fornirà supporto nella presentazione delle relative dichiarazioni e, se dovuto, ricalcolerà l'importo dell'avviso emesso.


Cliccare sulle barre verdi che seguono per scaricare i moduli relativi a riesame avvisi, rimborsi e dichiarazioni:

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

E' possibile comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica all'indirizzo tributi.comuneasti@pec.it per ricevere gli avvisi di pagamento e le altre comunicazioni riportate nell'articolo 9 della deliberazione ARERA 444/2019/R/RIF in formato elettronico.